Tor e Rai, accordo sui diritti media

La gara valdostana presentata a Montecarlo

Nuovo riconoscimento per il Tor des Géants che anche quest’anno si è confermata essere una delle manifestazioni sportive nell’ambito della corsa outdoor internazionale con il maggior impatto mediatico, e non solo verso il pubblico di settore. Nella fattispecie, si tratta di un accordo con la RAI Radio televisione italiana per la commercializzazione dei diritti media della gara. Ed è proprio per questo fine che la stessa RAI  ha portato il Tor des Géants nienete meno che al World Sports Content Media Convention di Montecarlo, ritenuto il principale mercato internazionale di commercializzazione dei diritti televisivi degli eventi sportivi di tutto il mondo. L’obbiettivo finale è appunto quello di commercializzare il video dell’edizione 2013 del Tor i cui eventuali ricavati saranno divisi tra la stessa RAI e la Regione Valle d’Aosta.

I NUMERI DEL GRANDE EVENTO – Nata per promuovere il territorio valdostano, i risultati raggiunti sembrano legittimare tutti gli sforzi organizzativi e i relativi investimenti economici necessari per la messa in atto di un evento di simile portata, unico nel panorama internazionale. Fin dalla sua prima edizione, il Tor des Géants ha quindi prestato molta attenzione all’aspetto promozionale dell’evento. A fronte di un preventivo di spesa complessivo di 626.000 euro per l’organizzazione della quarta edizione del Tor des Géants, come da delibera regionale, la voce comunicazione e stampa anche quest’anno ha assunto un ruolo primario rappresentando quasi il 20% della spesa, ovvero 122.000 euro. Di questi, 35.000 euro erano inerenti proprio alla realizzazione video e web TV.

I DIRITTI MEDIA – Per la vetrina internazionale, la RAI ha chiesto alla Regione Valle d’Aosta un video aggiuntivo, oltre quindi a quelli già preventivati, della durata complessiva di durata 54 minuti da accompagnare allo spot promozionale di presentazione. Un nuovo progetto, quindi, finanziato da entrambe le parti che ha richiesto risorse aggiuntive per potersi presentare al meglio al grande evento di Montecarlo. Nella fattispecie, un operatore video ed un giornalista durante la settimana di riprese, per incrementare la quantità di materiale girato e popolare una struttura narrativa del film più complessa e articolata, ed un secondo montatore per accelerare i tempi di post produzione e rispettare le nuove scadenze. Una volta detratti i costi sostenuti da RAI e direttamente imputabili alla promozione, commercializzazione e distribuzione (come di volta in volta adeguatamente documentate) e una volta recuperato il Minimo Garantito, RAI si impegna a corrispondere alla Regione Valle d’Aosta la royalty del 50% del fatturato effettivamente incassato da RAI (trattenendo la relativa quota del 50%), secondo le modalità successivamente definite tra le parti. Resta fermo il diritto della Regione Autonoma Valle d’Aosta e della Società Valle d’Aosta trailers s.s.d.r.l. di distribuire i Video e i Promo agli atleti che hanno partecipato alla quarta edizione della gara, di proiettarli in occasione di presentazioni pubbliche della manifestazione e di rendere disponibili isoli Promo su You tube e sul sito della corsa.   

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.