Millet lancia una scarpa da trail limited edition per i Giochi di Parigi

Dalla Francia per la Francia. Millet, marchio di abbigliamento francese da oltre 100 anni punto di riferimento per tutti gli appassionati del mondo outdoor, rende omaggio alla sua terra con una nuova edizione limitata disegnata in occasione della trentatreesima edizione dei Giochi Olimpici, quelli di Parigi 2024, che si terrà dal 26 luglio all’11 agosto. 

In onore di questa occasione speciale il marchio verticale francese rende unica la sua scarpa Intense, la prima calzatura da corsa e trail running Made in France sviluppata presso lo stabilimento automatizzato Advanced Shoe Factory 4.0 del gruppo Chamatex nell’Ardèche - vestendola dei colori della bandiera della Francia. 

La limited edition tutta francese che combina performance e innovazione tecnologica è realizzata in tessuto Matryx leggero e traspirante che le conferisce tenuta, traspirabilità e elevata resistenza all’abrasione, l’intersuola è in EVA 25% riciclato mentre la suola è di Michelin. La purezza del bianco, il blu cobalto e il rosso fiammante colorano questa special edition con i colori della bandiera francese.

millet.com 


Experience Wild, la prima Altra con drop positivo

Si chiama  Experience Wild ed è la prima scarpa da trail del marchio statunitense con drop positivo. Il differenziale tallone-punta è infatti di 4 millimetri che variano dal 28/32 mm delle numerazioni maschili al 30/26 mm di quelle femminili. Experience Wild dunque abbandona il drop zero, mantenendo tutte le altre caratteristiche che hanno reso famosa Altra, a partire dall'ampio toe box. L'intersuola è in EVA a compressione e la suola MaxTrax. Experience Wild è in vendita a 150 euro.

 

  • Peso: DONNE 246 g, UOMINI 283 g 
  • Intersuola: Schiuma EVA leggera e modellata a compressione 
  • Suola: MaxTra
  • Ammortizzazione: Media 
  • Altezza Stack: DONNE 26mm/30mm, UOMINI 28mm/32mm 
  • Drop tallone punta: 4mm 
  • Tomaia: Mesh 
  • FootShape: Standard 

altrarunning.eu


Wanaka BOA, lo speed hiking secondo Millet

Le scarpe Millet Wanaka BOA® sono un'ottima scelta per il fast hiking. Progettate per gli escursionisti che cercano la velocità su tutti i tipi di terreno, soprattutto quelli tecnici, queste scarpe offrono prestazioni eccezionali. La loro efficacia sui terreni alpini è particolarmente notevole, grazie alla combinazione della suola Michelin e della costruzione della tomaia con il BOA® Fit System.

La suola Michelin è stata progettata in esclusiva per questo modello con l’obiettivo di resistere alla deformazione e all’abrasione anche sui terreni più sconnessi.  Il design del battistrada garantisce una trazione progressiva e una stabilità perfetta anche sui terreni. Infine, i tasselli lamellati offrono un grip superiore a chi cerca alte prestazioni e sicurezza, passo dopo passo.

La tomaia con il BOA® Fit System offre invece una calzata di precisione micro-regolabile, migliorando le prestazioni dell'escursionista su tutti i terreni. Questo collegamento con l'intersuola garantisce un blocco superiore del tallone, favorendo una maggiore agilità e resistenza. L'avvolgimento sicuro del BOA® Fit System consente di effettuare escursioni prolungate senza dolore provocato dai punti di pressione, offrendo forza e durata per resistere a potenziali impatti con le rocce. www.millet.com


Sabato 27 aprile la Ride Sportler-Bergamont a Carugate per pulire l'ambiente e la natura

Nell'ambito del programma di eventi organizzati dal nuovo store Sportler  di Milano Carugate, il retailer alto-atesino propone il 27 aprile una Ride di raccolta dei rifiuti, con l’obiettivo di pulire l’ambiente e la natura, in  collaborazione con Plastic Free Ride e il brand Bergamont, specializzato  in biciclette.  È un’attività perfetta per famiglie con bambini e ragazzi che  condivideranno una missione e un’attività sportiva nella natura. 

