Sibillini, nelle pieghe dell’Appennino

Su Skialper di giugno-luglio lungo le creste del Monte Sibilla e del Monte Vettore, tra le crepe che il terremoto ha creato nella montagna e nel cuore delle persone

305
©Luca Parisse

I Sibillini prendono il loro nome dalla Sibilla, dispensatrice di verdetti profetici, il cui antro, secondo la leggenda, si troverebbe proprio sopra Montemonaco, punto di partenza della grande traversata di questi monti. Il Lago di Pilato era considerato una porta dell’inferno e sui valichi furono perfino costruiti dei muri per impedire il passaggio a maghi e sedicenti streghe. Forse è anche per questo che Guido Piovene, nel suo Viaggio in Italia, ha definito i Sibillini «i monti più misteriosi del centro Italia». E forse è anche uno dei motivi che ha spinto il nostro collaboratore Luca Parisse ad andare ad attraversarli a piedi. Ne parliamo su Skialper 118 di giugno-luglio.

©Luca Parisse

L’ITINERARIO – Partenza da Montemonaco, nel cuore del Parco Nazionale dei Monti Sibillini. «Purtroppo il terremoto del 2016 l’ha colpita forte, troviamo solo un paio di negozi di prodotti tipici aperti, ma neanche la possibilità di prendere un caffè; in giro zero italiani, solo turisti d’oltralpe» esordisce Parisse. Poi tappa verso il Rifugio Sibilla e l’omonimo monte. «Dopo una sveglia all’alba, siamo pronti per affrontare la lunga cresta dei Sibillini che ci permetterà di ampliare i nostri orizzonti fino al versante umbro e godere della vista sulla piana di Castelluccio da un’insolita angolazione». L’itinerario descritto raggiunge Cima Vallelunga, a quota 2.221 metri e la cresta fino alla cime del Monte Porche, dove il terreno è tappezzato di stelle alpine. Si prosegue poi fino al bivio del Monte di Palazzo Borghese che interseca la cosiddetta Strada Imperiale, il punto di passaggio ideale per i montanari quando i traffici e le comunicazioni si svolgevano su bestie da soma. Sulla cresta è impossibile non notare la spaccatura nel terreno creata dal terremoto del 2016. Il giro ad anello porta poi, volendo, fino all’abitato di Foce.

©Luca Parisse
©Luca Parisse

 UN TRAIL PER TORNARE A SPERARE – In un territorio che merita di essere riscoperto Total Training, una start up innovativa del settore sport endurance, con il supporto del Comune di Montemonaco, ha fatto nascere il Sibilla Trail, in programma 14 luglio, sulla distanza di 15 km e 1.600 m D+ e 10 km e 600 m D+. Informazioni nella sezione eventi del sito www.thetotaltraining.com

©Luca Parisse

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.