Skialper 145

PREVIEW

SKIALPER 145 - RIPENSARE

«Sono salito sulla cattedra per ricordare a me stesso che dobbiamo sempre guardare le cose da angolazioni diverse. E il mondo appare diverso da quassù. Non vi ho convinti? Venite a vedere voi stessi. Coraggio! È proprio quando credete di sapere qualcosa che dovete guardarla da un’altra prospettiva» 

John Keating
nel film L’attimo fuggente

GAVERLAND

Una località sciistica abbandonata e lontana dalle grandi rotte del turismo, un albergatore che ha resistito alla chiusura degli impianti, pendii sciabili a perdita d’occhio. Benvenuti nel parco giochi dello scialpinismo.

HUMAN POWER IS THE NEW TRENDY

A Montespluga ha aperto quello che probabilmente è il primo comprensorio a misura di scialpinismo d’Europa, con servizi ad hoc, a partire dalla sicurezza. E noi di Skialper siamo stati d’ispirazione.

LA NEVE NON È UN PROBLEMA

In anni di cambiamento climatico, c’è un angolo di Friuli Venezia Giulia, tra Sella Nevea e Tarvisio, dove le nevicate sono da record e ognuno può trovare la sua traccia solitaria.

SEMPRE UGUALI. SEMPRE DIVERSI

Ode allo sci nel bosco. Che poi si fa presto a dire boschi e invece sappiamo che ne esistono  di diversi. E per ognuno uno sciare, che è diverso. Certo, è vero che ci sono boschi dove non fai proprio tante curve. Però una certa esperienza nel muoversi tra gli alberi bisogna pur averla. Così come a individuare la radura giusta dove lasciarli correre, quegli sci.

ACCANIMENTO TERAPEUTICO

Seggiovie e skilift chiusi per sempre o tenuti in vita artificialmente sono diventati un leitmotiv di Alpi e Appennini. Da 15 anni il rapporto Nevediversa di Legambiente è un censimento della situazione, dei problemi, dei trend e delle (poche) buone pratiche.

LIVIGNO EXPERIENCE

Anche in un anno avaro di neve, gli itinerari freeride raggiungibili dagli impianti sanno regalare qualche gioia e il bollettino valanghe pubblicato dall’APT aiuta a sciare in sicurezza.

DR. JEKYLL L & MR. RATTI 

Nato alpinista, a suo agio sul misto tecnico, Francesco Ratti, nonostante le sue sensazioni, sfoggia uno stile innato anche nello sci di montagna.

L’ULTIMA DISCESA DI DON SLAVINA

Don Claudio Sacco, già cappellano a Cortina, ha sciato diverse linee dolomitiche di ripido. Era soprannominato Don Slavina, non come avvertimento per i pericoli che correva, ma come omaggio alla tecnica da lui adottata di far staccare con gli sci le slavine nella parte alta dei canali prima di sciarli.

CAMBIO CANALE

Come in uno zapping dello sci in couloir, il versante settentrionale del Cristallo, sopra Cortina, offre diverse possibilità di sciare nelle ripide forcelle dolomitiche. Storia di una giornata partita con l’idea di fare il Prete e finita sull’Adriana.

PROVE E ANTEPRIME

Siamo stati in Austria a provare la gamma sci (e scarponi) 2023/24 Backland di Atomic, interamente riprogettava per essere più sostenibile. Poi abbiamo messo ai piedi e, se non possibile, al banco, buona parte delle altre novità, oltre allo scarpone da ghiaccio G-Tech di La Sportiva, alle pelli Kohla Vertical, a zaino Voyager e  e casco Ski Raptor di Camp.

Una vecchia stazione della telecabina trasformata in hotel di design, un simpatico decalogo per combattere il freddo, una ricetta salata per recuperare le energie dopo la gita, playlist, libri e tanti curiosi oggetti artigianali o realizzati con sci e giacche nella sezione Après-ski.


Skialper 144

PREVIEW

SKIALPER 144 - UNEXPECTED

Arriverà un giorno come nessun altro e ciò che accade non si ripeterà mai più. 

Dalla locandina del film
Un giorno da leoni

POINT BREAK

Alle isole Lofoten si passa con disinvoltura da una curva nella neve a un floater su un’onda marina in un ideale punto di rottura tra stati fisici, equilibri ed emozioni.