«Si tratta di un’attività ad impatto -1. Oltre a essere senza nessun impatto  in quanto è un’attività che prevede l’utilizzo di una bici, l’ambiente circostante ne trae giovamento in quanto viene completamente ripulito»  commenta Plastic Free Ride, il gruppo di rider che ha creato il progetto nel  2019 e a oggi ha già ripulito 8.150 km e raccolto più di 7.000 bottiglie.  Il progetto nasce nel 2019 da due rider che amano viaggiare liberi. Liberi  come solo la bicicletta fa sentire, e liberi dall’inquinamento che si trova su strade e sentieri. I rider viaggiano in sella alle bici, con pinza e carrello, per  ripulire dai rifiuti. Lo fanno per parlare alle persone con gesti concreti, e  per fare la propria parte nella difesa degli ambienti naturali. 

Dettagli del programma 

Ore 9 - ritrovo presso SPORTLER Milano Carugate;
Ore 9.30 - presentazione attività di Plastic Free Ride;
Ore 10 - partenza ride: verrà fornita una pinza e una sacca dove riporre i rifiuti che verranno raccolti. Si percorreranno diversi km di strade e ciclabili lungo dei percorsi precedentemente studiati, cercando di ripulirli  al meglio.
Ore 13 - si rientrerà poi allo store per pesare e differenziare tutti i rifiuti  raccolti per poi concludere al meglio con un meritato rinfresco. 

Iscrizione: gratuita su SPORTLER App (disponibile su Google Play e App Store) 


ASICS Trail Elite Factory: alla ricerca dei giovani talenti del trail running

Scoprire giovani talenti appassionati di corsa in montagna e accompagnarli in un percorso di crescita e condivisione. È quello che si propone ASICS Trail Elite Factory: un programma rivolto ai giovani dai 18 ai 28 anni, ideato per individuare i futuri talenti del trail running. A ogni gara verranno selezionati due Brand Ambassador che firmeranno un contratto di un anno come ASICS Ambassador e potranno beneficiare di un supporto professionale e di consigli degli esperti oltre a ricevere un kit abbigliamento e calzature ASICS.

Partecipare alla selezione, aperta fino al 27 ottobre, è semplice: dopo essersi iscritti a una delle tre gare sponsorizzate da ASICS (Malcesine Baldo Trail 50K Ultra, Trail delle Mura e Amastuola Wave Trail), si può partecipare al casting compilando il form sul sito www.asicstrailelitefactory.it . Tra i requisiti presi in esame dalla giuria, la creatività e originalità dei contenuti social e la vicinanza ai valori ASICS. Una grande opportunità per chi vuole condividere la propria passione per il trail running lasciandosi ispirare dalla filosofia di ASICS (Anima Sana In Corpore Sano), ma anche incoraggiando a propria volta altre persone a fare sport e liberare la mente. «Siamo felici di lanciare la prima edizione di ASICS Trail Elite Factory in Italia e sostenere la crescita di giovani promesse del trail running - ha detto Elena Bosticardo, Head of Marketing di ASICS Italia - Saremo al fianco dei sei atleti selezionati con un programma ricco di opportunità, in primis il supporto tecnico grazie ai nostri esperti ed atleti, fino ad una fornitura di prodotto che permetterà loro di correre e allenarsi con le nostre migliori tecnologie. ASICS è stata fondata sulla convinzione che lo sport abbia il potere di liberare la mente e siamo convinti che con ASICS Trail Elite Factory potremo continuare a perseguire questo scopo».

Malcesine Baldo Trail (Verona) è in programma il 4 maggio, il Trail delle Mura (Verona) il 31 agosto e l’Amastuola Wave Trail (Massafra, TA) il 27 ottobre. 


Arriva Topo Athletic MT-5

Un unico modello, per un utilizzo door to door, ideale per affrontare i sentieri di montagna dalla corsa all’escursionismo leggero, ma anche per un contesto ibrido dall’asfalto al trail. Grazie all’introduzione di nuove funzionalità, MT-5 si conferma la proposta più versatile della collezione Topo Athletic, rivolta a chi sia alla ricerca di un'opzione abbastanza ammortizzata da sfruttare su terreni da misti a moderati. 

L’altezza da terra (28 mm x 25 mm) e il relativo drop (5 mm), infatti, aumentano rispetto alla precedente edizione per rendere la scarpa più accessibile, confortevole e protettiva soprattutto per i trail runner ai primi approcci con i drop bassi. 

La calzata è quella che ha reso popolare Topo Athletic: l’ampio spazio in punta consente alle dita di distendersi e attivarsi, mentre il piede resta comunque stabilmente sicuro nella parte centrale e nell’area del tallone, favorendo così una rullata agile. 

