Domenica 3 Laghi 3 Rifugi

Anche Brunod e Pellissier al via

La spettacolare corsa in montagna prevista per domenica 14 giugno vedrà al via alcuni dei più rappresentativi nomi della corsa e dello ski-alp.
Al momento gli iscritti di spicco sono Pellissier - Brunod che correranno in staffetta: è possibile infatti scegliere fra la gara a coppie e quella individuale. Nel primo caso un concorrente percorre la tratta Valbondione - Rifugio Barbellino e il secondo effettua la seconda parte fino all'arrivo a Valbondione.
La prima salita è di 1200 metri di dislivello. Dal Rifugio Barbellino si scende alla diga omonima per poi salire al Passo del Corno a 2250 metri e dopo alcuni saliscendi il tracciato scende ripido  su Valbondione.
Gli altri grandi specialisti in gara sono Gotti che ha scelto la tratta completa come anche la Brizio.
Un'altra coppia da tenere d'occhio è la Rinaldi - Manzi ma già altri big si stanno iscrivendo.
Un premio speciale - targa d'argento - verrà assegnato al miglior tempo fra il Barbellino e il Passo del Corno.
La redazione di fondoskialp.it sarà presente sul percorso di gara per un servizio live.


Paolo Gotti vince la Cancervo-Venturosa

Oltre cento atleti al via alla gara organizzata dal Gs Orobie

Oltre cento atleti al via della quinta edizione della skyrace Cancervo-Venturosa, organizzata al meglio dal gruppo Amici delle Baite e dal Gruppo sportivo Orobie: giornata limpida ma non troppo calda, ideale per una gara di questo tipo. Start alle 8.30 dal centro di San Giovanni Bianco (a quota 415 metri) e subito un gruppetto di 8 atleti si avvantaggia sugli altri, dando vita ad una gara appassionante e con distacchi contenuti fin sul traguardo. Sulla prima vetta della giornata, il monte Cancervo (1835 metri), transita in testa Paolo Gotti (Valetudo) assieme a Fabio Bazzana (IZ skyracing) e Carlo Ratti (Falchi Lecco), a poca distanza insegue Riccardo Faverio (Gs Orobie). Nella successiva discesa Gotti prende in mano la situazione, andando ad avvantaggiarsi sui compagni di fuga sino a transitare sulla 'cima Coppi' di giornata, il monte Vanturosa (1999 metri), con un margine già rassicurante nonostante la lunga discesa ancora da percorrere. A seguire sul Venturosa transitano Ratti, Bazzana, Colombo e Faverio. Nei 9 chilometri di discesa finali Gotti controlla e va a vincere in solitudine, con 1'30" di vantaggio su Massimo Colombo (Valmadrera), autore di una splendida rimonta in discesa ed a Carlo Ratti che completa il podio. Seguono a poca distanza Bazzana e Faverio. Primo over 50 Gianfranco Baldaccini (Gs Orobie), 13° assoluto. Nella gara in rosa successo per Lisa Buzzoni, su Giuliana Arrigoni ed Ester Scotti. Nella speciale classifica per società, ottenuta sommando i tempi dei migliori 5 atleti, vittoria del Gs Orobie, con un solo minuto di margine sull'Iz Skyracing, terzo posto per Valetudo Skyrunning.


Massimo Galliano primo al Vertical del Monviso

In campo femminile vittoria di Alma Rrika

Dopo due anni di maltempo finalmente una splendida giornata di sole per la terza edizione del Monviso Vertical Race. E finalmente 'agibile' il tracciato originale ormai consolidato in 4,175 metri di lunghezza per i 'canonici' 1000 di dislivello. Segnalati con appositi cartelli i 6 'muri' di circa 200 metri di lunghezza che caratterizzano la fatica crissolese: Culubrira, Intermedia, Furnai superiori al 35%, poi si sale più dolcemente su Seggiovia, Granero e Ghincia comunque superiori al 30%. Ultimi 500 metri a tratti ancora innevati ma in condizioni ottimali grazie al grande lavoro dell’organizzazione (la Podistica Valle Infernotto e la Pro Loco di Crissolo) che ha provveduto a spalare una apposita 'trincea'. 152 partenti con grande lotta in campo maschile: vittoria di Massimo Galliano del Roata Chiusani (in 39'13"), atleta alle dipendenze tecniche di Beppe Viale, già componente della nazionale e vincitore della Coppa del Mondo a squadre, davanti a Giovanni Gerbotto suo compagno di squadra (in 39'29"), conosciuto nel mondo dello sci alpinismo ma ormai habitué delle skyrunning, terzo Fabio Bonetto (39'41") giovane promessa dell’Atletica Val Pellice, quarto Paolo Bert (41'03"), il campione di casa, tesserato per la Podistica Valle Infernotto, vincitore di numerose sky race in giro per il mondo. E’ stato Galliano a 'menare la danza', correndo anche sulle pendenze più impegnative, tallonato da Gerbotto e Bonetto, sempre a poche decine di metri su tutto il percorso. Non è stato record ma la giornata è stata, per fortuna, più calda che nelle precedenti edizioni. Il livello tecnico è stato comunque impressionante: 43 atleti sotto i 50 minuti e 125 sotto l’ora. In campo femminile vittoria in scioltezza di Alma Rrika (Tranese), ovviamente una specialista. Per lei vita più facile con tempo finale di 47’18” davanti alla rappresentante del Baudenasca, Marina Plavan  (51'12") che evidenzia doti di scalatrice estrema, con Daniela Bonnet del Val Pellice (53'26") ad occupare il terzo gradino del podio.
 


Domenica tornano le 'Skyrunner World Series'

Maratona alpina nei Paesi Baschi

Dopo il debutto ad aprile in Costarica le 'Skyrunner World Series' fanno tappa nei Paesi Baschi. Gara durissima, quella di domenica 24 maggio, una 'maratona alpina' con i 'classici' 42,195 chilometri, ma con dislivello complessivo di oltre 5000 metri. Partenza ed arrivo ai 296 metri di Zegama, con passaggio in quota ai 1551 di Aitxurri. Nella gara d'apertura in Costa Rica si era imposto il messicano quarantenne Ricardo Mejia, davanti al 'local' Juan Ramón Fallas e all'azzurro Paolo Larger, mentre in campo maschile grande prestazione di Emanuela Brizio sul gradino più alto del podio davanti all'andorrana Stefanie Jiménez e all'altra italiana Daniela Vasalli.