Buzzoni e Pellegrini, doppietta orobica in Valmasino

Grande spettacolo sui 1850 metri di dislivello del trial della Valmasino

Dopo il nubifragio di sabato mattina il sole è tornato a splendere sulle vette della Valmasino regalando una spettacolare giornata ai più di novanta skyrunner che si sono sfidati nel trial del Kima 2012. Ad attenderli un tracciato altamente tecnico e muscolare con sviluppo di 25.5 km, 1850 m di dislivello positivo e altrettanti da percorrere in discesa dopo avere superato il GPM fissato al Passo Barbacan (2570 mslm).
I più veloci di tutti al traguardo di Filorera sono stati gli orobici Lisa Buzzoni e Pietro Pellegrini, due veri e propri talenti delle corse in montagna d’alta quota, che pur viaggiando su ritmi decisamente sostenuti, non sono comunque riusciti a battere i precedenti primati cronometrici della gara (Fulvio Dapit – 2h51’07” e Cinzia Bertasa 3h40’11”).

Sia al maschile, sia al femminile, la kermesse proposta dall’associazione Kima sono state decisamente combattute. Portatosi subito alla testa della corsa, sulla lunga ed impervia salita che porta al rifugio Gianetti, Pietro Pellegrini ha provato a sfiancare i diretti avversari mettendo in fila nell’ordine Paolo Gotti, Daniele Zerboni, Dario Songini e Carlo Bellati. A dimostrazione di un forcing a dir poco intenso, all’altezza del Passo Barbacan, il divario tra il fuggitivo e il primo degli inseguitori è salito a quattro minuti. «Sapevo di stare bene – è stato il commento post gara di Pellegrinima temevo il ritorno dei miei diretti avversari in discesa. Per questo ho tirato a tutta la prima parte di gara cercando di avvantaggiarmi il più possibile. Poi alla fine mi sono accorto di non avere perso moltissimo nemmeno nella seconda frazione… Quindi tanto meglio. A chi dedico questo successo? Alla mia compagna, Miriam, e ad un amico valtellinese, Enrico “Beno” Benedetti con il quale condivido la passione per la montagna e la filosofia che sta dietro la rivista “Le Montagne Divertenti”. Abbiamo un patrimonio che va preservato per trasmetterlo il più intatto ed integro possibile a chi verrà dopo di noi».

Nella graduatoria in rosa, l’azzurra Buzzoni ha invece dovuto faticare per staccare una mai doma Lorenza Combi. Più distanziate restavano le altre pretendenti alla terza piazza. Entusiasta la vincitrice: «Correre qui su queste montagne è sempre un piacere, chiudere la gara al primo posto fa ancora più piacere. Conoscevo la Valmasino SkyRace, la sapevo gara dura e muscolare, per questo l’ho affrontata senza forzare nella prima parte. Devo fare i miei complimenti agli organizzatori per l’eccellente disposizione dei ristori e per la calorosa accoglienza che ogni volta mi riservano».
La tecnica discesa che, passando per il rifugio Omio, riportava i concorrenti presso i Bagni Masino e quindi al traguardo di Filorera non ha regalato grosse emozioni se non  per il gradino più basso del podio rosa che ha visto Lucia Pianta mettere la freccia e guadagnarsi sul campo il bronzo di giornata.
Classifica alla mano Pellegrini ha primeggiato in 2h51’29” mettendo in fila gli ottimi Paolo Gotti -2h55’29”- e Daniele Zerboni  – 2h57’17”-. Nella top ten di giornata sono entrati pure Carlo Bellati, Dario Songini, Giorgio Compagnoni, Thomas Capponi, Roberto Volpi, Davide Grossi e Natalino Platti.
Al femminile, la “signora Gotti” Lisa Buzzoni ha fermato il cronometro sul tempo di 3h47’32” mettendo dietro Lorenza Combi 3h55’57”, Lucia Pianta 4h41’51”, Silvia Chiappa, Margherita Bassi, Eniko Szentirmai e Stefania Zuri.    
 «Il bilancio a livello organizzativo è positivo – ha commentato nel post race la presidente dell’Associazione Kima Ilde Marchetti -. Se gli atleti e gli appassionati che si sono portati in quota hanno goduto  delle spettacolo che le nostre montagne sanno regalare in queste splendide giornate di sole, anche chi è rimasto in zona parterre non si è certo potuto lamentare grazie allo show dei paracadutisti della sezione lecchese; un evento collaterale azzeccato e altamente spettacolare che ha tenuto tutti con il naso all’insù». 
 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.