Trois Cols, discese senza fine sul Bianco

Su Skialper di dicembre un itinerario skialp memorabile

Trois Cols, ovvero, tre colli. Non solo: tre bacini glaciali e due Paesi attraversati. È l’emozionante gita scialpinistica nel gruppo del Monte Bianco che proponiamo sul numero di dicembre di Skialper, a firma di Marco Romelli che sul grande massiccio ha anche scritto un libro.

DA GENNAIO AD APRILE – «Dal Col du Chardonnet ci affacciamo a nord sulla Svizzera e quello che vediamo ci attrae intensamente: il Glacier de Seleina, una distesa di neve polverosa circondata da guglie fiammeggianti». Inizia così la gita proposta, in una soleggiata mattina di febbraio. Si parte in quota, dai 3.233 metri del Col des Grands Montets, raggiungibile in funivia dall’Argentière, nella valle di Chamonix. E poi… powder e le tre vette del Col du Chardonnet (3.323 m), della Fenêtre de Seleina (3.267 m) e Col Sûperieur du Tour (3.289 m) da raggiungere. 1.000 m D + e 2.700 m, difficoltà BSA e tante emozioni in una gita lunga, che si conclude nel villaggio di Le Tour. Il periodo più indicato per i tre colli è quello che va da gennaio ad aprile. 

VARIANTI – Per chi volesse qualche diversivo, c’è anche la possibilità di raggiungere il Col du Passon (3.028 m) e la Tête Blanche (4.490 m) e Petite Fourche (3.520 m), per la quale sono necessari piccozza e ramponi (difficoltà BSA, alpinistica F).

IN EDICOLA E SU APP –
 Skialper di dicembre è disponibile nelle migliori edicole fino a fine gennaio (la rivista esce con cadenza bimestrale). Per ogni info si può scrivere una mail o chiamare il numero 0124 428051. (Per la pagina abbonamenti cliccare qui). Ma chi lo volesse acquistare immediatamente su smartphone o tablet, è già disponibile. È sufficiente scaricare la app per iOS o Android e procedere all’acquisto direttamente in-app!    

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.