Quante sfide nel fine settimana

Nuovo record al Rally Estivo della Valtartano

Mattia e Erik Gianola primi al Rally Estivo

Cortina e Alagna, ma non solo, le gare in Italia sono state davvero tante e avvincenti, ecco come sono andate alcune; per tutte le classifiche, come sempre c’è il nostro calendario.

TROFEO MONTE CHABERTON – Tappa delle Italy Series a Cesana Torinese. Sul tracciato di 25,5 km con un dislivello positivo di 2000 metri, con la salita in vetta allo Chaberton a 3130 metri, vittoria di Paolo Bert della Valetudo Serim in 2h49’11” davanti al compagno di club Fabio Bazzana staccato di 1’55”, con terzo Filippo Rossi a 7’22”. Valetudo che festeggia anche al femminile con il successo di Cecilia Pedroni (3h25’29”) davanti ad Alice Prin (3h36’58”) e Paola Pezzoli (3h43’19”). Nella novità del doppio vertical (partendo dal Fenils e arrivo in vetta: 2000 metri in 8 km) sigillo di Simone Eydallin in 1h24’57” e Jessica Tieni in 1h45’58”.

SKYLAKES – Nella prova del circuito La Sportiva Mountain Running Cup, affermazione di Luca Cagnati (Team Dynafit) che taglia in traguardo di Laghi dopo 21 km con 1550 metri di dislivello in 1h59’21”, davanti a Nadir Maguet (Team La Sportiva, 2h01’25”) e Daniel Antonioli (C.S.Esercito, 2h03’12”); quarto Martin Stofner (Team La Sportiva), quinto Andrea Debiasi (Team Crazy Idea). Nella gara rosa a segno Daniela Rota (Team La Sportiva) con il crono di 2h38’36” davanti alla svedese Sofie Strömberg (2h42’46”) con Wiktoria Piejak a compleatre il podio in 2h43’02”, quarta Martina Cumerlato, quinta Anna Pedevilla.

RALLY VALTARTANO – Una bellissima giornata di sole ha accolto i 310 concorrenti giunti in Valtartano per la 16esima edizione del Rally Estivo. Alla partenza della gara il pronostico per la gara principe da 24 km era tutto per la coppia vincitrice 12 mesi fa: Mattia ed Erik Gianola (As Premana). Dopo il via dato nella piazza centrale di Tartano, in testa un gruppo composto da sei coppie. La situazione variava in prossimità dei laghi di Porcile con il duo Davide e Walter Trentin, che forzava il ritmo e guadagnava secondi preziosi. La coppia conduceva la gara fino al passaggio al Gpm posto in cima Lemma, dove transitavano per primi con 40” sulla coppia dei fratelli Gianola. Allo loro spalle era bagarre per il terzo gradino del podio tra le coppie del Team Valtellina composte da Alessandro Gusmeroli-Guido Rovedatti e Marco Leoni-Stefano Sansi. Nella lunga discesa lungo gli alpeggi Scala, Gavedone e Gavedo si scatenavano Mattia ed Erik Gianola che riprendevano i battistrada e si lanciavano verso il traguardo di Tartano. Successo quindi per i portacolori dell’As Premana con il nuovo record del tracciato 2h23’19”. Secondo gradino del podio per i fratelli Davide e Walter Trentin (Rupe Magna) in 2h27’58”, terza piazza per Marco Leoni e Stefano Sansi (Team Valtellina) in 2h29’31”.
Quarta piazza finale per Guido Rovedatti e Alessandro Gusmeroli (Team Valtellina) con il crono di 2h30’36”, mentre chiudevano al quinto Erik Panatti e Diego Martinoli (Gp Valchiavenna) in 2h 34’39”. Seguono sull’arrivo di Tartano in sesta posizione la coppia Giovanni Tacchini-Davide Della Mina (Team Valtellina), settimo posto per Mirko Bertolini (Gs Orobie) e Valentino Speziale (Team Valtellina) che risulteranno anche la prima coppia Under 50. Ottava posizione per Enrico Gianoncelli-Andrea Calcinati (Team Valtellina), seguiti da Fabio e Sergio Bongio (Team Valtellina) e Davide Zugnoni-Matteo Corazza (Sc Valtartano). Gara senza storie quella riservata alla gara femminile, con le sorelle gemelle Sara e Fabiana Rapezzi (Osa Valmadrera) che non hanno avuto difficoltà nel riconfermarsi nell’albo d’oro del Rally Estivo della Valtartano. Per loro, crono finale di 3h09’14”, che ha permesso loro di precedere la locale Stefania Bulanti in coppia con Natalie Colli (Team Valtellina) giunte al traguardo in 3h38’55”. Terzo gradino del podio per Monica Cofeggi e Sandra Paganoni (Albosaggia) in 3h58’17”. Alle loro spalle quarta piazza per Beatrice e Martina Besseghini (Rupe Magna) e 5° posto di Arianna Guerrini e Lisa Rossatti (Castelraider). Successo finale nella speciale classifica delle coppie miste per Giulia e Luciano Compagnoni (Alta Valtellina). Novità 2018 è però stata la gara individuale di 15 km, che ha ottenuto consensi dai partecipanti. Al maschile è stata vera bagarre, con rimonta nella discesa finale per il premanese Luigi Pomoni, che si è presentato sul traguardo di Tartano con il tempo 1h28’10”. Alle sue spalle Francesco Della Torre (Recastello) a 21”, seguito da Alessandro Gadola (Sc Valtartano) a 35”. Top cinque completata nell’ordine da Massimiliano De Bernardi e Tommaso Caneva (Team Valtellina). Al femminile gara dominata dalla portacolori della Recastello Arianna Oregioni che ha concluso la sua prova in 1h49’45”, staccando di 3’21” Sarah Palfrader (Alta Valtellina) e Arianna Tagliaferri (Premana). Quarta Francesca Galli (Team Valtellina), quinta Laura Tacchini (Team Valtellina).

