Transvulcania 2013, fervono i preparativi

Anna Frost, Emelie Forsberg e Timothy Olson sono già sull’isola

A 10 giorni dalla Transvulcania Ultramarathon, prima tappa stagionale delle Skyrunner World Series, fervono i preparativi da parte degli organizzatori per accogliere al meglio gli oltre 1.600 atleti impegnati nelle varie prove in programma. E giungono anche i primi atleti sull’isola di La Palma per le ultime fasi della preparazione.

NULLA È LASCIATO AL CASO
– Come avvenuto lo scorso anno, la neozelandese Anna Frost ha programmato infatti quattro settimane di permanenza sull’isola, che lei ormai definisce la sua seconda casa, per allenarsi lungo gli 83 km del percorso di gara. Quest’anno, però, non è più da sola perché da questa settimana è in compagnia della svedese Emelie Forsberg e del campione americano Timothy Olson. Nei prossimi giorni è previsto l’arrivo di altri atleti e in particolare degli americani Anton Krupicka e Sage Canadey, due dei possibili protagonisti della gara. Tra le donne, comunque, le principali pretendenti alla vittoria non stanno di certo a guardare. La fuoriclasse Nuria Picas, vincitrice lo scorso anno delle Ultra Series proprio davanti ad Anna Frost, il 24 aprile ha vinto il Campionato Catalano a La Sagarra, gara di 25 km dove ha dichiarato di sentirsi al 100% della forma. Grande avventura e grande prestazione anche per la francese Emilie Lecomte, ultima vincitrice della Diagonale des Fous, che ha vinto il Trail des 3 Vallées in Nepal, gara di 350 km in 14 tappe. Continua anche la meticolosa preparazione di Anton Krupicka con i suoi ormai consueti carichi di lavoro. Nell’ultima settimana, 24h di allenamento con più di 15.000 m D+.

L’INCOGNITA KILIAN
– Cresce quindi l’attesa per il grande evento ma cresce anche l’attesa per il debutto stagionale di Kilian Jornet che si presenterà a una sola settimana dalla chiusura ufficiale della stagione dello scialpinismo con il Trofeo Mezzalama. Lo scorso anno, con due settimane di tempo, si classificò terzo a 11 minuti dall’americano Dakota Jones e a 9’ dall’inglese Andy Symonds. Con un calo nel finale, giunse al traguardo stremato accasciandosi a terra subito dopo la linea d’arrivo. Si riscattò subito, dopo soli 7 giorni, andando però a vincere la Zegama-Aizkorri. Quest’anno il livello sarà ancora più alto ma non sembra impensierire il campione catalano che continua a concentrarsi con allenamenti incredibili con gli sci sul massiccio del Monte Bianco, sembrando ormai di trovare conforto e relax solo sopra i 4.000 metri. 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.