Emelie Forsberg, grande performance sul Cervino

Per la svedese, salita e discesa in 5h51’

La svolta era arrivata querst’inverno con le prime gare importanti nello sci alpinismo, culminate con il bronzo nello sprint ai mondiali a Les Ecrins in Francia. Da quel momento era chiaro a tutti che Emelie Forsberg, svedese classe 1986, aveva intrapreso la strada della montagna vissuta a 360°, sia in inverno che in estate, correndo, sciando e arrampicando.

Che il suo compagno Kilian le avesse anche trasmesso la passione per l’alta montagna, neanche questo ormai era più un mistero. A luglio aveva girovagato in lungo e in largo per il massiccio del Monte Bianco in compagnia dello stesso Kilian e di altri amici, tra cui Anna Frost. Era salita in vetta al Bianco, con partenza e arrivo a Chamonix, in poco più di 8 ore per quello che con molta probabilità potrebbe essere il record femminile.

Il 2 agosto, ha poi accompagnato Kilian nella prima salita al Cervino per quella che lo stesso aveva definito una salita light. Molto probabilmente, sono state tali e forti le sensazioni provate in quell’occasione che aveva già deciso di tornarci con spirito più combattivo. 

Come non detto, il 4 agosto è salita in vetta con il tempo di 7h08’56’’, 4h48’54’’ per la sola salita e 2h20’02’’ per la discesa.

Oggi è risalita nuovamente in cima, con condizioni meteo non di certo ottimali, e ha segnato un sorprendente 5h51’34’’, 3h59’48’’ per la sola salita e uno stratosferico 1h51’46’’ per la discesa. Un tempo a dir poco importante con un miglioramento sulla precedente salita impressionante. 

Anche in questo caso, per Emelie, potrebbe trattarsi del nuovo record femminile di salita e discesa al Cervino. Summit of my life, quindi, si tinge anche di rosa.  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.