Storia (e fascino) dello sci di raid nelle Alpi

È del 1897 la prima traversata documentata di un massiccio alpino e del 1933 il primo viaggio Nizza-Tirolo con gli sci. Su Skialper di giugno-luglio un interessante articolo di Giorgio Daidola

702
Walter Bonatti

«1888. Fridtjof Nansen e compagni  attraversano la Groenlandia con gli sci. È l’inizio di un’era, quella dello sci di montagna moderno, che trova nei grandi raid più che nella conquista delle cime la forma di espressione più pura e più completa. Si tratta della scoperta dello sci avventura e delle sensazioni profonde del viaggiare con gli sci. In altre parole è la scoperta dello Ski Spirit, ossia di una dimensione dello sci che interessa anche e soprattutto le sfere dello spirito». Inizia così l’articolo di Giorgio Daidola su Skialper 118 di giugno-luglio (disponibile in edicola, in versione digitale oppure ordinabile) a proposito della storia delle traversate.

PAULCKE & CO – Daidola parte da Nansen per passare in rassegna i principali tentativi di traversata alpina, da quella del 1897 di Wilhelm Paulcke e compagni delle Alpi Bernesi, in pieno inverno, a quella Léon Zwingelstein, lo sciatore vagabondo per eccellenza degli anni trenta, andato da solo e senza alcun aiuto esterno, dal primo febbraio al primo maggio 1933, da Nizza al Tirolo

Leon Zwingelstein

BONATTI E DETASSIS – Nel 1956 due gruppi, il primo capeggiato da Alberto Righini con Bruno e Catullo Detassis e il secondo da Walter Bonatti, partono a quattro giorni di distanza uno dall’altro da Tarvisio, rispettivamente il 10 e il 14 marzo. Entrambi, a differenza di Zwingelstein, sono seguiti da un’automobile di appoggio per i rifornimenti. La meta è il Col di Nava in Piemonte, che raggiungono insieme il 18 maggio, ossia 66 giorni dalla partenza (quattro in più per il gruppo Righini-Detassis). Nove anni dopo Detassis e Bonatti, nel 1965, un’altra grande Guida, lo svizzero Denis Bertholet, fondatore della Ecole du Ski Fantastique di Verbier, ha la brillante idea di unire con gli sci, insieme ad altre tre Guide (un italiano, un francese e uno svizzero) le due città olimpiche di Innsbruck 1964 e di Grenoble 1968. Poi nel 1970, assistiamo alla tribolata traversata in solitaria di un altro francese, Jean  Marc Bois, che, partito il 30 gennaio da St. Etienne-de-Tinée nelle Alpi Marittime, riesce a raggiungere Bad Gastein, nel Tirolo Orientale, il 25 aprile. Non manca la traversata del 1971 di Klaus Hoi e compagni che ha dato origine alla Der Lange Weg dello scorso inverno e… tanto altro. Assolutamente da leggere!

Denis Bertholet

IL LIBRO – Giorgio Daidola ha pubblicato per la nostra casa editrice Sciatori di montagna (208 pp, 19 euro). Dodici ritratti di padri dello scialpinismo, da Wilhelm Paulcke, il primo ad attraversare con gli sci l’Oberland Bernese, a Michel Parmentier, l’inventore dei moderni viaggi con gli sci. E poi Lunn e Mezzalama, Castiglioni, Gobbi.

Bruno Detassis ©Giorgio Daidola

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.