Come Ultraventure 3, si avvale della stessa intersuola di nuova generazione in ZipFoamTM, la performante mescola brevettata dal marchio a doppia densità, in grado di garantire maggiore morbidezza, leggerezza e reattività. Sempre dal modello riprende la suola Vibram XS Trek EVO per assicurare un’ottima trazione su vari terreni puntando su flessibilità e alleggerimento del peso. 

La tomaia, invece, torna in mesh tradizionale, per la massima resistenza, con l’integrazione di un rocker della punta migliorato per permettere una transizione rapida e offrire una corsa o camminata più fluida. MT-5 utilizza, inoltre, materiali riciclati nella tomaia, nella fodera, nel plantare e nell'intersuola.

È dotata di due attacchi sul tallone e di un terzo anello alla base della linguetta compatibili con la ghetta performance del brand americano, insieme ad alette distanziate sulla suola per un contrastare l’accumulo di fango, detriti e neve. 

La scarpa è ora disponibile su topoathletic.it e nei punti vendita specializzati.

 

DETTAGLI TECNICI 

PESO: 272 g (taglia 9 M) - 221 G (taglia 7 W) 

DROP: 5 mm

SUOLA: 6 mm Vibram® XS Trek EVO

INTERSUOLA: 18 mm (tacco) // 13 mm (punta)

PLANTARE: 5 mm Ortholite®

ALTEZZA TOTALE: 28 mm x 23 mm

PREZZO CONSIGLIATO: € 165 


Bonnet rinnova con Salomon

Ha appena concluso una stagione scialpinistica strepitosa e già pensa a una altrettanto strepitosa stagione nel mondo del trail running. Naturalmente stiamo parlando di Rémi Bonnet che ha rinnovato con lo sponsor tecnico Salomon per la stagione estiva. Continuerà a correre con un kit completo da trail running di Salomon, che comprende calzature, abbigliamento e gilet da corsa.

Bonnet, 28 anni, è con Salomon da quando aveva solo 20 anni e ha vissuto il suo primo successo professionale utilizzando un kit completo di scarpe, abbigliamento e attrezzatura Salomon. «Rémi incarna realmente il DNA di Salomon», ha affermato Vincent Viet, Manager dell’International trail running team Salomon. Bonnet ha fatto parte del team di sviluppo prodotti Salomon per diversi anni, collaborando con la ricerca e lo sviluppo all'interno del brand per creare calzature tecniche, abbigliamento e borse progettate per gare di trail running da 20 a 40 chilometri, tra cui la recente S/LAB Pulsar 2, che utilizza per la maggior parte delle sue gare.

La stagione 2023 è stata quasi perfetta per Rémi Bonnet. Ha conquistato il titolo nella Golden Trail World Series salendo sul podio in tre gare. Ha vinto la Marathon du Mont-Blanc con un tempo record (3h35'), poi ha battuto il record della Pikes Peak Ascent, che resisteva da 30 anni, di 46 secondi in 2h00'20". Ha ottenuto un'altra vittoria negli Stati Uniti al Mammoth Trail Fest, rimanendo in testa quasi dall'inizio alla fine. Con un largo margine di vantaggio nella Finale del GTWS a Il Golfo dell'Isola, in Italia, si è piazzato al quarto posto e si è aggiudicato il titolo di Campione della stagione per il secondo anno consecutivo. L'unico momento negativo è stato a Sierre-Zinal, dove si è sentito male ed è stato costretto ad abbandonare la gara. «Il record della Pikes Peak è stata una scommessa folle, ma ho dato tutto me stesso, con un intenso allenamento specifico, che ha incluso molto tempo in alta quota, ed è stato fantastico dimostrare che questo record poteva essere battuto» ha raccontato Bonnet. «Sierre-Zinal sarà il mio obiettivo per la stagione 2024. Spero di poter mostrare lì la migliore versione di me stesso. Sono sempre felice quando vinco una gara, ma sono sempre concentrato sui miei prossimi obiettivi e cerco di non guardare mai troppo al passato. Lo farò quando la mia carriera sarà finita».


