Sudtirol Ultra Skyrace, tutte le novita'

Start venerdi' 4 luglio a Bolzano

Venerdì 4 luglio alle 22, scatterà da piazza Walther a Bolzano la Südtirol Ultra Skyrace. Nella presentazione di Milano, il comitato organizzatore ha illustrato le novità di questa seconda edizione che prevede, oltre ad un tracciato disegnato lungo il sentiero Hufeisentour nelle Alpi della Val Sarentino per un totale di 121 chilometri e 7069 metri di dislivello complessivo, anche un nuovo percorso di 66 chilometri. Ad oggi sono 168 gli atleti iscritti, in rappresentanza di dieci nazioni, ma le iscrizioni restano aperte fino al 16 giugno.

PERCORSO – Nonostante la giovane età la competizione altoatesina di ultratrail sembra avere i connotati per diventare una gara cult nel panorama delle prove podistiche in alta montagna. Il valore della gara sta nel suo tracciato: la lunghezza complessiva è di 121 chilometri, per un dislivello di 7069 metri, da compiere nel tempo limite di 40 ore.
Tuttavia, a fianco di una prova estrema per veri ultratrailer con grande esperienza, gli organizzatori hanno deciso di affiancare una prova ridotta, di circa la metà. Nasce così la Südtirol Ultra Skyrace Short, ovvero una gara su un tracciato di 66 chilometri e un dislivello complessivo di 4260 metri: non proprio una passeggiata, ma una competizione che rappresenta un’anticamera ideale per quei podisti ‘da asfalto’ che vogliono cimentarsi in una prova off-road.
«La nostra speranza è di aver fatto, fin qui, un buon lavoro – commenta il presidente del comitato organizzatore Josef Günther Mair – e siamo convinti che la creazione di un percorso ridotto possa dare la possibilità a molti di prendere parte a questo grande evento, misurandosi magari su un tracciato meno lungo ed impegnativo, ma comunque affascinante».

ULTRA SKYRACE – ll percorso di gara non subirà nessuna variazione rispetto al precedente: i concorrenti, dopo il via, si sposteranno sul Corno del Renon, per poi passare attraverso la Forcella Sarentina e raggiungere la Croce di Lazfons. La gara proseguirà poi passando per la malga della Forcella di Vallarga sino a Passo Pennes, che si trova a metà del percorso. Successivamente il tracciato prevede il transito in altri luoghi suggestivi della Val Sarentino come il Giogo di Frane, la Cima Sopramonte, la Cima Sottomonte e il Rifugio di Punta Cervina. Da qui i concorrenti si dirigeranno verso la cima più alta del tracciato, rappresentata dal Giogo Piatto, a quasi 2700 metri di altitudine, sotto Punta Cervina. Successivamente gli atleti in gara dovranno affrontare ancora una lunga salita, dal Lago di San Pancrazio fino al Monte Catino. Il percorso passerà poi per gli Stoanernen Mandln, ovvero i famosi Omini di sasso, e poi il Giogo di San Genesio fino al paese di San Genesio. Da qui si scenderà, lungo una ripida discesa, sino al  traguardo di Bolzano, posto su prati del Talvera.

SHORT – I partecipanti alla versione di 66 chilometri partiranno a fianco di quelli impegnati nel percorso completo e svolgeranno come loro la prima parte del tracciato. Dal Corno del Renon si sposteranno verso il “Totenkirchl”, da lì però il percorso li porterà verso il centro del comprensorio di Sarentino, per poi risalire alla volta del Giogo dei Prati ed infine ricongiungersi con il percorso originale e scendere da Genesio alla volta del capoluogo Bolzano. Quest’anno, rispetto all’edizione 2013, non vi sarà la staffetta a squadre, ma la creazione del Südtirol Ultra Skyrace Short allarga la partecipazione ad una base di sportivi più ampia.

ISCRITTI – Finora sono 168 gli atleti al via, in rappresentanza di dieci nazioni. Il numero crescerà e sarà ancora una volta una grande festa dello sport, in una cornice unica, quella delle Alpi della Val Sarentino. «La Südtirol Ultra Skyrace nasce con l’obiettivo di coniugare la cultura della città al fascino e al silenzio della montagna, due aspetti che caratterizzano la nostra gara e che mettono a stretto contatto l’atleta con mille emozioni diverse, tutte da vivere – continua Mair – dall’ascesa in montagna, certo, ma anche dall’emozione della partenza, perché anche quest’anno, in Piazza Walther, attendiamo migliaia di persone, che faranno da cornice al via di questa attesissima seconda edizione». 
Alexander Rabensteiner, runner 39enne di Chiusa, lo scorso anno ha imposto il proprio ritmo agli avversari, sconfiggendo la concorrenza e scrivendo così il proprio nome nell’albo d’oro della gara e fissando il record da battere in 18h42’20”. Nella categoria femminile non ci sono state sorprese, e a classificarsi prima un anno fa è stata la grande favorita Annemarie Gross. La 44enne della Val Sarentino, da anni ormai residente a Merano, ha vinto in 22h14’30”. I due atleti hanno confermato la propria partecipazione anche nella versione 2014.
È possibile iscriversi alla Südtirol Ultra Skyrace fino al 16 giugno attraverso il sito internet www.suedtirol-ultraskyrace.it. Il costo dell’iscrizione è di 130 Euro e di 80 Euro per la Südtirol Ultra Skyrace Short.

REMAKE NEL NOME E NELLA DATA – Ma l’introduzione del percorso corto non è l’unica novità, perché la Südtirol Ultrarace diventa Südtirol Ultra Skyrace. «Abbiamo deciso di compiere questa piccola modifica al nome – spiega il numero uno del comitato organizzatore – per dare una connotazione più specifica all’evento e sottolineare che si tratta di una corsa in alta quota». Cambia anche la collocazione della manifestazione nel calendario. Se nel 2013 la prova si corse a fine luglio, nel 2014 si gareggerà all’inizio del mese, precisamente dal 4 al 6 luglio. «Si tratta di un cambiamento non da poco – aggiunge Mair – perché a inizio luglio si può contare su quasi un’ora di luce in più rispetto alla fine del mese e ciò non può che aiutare gli atleti che prenderanno parte alla competizione».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.