BREITHORN EXPERIENCE

Una giornata a spasso per montagne con François Cazzanelli, a quota quattromila alla ricerca delle prime sensazioni invernali e tentando di capire se siamo realmente pronti ad affrontare la stagione. Con la scusa di fare quattro domande a Franz.

CAUCASO FRONTIERA BIANCA

Esistono ancora posti dove le persone sono pronte ad accoglierti in casa loro e a trattarti come un parente, senza fare troppe domande. E la neve cade a metri in forma di soffice polvere, alla frontiera con un Paese in guerra. Benvenuti in Georgia.

ULTIMA CURVA A CHAMONIX

Il cimitero della cittadina ai piedi del Monte Bianco e quello della vicina Argentière sono musei a cielo aperto della storia dell’alpinismo e dello sci ripido. Un inaspettato tour sugli epitaffi di alcuni dei più grandi alpinisti e ripidisti, da Whymper a Siffredi, passando per Terray, Herzog, Frison-Roche, Boivin, Rhem…

HOME SWEET HOME

Diario di un inverno per rocce
e canali sulle Alpi Apuane. Perché per divertirsi non sempre bisogna andare lontano, soprattutto quando dietro casa hai un piccolo mondo sorprendente.

GENIUS LOCI

Pur non essendo nata nella valle di Chamonix, dove si è trasferita nel 2010, Zag rappresenta in pieno lo spirito chamoniard dello sci. E i suoi prodotti sono forgiati dal carattere delle linee delle Grands Montets, a due passi dal lab.

LA (QUASI) PRIMA DELL’ADAMELLO CON GLI SCI

È un’impresa semi-sconosciuta, poco citata perfino nelle storie dell’andare per montagne, ma nel 1902 Ubaldo Valbusa sfiorò la vetta del gigante di ghiaccio con gli sci. Una traversata in solitaria che si sarebbe dovuta concludere a Trento, allora in mano austriaca.

NON CHIAMATELO (PIÙ) CITY-TRAIL

Altra, Asics e Saucony hanno presentato delle collezioni di scarpe da running ibiride. Ne abbiamo messe alla prova quattro tra città e sterrati pochi tecnici.

LO SCIALPINISMO PERDE UNA MEDAGLIA OLIMPICA, QUELLA PIÙ PESANTE

Niente individual e solo due atleti per nazione a Milano-Cortina 2026. Polemiche e opinioni degli addetti ai lavori, dal DT azzurro Meraldi al neo capo-allenatore cinese Angeloni.

PROVE DI STAGIONE

Abbiamo portato sulla prima neve 4 sci e 2 scarponi: Atomic Backland 85 UL e 86 SL, Movement Alp Tracks 95, Whiteland Balma 95, La Sportiva Vanguard e Scarpa Maestrale Re-Made.

Nell’inserto Après-ski: lo stile alpino secondo un guru del design, un attacco a pin e uno sci pieghevole degli anni ’30, un gioco in scatola sullo scialpinismo, la nostra playlist e i consigli culinari per un doposcì perfetto. Non perdere Skialper 144, il numero più inaspettato di sempre, 192 pagine di strenna natalizia. Lo trovi in edicola e puoi riceverlo anche a casa, ordinandolo qui.


Skialper 143

PREVIEW

SKIALPER 143 - SKI NOMADS

«Ci sono persone, ormai molte, per le quali gli 
sci non sono solo oggetti, sono strumenti magici. Chi li usa, e li sa usare, scopre il ponte che collega il quotidiano con i grandi spazi e gli orizzonti lontani, prova le sensazioni del viaggio e della libertà. La nostra vera natura si ricorda allora di sé e nulla può rimanere come prima. Fuoripista, sci estremo, freeride, big mountain, cosa importa? Sono tutti nomi della stessa cosa»

Stefano De Benedetti

BALKAN EXPRESS

Un biglietto ferroviario di sola andata Monaco-Salonicco. Due biciclette e gli sci legati al telaio. Duemilacinquecentoventi chilometri in autosufficienza per tornare a casa ed esplorare i Balcani, tanto sulle Alpi c’era poca neve. Diario di 31 giorni indimenticabili.

IL SAPORE DELLA LIBERTÀ

A Sisimiut, in Groenlandia, la neve è tra le più leggere al mondo. Eppure sono in pochissimi a salire con le pelli. Ma, da quando un valtellinese laureato in ingegneria ha passato un inverno al campus universitario e creato un bollettino valanghe, la febbre sta crescendo.