Ancora Francia nella Mixed Relay delle finali di Coppa del Mondo

Il sigillo della Francia nell’ultima giornata delle Finali della Coppa del mondo 2023-2024 di scialpinismo, andata in scena oggi a Cortina Ampezzo. L’atto conclusivo è stato dedicato alla Mixed Relay, la gara a squadre, con teatro di gara lo spettacolare tracciato di Col Gallina, nei pressi del Passo Falzarego: 1,47 chilometri di sviluppo, 150 metri di dislivello, due salite e due discese impegnative, con cinque cambi di assetto. Dopo tre giornate di splendido sole e di temperature estive, l’ultima giornata di Cortina SkiMo Cup si è disputata in condizioni prettamente invernali: sotto una fitta nevicata e con costanti raffiche di vento.

Dopo aver vinto il Vertical e l’Individual con Axelle Gachet Mollaret nelle prime due giornate e le sprint con Emily Harrop e Thibaut Anselmet nella terza giornata, la Francia si è portata a casa anche la Mixed Relay (due giri a testa per ogni atleta), con gli stessi Harrop e Anselmet. Mai stata in discussione la vittoria dei due transalpini che hanno imposto il loro ritmo fin dai primi metri, aumentando progressivamente il vantaggio. Alla fine, vittoria bianco-rosso-blu con 8” di distacco sugli austriaci Johanna Hiemer - Paul Verbnjak, gli unici a tentare di resistere ai battistrada, e con 30” sugli azzurri Alba De Silvestro – Michele Boscacci. Per gli azzurri si tratta del terzo podio stagionale dopo le vittorie di Boí Taüll, sui Pirenei spagnoli, e di Val Martello. Il piazzamento odierno permette all’Italia di conquistare la coppa di specialità e di concludere al terzo posto nella graduatoria finale complessiva per nazioni, con 3.345 punti, alle spalle di Francia (3.765) e Svizzera (3.714).

«Sono davvero soddisfatta della mia stagione, erano parecchi inverni che non facevo un’annata di così alto livello» ha commentato Alba De Silvestro. «Ho chiuso al secondo posto nella coppa di Vertical, seconda anche nell’Individuale e terza nella generale. Questo podio a Cortina è la ciliegina sulla torta di una stagione che mi ha vista anche conquistare l’argento nel Vertical agli Europei».

«Gli avversari erano veramente forti oggi» così Michele Boscacci. «Noi abbiamo lottato dal primo all’ultimo metro, difendendo con le unghie e coi denti questo terzo posto che vale tanto».

Positivo il bilancio dell’organizzazione. «Questa terza edizione di Cortina SkiMo Cup, abbinata alle finali della Coppa del Mondo, era per noi un orgoglio e una sfida» ha sottolineato Michele Di Gallo, direttore generale di Fondazione Cortina. «I riscontri che abbiamo ricevuto sono stati positivi, credo che questa sfida l’abbiamo vinta. Un bel successo organizzativo dal quale vogliamo partire per continuare a investire nello scialpinismo, disciplina che a Cortina trova un territorio dalle grandissime potenzialità».


Ad Anselmet e Harrop Coppa della Sprint e generale

Risuona la Marsigliese tra le Dolomiti Ampezzane, dove oggi la Cortina Skimo Cup, evento valido per le Finali della Coppa del mondo 2023-2024 di scialpinismo, ha celebrato la terza giornata, dedicata alla Sprint, ultima gara individuale del circuito.

Sullo spettacolare tracciato di Col Gallina, poco sotto il Passo Falzarego, è stata la Francia a primeggiare sia in campo maschile che femminile. 

Tra gli uomini, davanti a tutti Thibault Anselmet che ha preceduto lo svizzero Arno Lietha di 3″47, e un altro rossocrociato, Loic Dubois, di 8″30. In quarta e quinta posizione, rispettivamente, lo spagnolo Iñigo Martinez de Albornoz e il francese Florian Sautel. Giovanni Rossi e Nicolò Ernesto Canclini, undicesimo e dodicesimo, sono stati i primi azzurri.

Con la vittoria nella Sprint di Cortina, Anselmet ha messo il sigillo sia alla Coppa di specialità sia a quella generale complessiva. Il primo degli azzurri sia nella graduatoria sprint sia in quella generale è Nicolò Canclini, dove occupa rispettivamente la sesta e la quinta posizione. 

