Hayden Hawks vince una LUT stellare, ma il record lo fa Zach Miller

Grande prestazione dello statunitense del team Hoka che regola Pau Capell, quinto Andrea Macchi, primato battuto nel Cortina Trail

Il podio maschile con Capell, Hawks e Tollefson

Nell’edizione più stellare di sempre, che consacra definitivamente la Lavaredo Ultra Trail tra le primissime gare del mondo del circuito ultra, si è imposto uno dei trail runner più in forma del momento, Hayden Hawks del team Hoka, vincitore della CCC 2017. 12h16’20’’ il suo crono (il record di Andy Simonds resiste, anche se per poco più di un minuto), quattro minuti meno dello spagnolo griffato The North Face Pau Capell, che è stato anche in testa. Terzo, dopo un testa a testa con il tedesco Stephan Hugenschmidt, l’altro americano del team Hoka Tim Tollefsson, terzo all’UTMB 2017. Al quinto posto l’azzurro Andrea Macchi del team Eolo, in 13h01’53’’.

LA GARA – Meteo bello, ma freddo (fino a – 3 nella notte) con il duo di testa a tirare e livelli molto alti. Hawks è letteralmente crollato al traguardo, vittima dei crampi. «È stata la gara più dura della mia vita, i primi 20 chilometri difficilissimi, poi al km 40 le gambe hanno iniziato ad andare, questo è un insegnamento per tutti: non bisogna mai mollare» ha detto lo statunitense. Difficili anche gli ultimi 10 km: «Non ricordo quasi nulla, ero esausto e Pau spingeva forte da dietro». Pau Capell soddisfatto per il secondo posto dopo il ritiro dell’anno scorso: «Hayden è andato velocissimo, di più non si poteva fare». «Non ho mai corso in un paesaggio così bello, forse ho anche perso un po’ di tempo per fermarmi a guardare il panorama» ha detto Tim Tollefson che, come Hawks, ha sofferto nelle prime ore di gara. Ovazione al traguardo per Andrea Macchi del team Eolo, primo italiano, anche lui esausto e accasciatosi al suolo appena oltre la linea rossa. «Per fortuna che c’è la Val Travenazes, così in salita mi sono difeso perché questi americani vanno davvero veloci nei tratti corribili, io lavoro come giardiniere e ho anche i bambini piccoli e una famiglia, non sono un professionista, è stata durissima» ha detto al traguardo. Ritirato nella notte uno dei favoriti, Michel Lange del team Salomon.

ITALIANI – Undicesimo Francesco Cucco, quattordicesimo Roberto Dallavalle, sedicesimo Roberto Mastrotto, diciannovesimo Fabio Di Giacomo.

DONNE – Pronti, via: subito davanti la cinese Yao Miao che ha fatto gara sulla statunitense Keely Henninger, distanziata di pochi minuti. Poi la Henninger ha ceduto il passo e a Passo Giau ecco la connazionale Kelly Wolf affiancare la cinese e infine superarla per un arrivo a Cortina in 14h37′. Seconda la cinese Miao, apparsa spaesata al traguardo, in 14h52’04” e terza la svizzera Kathrin Götz. Quarta la nepalese Mira Rai, che ha resistito agli assalti finali della Henninger nonostante un ginocchio dolorante. Ritirata nella notte Nuria Picas.

Kelly Wolf

CORTINA TRAIL – Aveva scelto la distanza più corta e puntava al record. Non ha sbagliato lo statunitense Zach Miller, arrivato sul traguardo di gran carriera in 4h20’24”, circa 8′ sotto il precedente primato. Record anche per Stefano Rinaldi (4h27’03”) e terzo posto per il testatore della nostra Outdoor Guide Christian Modena (4h35’31”). In campo femminile dietro Hillary Allen, che chiude in 5h19’20’, si classificano Irén Tiricz e Anna Kacka. Anabel Merino e Francesca Pretto sono rispettivamente quarta e quinta.

Zach Miller non smette di correre, anche dopo il traguardo
Christian Modena
Zach Miller e Stefano Rinaldi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.