CI VEDIAMO A CRETA

C’è stato un momento, tra la fine di febbraio e l’inizio di aprile del 2022, in cui tutti si davano appuntamento con sci e pelli nell’isola greca. Per una stagione, in un mondo capovolto, è stata la meta più desiderata dagli sciatori di montagna.

CERCANDO LA NEVE

Un gruppo di sciatori diversi fra loro, un massiccio svuotato dall’affluenza dei mesi estivi e ghiacciai sofferenti a causa della siccità. Sul Monte Rosa a ottobre, per ritrovare sensazioni che sono mancate per troppo tempo. Un servizio completamente autoprodotto.

RIPIDO CREATIVO

Sciare a telemark i pendii estremi è un gioco di equilibri, esplorato da pochi pionieri a partire dalla metà degli anni Ottanta e portato avanti da una manciata di interpreti.

ORTLES FRIENDS

Gabriel Tschurtschenthaler soffre di un disturbo degenerativo della vista, così per salire in vetta ha creato una cordata perfetta con le Guide Vittorio Messini e Matthias Wurzer. Che è arrivata sul Cerro Torre e sulla cresta Hintergrat.

RIDARE VITA ALLA PLASTICA

Maestrale Re-Made è il primo scarpone con lo scafo e il gambetto realizzati al cento per cento
con gli scarti della produzione degli altri scarponi. Siamo stati a vedere come è nato. E presto lo metteremo ai piedi per sciarci.

LA PERFEZIONE DEI PARTICOLARI

Un attacchino lavorato dal pieno è il risultato di un lavoro di estrema precisione, nel quale i dettagli fanno la differenza. Lo sanno bene a Spezzano di Fiorano Modenese, nella pianura emiliana, che ATK ha trasformato in capitale dei pin.

GUILLAUME PIERREL

Una laurea in Economia, il diploma di Guida alpina, la passione per linee all’antica, senza doppie o dry skiing. E per il ripido lontano, come
il Gasherbrum II o il Tocllaraju. Ma il ripido non è mai vicino, se sei originario dei Vosgi.

SAPERE DI NON SAPERE

Quanto più ti avvicini alla perfezione, tanto più ti accorgi che manca ancora un passo, sempre più piccolo. È quello che impari dopo due giorni molto intensi ad Altenmarkt, nella sede di Atomic. Scoprendo che lo scialpinismo è una delle anime fondamentali di uno dei marchi più importanti del mercato globale dello sci.

E in più il nuovo inserto Après-ski: 15 pagine leggere come le birrette post-sciatorie: playlist, storie simpatiche, decaloghi per non prendersi troppo sul serio, ricette. Non perdere Skialper 143 di ottobre-novembre, un numero di 192 pagine per cominciare bene la stagione. Lo trovi in edicola e puoi riceverlo anche a casa, ordinandolo qui!


Skialper 142

PREVIEW

SKIALPER 142 - ESTATE 2022

SENZA LASCIARE TRACCIA

«Con la bici e le mani sulla roccia non lasciamo segni del nostro passaggio, che non vuol dire solo non inquinare, ma prima di tutto essere leggeri. A differenza che con gli sci, ma quelle sono tracce effimere, che spariscono subito. Quasi altrettanto leggere. Leggere nel senso positivo del termine, che non significa vuote o superficiali, ma liberate da tutto quello che è superfluo».

— CLAUDIO PRIMAVESI, chief editor Skialper

BENVENUTI IN SNOWDONIA

Partire alla scoperta di una terra pressoché sconosciuta tranne che per alcune tracce, lette in un romanzo scritto nel 1951. Riscoprire, attraverso le persone che lo frequentano, la bellezza di un luogo che, per gli standard attuali, non prenderemmo mai in considerazione e lasciarsi guidare da un’idea di montagna dove non conta la difficoltà, ma l’esperienza. Siamo stati nel cuore del Galles a fare scrambling, mangiare sausage roll, ma soprattutto alla scoperta dei luoghi del romanzo giallo ‘Morte dietro la cresta’ di Glyn Carr.

CONCHIGLIE DI MONTAGNA

La Via dei Remi collega la Val di Taro con il mare della Liguria, toccando piccoli borghi dimenticati, locande genuine e mille storie di resilienza appenninica. Il paesaggio è aspro e brullo, eppure solenne e maestoso. Potrebbe essere benissimo una cartolina presa in prestito da una tipica scena ultrarunning americana. 