Per quanto riguarda le ragazze, sul primo gradino del podio è salita Emily Harrop. L’atleta francese ha preceduto la svizzera Marion Fatton di 6″80 e la connazionale Célia Perillat-Pessey di 8”71. A completare la top five la tedesca Tatjana Paller e un’altra elvetica Caroline Ulrich. Decima la prima delle azzurre, la lombarda Giulia Murada. Anche per Emily Harrop il successo cortinese mette il sigillo a una stagione da dominatrice che la vede imporsi nella coppa della Sprint, in quella dell’Individual e in quella generale. Nella graduatoria generale trova un posto sul podio l’azzurra Alba De Silvestro al terzo posto, alle spalle delle francesi Emily Harrop e Célia Perillat-Pessey. 

Le Finali della Coppa del Mondo di scialpinismo, organizzate da Fondazione Cortina in stretta collaborazione con Guide Alpine Cortina, Scoiattoli Cortina e Sci Club Cortina, e con il supporto delle società impianti Ista Spa e Lagazuoi Spa, si concluderanno domani, mercoledì 10 aprile, con la Mixed Relay. Teatro di gara della gara a squadre (due atleti) sarà il tracciato di Col Gallina. Il via è previsto per le 8.40. 

La gara potrà essere seguita in diretta streaming al seguente link: https://www.youtube.com/live/hjUp2r_ztdg?si=G7xmjxF4nDpR_4lY.

Al termine della gara ci saranno le premiazioni di giornata e quelle generali complessive della Coppa del Mondo. 

Per gli spettatori, gastronomia e musica al PalaSkiMo Delicious, la tensostruttura creata grazie alla sinergia tra Fondazione Cortina, Cortina Delicious e ISTA Ski Area, aperta dalle 10.30 al tardo pomeriggio. 


Bis di Bonnet e Gachet-Mollaret nell'individual delle finali di Coppa del Mondo. Alba De Silvestro seconda nella coppa di specialità

Dopo aver vinto la gara inaugurale di Cortina Skimo Cup, il Vertical di sabato 6 aprile, Rémi Bonnet e Axelle Gachet-Mollaret hanno imposto la propria legge anche nella seconda giornata delle Finali della Coppa del mondo di scialpinismo, l’Individual di oggi. Tracciato vario, quello di Col Gallina: un giro di 6,5 chilometri (dislivello positivo di 700 metri) da percorrere due volte, con passaggi di grande suggestione come quello nella galleria risalente alla Grande Guerra e il transito a 2.518 metri di Croda Negra, “tetto” della gara.

La gara maschile ha visto il dominio – l’ennesimo della stagione – di Rémi Bonnet: l’elvetico ha imposto il proprio ritmo fin dai primi metri, andando a vincere in perfetta solitudine con il tempo di 1h26’24. La piazza d’onore è firmata Italia con Davide Magnini, secondo a 1’26”3 dal vincitore. Terza piazza per William Bon Mardion, al traguardo con un ritardo di 2’16”6. A completare la top five un altro transalpino, Xavier Gachet, e Michele Boscacci. 

Sfumature bianco-rosso-blu sulla gara femminile: a dominare sulle nevi ampezzane è stata infatti la Francia con una doppietta: Axelle Gachet-Mollaret a imporsi con 1’44” sulla connazionale Emily Harrop. A completare il podio (che le era sfuggito nel Vertical, concluso in quarta posizione) Alba De Silvestro, terza a 4’46”5. 

Al termine delle gare si sono svolte le premiazioni di giornata dell’Individual e quelle del Vertical ma anche quelle relative alle classifiche finali delle due specialità. Nel Vertical vittoria finale per Rémi Bonnet sul connazionale Werner Marti (oggi all’ultima gara di Coppa del Mondo)e sul francese Thibault Anselmet e per l’austriaca Sarah Dreier su Alba De Silvestro ed Emily Harrop. 

Per quanto riguarda l’Individual, in campo maschile successo per Rémi Bonnet davanti al francese Xavier Gachet e al belga Maximilien Drion du Chapois, tra le donne per Emily Harrop su Alba De Silvestro ed Axelle Gachet Mollaret. 

La Cortina SkiMo Cup – Finale della Coppa del Mondo 2023-2023 prevede per lunedì 8 aprile una giornata di riposo prima delle due giornate conclusive che saranno martedì 9 aprile, dedicata alla Sprint e mercoledì 10, dedicata la Mixed Relay. Entrambe le gare si svolgeranno con partenza e arrivo a Col Gallina ed entrambe saranno trasmesse in diretta streaming sul canale Youtube dell’Ismf, la federazione internazionale dello scialpinismo. 