VERTICAL BECCA DI VIOU – Sono stati 150 i concorrenti che domenica – hanno partecipato alla seconda prova del circuito Défi Vertical andata in scena a Valpelline. Temperatura ideale alla partenza, con una brezza tutt’altro che estiva ai 2.856 metri della Becca di Viou, dove intorno a mezzogiorno è caduto anche qualche fiocco di neve. Nella Valpelline si è disputata una doppia sfida verticale, gara di sola salita che ha premiato Emmanuel Vaudan e Chiara Giovando (K1900) e Daniele Pierotti e Jessica Gerard (K1000). Prova strepitosa dell’elvetico Vaudan. Lo skyrunner, già protagonista a Fénis, è stato l’unico a stare sotto l’ora e mezza di gara. Ha coperto i 9 chilometri (dislivello positivo 1.900 metri) in 1h24’13”, vincendo per distacco. Il favorito ha rifilato oltre otto minuti ad Alex Ascenzi, arrivato in vetta con il crono di 1h32’33” dopo aver sfidato fino all’ultimo Erik Bochicchio, terzo in 1h32’37” e ancora in evidenza dopo la bella prestazione al Quart trail des Alpages. Nella prova femminile è arrivato un altro successo di Chiara Giovando. La canavesana, già vincitrice a Fénis, si è confermata a Valpelline: prima in 1h41’00”, tempo che è valso l’ottavo posto assoluto. Seconda posizione per Barbara Cravello in 1h43’34” e terza per Roberta Jacquin in 1h46’50. Poco meno di cinquanta concorrenti hanno invece scelto il percorso corto: 5 chilometri (dislivello positivo di 1000 metri) con arrivo posto in zona alpeggio La Nouva. Daniele Pierotti ha vinto per distacco, transitando sul traguardo pochi secondi dopo l’elvetico Vaudan che ha proseguito fino in vetta. Pierotti ha chiuso in 43’23”, davanti a Thierry Brunier (46’23”) e ad André Lavanche (47’30”). In campo femminile si è imposta Jessica Gerard (quindicesima assoluta) in 57’14”, davanti a Francesca Canepa (59’13”) e a Samantha Conti (1h00’16”). A Valpelline la festa è proseguita per tutto il giorno. Dopo la gara vertical, spazio al triangolo enogastronomico che ha battuto tutti i record. I volontari del soccorso di Valpelline hanno infatti servito oltre 1.200 pasti: in tavola le specialità di Emilia-Romagna, Abruzzo, Valle d’Aosta. Poi il concerto de L’Orage.

Chiara Giovando ©ACmediapress

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.