SEGMENTI SOTTO L'ORA

In principio era la Superpippo, la prima sfida per i corridori del cielo tra le Piccole Dolomiti, poi sono arrivati il Club del sotto l’ora, Strava e un curioso albo d’oro, che unisce sentimento e tecnologia, con tanto di sito e pagina Instagram. Ma l’obiettivo rimane lo stesso: portare più gente possibile in vetta, local e atleti élite 

14 MILIONI DI PASSI

Da Muggia a Messina, percorrendo tutto il Sentiero Italia. Tre anni di cammino, alla ricerca dell’Italia più autentica, delle persone e di se stessi. Diario della seconda parte della spedizione Va’ Sentiero, da Visso a Messina, isole comprese. Migliaia di chilometri sotto le suole che, oltre che le montagne, i paesaggi e le vallate, hanno visto scorrere le vite dei protagonisti, completamente miscelate col cammino e con i personaggi incontrati.

TRE RACCONTI PER LE VACANZE


Abbiamo selezionato tre storie tutte da leggere, che narrano di persone e luoghi, vicini e lontani, dalle Alpi Giulie all’Ararat, passando per il Lagorai.

LA COMPAGNIA DEL VINELLO

Boulder, corda, trekking, spa e cavolate: un’estate in Val di Rava. Si sale pesantissimi, in stile himalayano, per avanzare giorno dopo giorno di malga in malga, prendendo quota, sempre più leggeri perché ogni sera è una festa, un banchetto.

FROM ZERO TO ARCA

Dalla pianura alla vetta dell’Ararat in bici e di corsa. Tra cani randagi e personaggi profetici come Angelo Palego, 86 anni, ingegnere di Novara che ha dedicato la sua vita alla ricerca dell’Arca di Noè. Ecco l’ultima avventura di Nico Valsesia.

IL SENSO DELLE STELLE CHE HO DENTRO

Un racconto liberamente ispirato alla storia delle sorelle Angelina, Giacomina e Anna Grassi.alpiniste tolmezzine a cavallo tra Ottocento e Novecento, con in palmarès la traversata del Canin dalla Val Resia a Sella Nevea, la scalata del Sernio e dell’Antelio, le ultime due a opera di Giacomina e Anna.

MATHÉO JACQUEMOUD

Atleta, alpinista-esploratore, Guida alpina, Istruttore delle Guide? Chi è Mathéo Jacquemoud? Dopo la vittoria in coppia con Samuel Equy al Tour du Rutor e la traversata del Monte Bianco da Ovest a Est con Benjamin Védrines, siamo andati a trovarlo.

ANDREAS REITERER

Per tre anni consecutivi campione italiano di trail lungo, atleta di riferimento del panorama ultra, Reiterer, fresco di passaggio al team Asics, ha un segreto che non è un segreto: semplicità e cura dei dettagli. Come in cucina, dove prepara deliziosi dolci per gli ospiti dell’albergo di famiglia.

Ecco alcuni degli articoli che potrete leggere su Skialper 142 di luglio-agosto, un numero di 208 pagine pensato per non annoiarsi durante le vacanze. Lo trovate in edicola e potete riceverlo anche a casa, ordinandolo qui!


Skialper magazine

I nostri speciali Test materiali

Buyer’s Guide, dedicata ai test dell’attrezzatura da scialpinismo e freeride. Outdoor Guide, dedicata ai test dell’attrezzatura da trail Running, hiking, trekking e alpinismo. Due prodotti, un riferimento sul mercato.

Hai già letto tutti i numeri di Skialper?

Ogni uscita è diversa, unica a modo suo. Se per caso te ne fosse sfuggita qualcuna, puoi ordinarla nel nostro store.

SKIALPER

è una rivista cartacea a diffusione nazionale.
Numero Registro Stampa 51 (già autorizzazione del tribunale di Torino n. 4855 del 05/12/1995).
La Mulatero Editore è iscritta nel Registro degli Operatori di Comunicazione con il numero 21697

Rivista fondata da Mulatero Editore nel luglio del 1995.
© Tutti i diritti sono riservati.

INFORMAZIONI LEGALI
SHOP
A PROPOSITO...
VOLETE SCRIVERCI?

Nei limiti del possibile, cerchiamo di rispondere a tutti.

skialper@mulatero.it

LA NOSTRA SEDE

Siamo a Piverone, in provincia di Torino, sulla Via Francigena.
Il nostro indirizzo è via Giovanni Flecchia, 58.
Potete telefonarci allo 0125 72615

P.IVA e C.F. IT08903180019