Link per la Sprint: https://www.youtube.com/live/hjUp2r_ztdg?si=iMrd1evnB1n1TK4h

© Cortina Skimo Cup/Maurizio Torri

Bonnet e Gachet-Mollaret dominano il Vertical di Cortina, la Coppa di specialità femminile a Sarah Dreier

Oggi a Cortina d’Ampezzo è andato in scena il Vertical che ha aperto le finali della Coppa del Mondo ISMF di scialpinismo. Un Vertical che proponeva 2,6 chilometri di sviluppo e 680 metri di dislivello, con il via da Col Gallina, a quota 2.054 e arrivo su una delle vette di maggior suggestione ambientale e storia delle Dolomiti Ampezzane, il Lagazuoi, a quota 2.734.

Senza storia la gara maschile: l’elvetico Rémi Bonnet, dominatore della specialità, ha iniziato una cavalcata in solitaria che lo ha portato a vincere in 24’05”. Alle sue spalle, due connazionali: Werner Marti, staccato di 33”, e Aurélien Gay, al primo podio nella specialità, al traguardo con un ritardo di 36”1. A completare la top five gli austriaci Christof Hochenwarter (+43”) e Daniel Ganahl (+51”). Altri due svizzeri nella top ten, a completare un autentico trionfo rossocrociato: i gemelli Robin e Thomas Bussard, rispettivamente sesto e settimo. «Pendenze impossibili oggi, le gambe bruciavano ma la vista che il tracciato offriva era stupenda e ha reso meno dura la fatica» così il vincitore, Rémi Bonnet. «Dal 2021 vinco tutti i vertical? Sì, è vero e spero di continuare a farlo il più a lungo possibile». Appena fuori dalla top ten il primo degli azzurri, Alex Oberbacher, undicesimo a 1’24” dal vincitore.

Senza storia anche la gara femminile. Davanti a tutte la francese Axelle Gachet-Mollaret: la transalpina ha tagliato per prima il traguardo fermando le lancette del cronometro sul tempo di 27’35”. La seconda classificata, l’austriaca Sarah Dreier ha accusato un ritardo di 1’24”. Per lei una piazza d’onore che le regala il successo nella coppa di specialità. Terza piazza di giornata per la svedese Tove Alexandersson, a 1’36”dalla vetta. «Non ero sicurissima della mia condizione ma il tracciato mi si addiceva molto, con pendenze davvero impegnative» ha commentato la vincitrice Axelle Gachet-Mollaret. «Subito dopo la partenza ho preso il comando e tutto si è svolto in maniera perfetta. Sono davvero contenta di aver chiuso la stagione dei vertical con questa vittoria».

Quarta la prima delle azzurre, Alba De Silvestro, staccata di 2’02” e seconda nella classifica finale di specialità, quinta la leader della generale Emily Harrop. Altre due azzurre nella top ten: Giulia Murada, settima, e Lisa Moreschini, nona.  «Le prime tre hanno fatto una gara nella quale io non sono mai entrata» commenta Alba De Silvestro. «Nonostante ciò, nel finale mi sono avvicinata tantissimo e chiudere nelle tre non mi sarebbe dispiaciuto affatto per l’ultimo vertical di stagione. In ogni caso mi porto a casa un quarto posto che vale molto. Ottenuto nella gara di casa, in uno scenario di bellezza incomparabile».

Domani appuntamento con l’Individuale, con partenza e arrivo a Col Gallina. Durante le giornate di gara, in finish area Col Gallina, tifosi e appassionati potranno divertirsi al PalaSkiMo Delicious, una tensostruttura creata grazie alla collaborazione tra Fondazione Cortina, Cortina Delicious e ISTA Ski Area. Il PalaSkiMo Delicious sarà aperto tutti i giorni di gara dalle 10.30 al tardo pomeriggio e offrirà una vasta gamma di proposte enogastronomiche e musica.

cortinaskimocup.com

© Cortina Skimo Cup 2024/Maurizio Torri

Da sabato le finali della Coppa del Mondo di scialpinismo a Cortina

A Cortina d’Ampezzo è tempo di scialpinismo. La Cortina Skimo Cup, evento che in questo 2024 è valido per le finali della Coppa del mondo è in programma da venerdì 5 a mercoledì 10 aprile. Si comincia nella serata di venerdì 5 con la cerimonia inaugurale per continuare sabato 6 con il Vertical, domenica 7 con l’Individual, martedì 9 con la Sprint e mercoledì 10 con la Mixed Relay. 

Un programma intensissimo quello curato da Fondazione Cortina (l’ente organizzatore dei grandi eventi sportivi nella conca ampezzana e braccio operativo regionale veneto per le Olimpiadi e Paralimpiadi Invernali di Milano Cortina 2026).

Gli atleti in gara saranno 165, in rappresentanza di 26 nazioni: Italia, Andorra, Australia, Austria, Belgio, Brasile, Canada, Cile, Cina, Colombia, Repubblica Ceca, Spagna, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Giappone, Olanda, Norvegia, Polonia, Romania, Slovenia, Svizzera, Slovacchia, Svezia, Stati Uniti. 23 saranno gli azzurri al via. La prova inaugurale, il Vertical, si svolgerà sabato 6 aprile da Col Gallina, poco sotto il passo Falzarego, fino alla stazione d’arrivo della funivia del Lagazuoi: i chilometri di sviluppo sono 2,6 mentre i metri di dislivello 680. La partenza della gara maschile è prevista per le 9.30, quella delle ragazze alle 10.15. Al termine, Flower Ceremony nei pressi dell’arrivo. Grazie alla collaborazione con la società Lagazuoi Spa, il pubblico potrà salire al Lagazuoi con una speciale corsa andata/ritorno al prezzo di 15 euro. Per la giornata del 6 aprile è prevista una limitazione al traffico, nei pressi della zona partenza, della strada regionale 48 dalle 9.15 alle 10.30. 

La gara del giorno successivo, l’Individual (nella foto in apertura di Matteo Agreiter, la ricognizione del percorso degli azzurri Hermann Debertolis e Matteo Sostizzo per conto di Skialper) di domenica 7 aprile, si svolgerà con partenza e arrivo nei pressi del rifugio Col Gallina: il tracciato, da percorrere due volte, sarà di 6,5 chilometri, con un dislivello di 700 metri. Il punto più alto è costituito dalla cima della Croda Negra, a quota 2.518. Il via è previsto alle 9.30 per gli uomini, alle 10.15 per le donne. A partire dalle 12.30 si svolgeranno, in zona arrivo, le premiazioni di giornata e quelle delle classifiche finali di Vertical e Individual.

Le due ultime gare, la Sprint di martedì 9 (partenza alle 9.30) e la Mixed Relay di mercoledì 10 aprile (il via alle 8.40), si disputeranno sulla pista Ovest 6 Col Gallina: la Sprint su un tracciato di 746 metri di sviluppo e 70 metri di dislivello, la Mixed Relay su un tracciato di 1,47 chilometri e 150 metri di dislivello. Anche in questo caso le premiazioni, di giornata e finali, si svolgeranno a partire dalle 12.30. 

Per l’Individual saranno allestiti alcuni spazi adibiti al pubblico lungo il percorso, mentre Sprint e Mixed Relay possono essere viste comodamente dalla Finish Area di Col Gallina negli spazi adiacenti e lungo il percorso nelle zone dedicate.

Per tifosi e appassionati, durante le giornate di gara in finish area Col Gallina funzionerà il PalaSkiMo Delicious, una tensostruttura creata grazie alla sinergia tra Fondazione Cortina, Cortina Delicious e ISTA Ski Area per valorizzare le eccellenze enogastronomiche del territorio, celebrare la tradizione culinaria ampezzana e festeggiare le Finali di Coppa del Mondo per la prima volta a Cortina d’Ampezzo. Al PalaSkiMo Delicious, aperto tutti i giorni di gara dalle 10.30 al tardo pomeriggio, non mancherà la musica. I momenti clou saranno le giornate di sabato 6 e di mercoledì 10, dedicate agli “aprés-skimo”. 

Le Finali di Coppa del Mondo prenderanno ufficialmente il via nella serata di venerdì 5 aprile: a dare il la all’evento sarà la sfilata delle nazioni partecipanti che avverrà, con l’accompagnamento del Corpo Musicale di Cortina d’Ampezzo, a partire dalle 18.15, nel centralissimo Corso Italia. Seguirà la cerimonia di inaugurazione in piazza Angelo Dibona. 

Info: cortinaskimocup.com

© Matteo Agreiter