Prime curve a Bormio

Su Skialper gli itinerari easy consigliati da Martinelli & Pedranzini

«Ma come? Con tutto quel ben di Dio di montagne tutt’attorno vi parliamo del Vallecetta solcato dalle piste? Non di solo ‘fuori’ vive l’uomo, specialmente nelle stagioni poco nevose» comincia così l’articolo della seria ‘Alta Via’ di Guido Valota sul numero di ottobre-novembre di Skialper. Negli altri servizi con sci Ski Trab abbiamo descritto itinerari piuttosto facili in montagna aperta. In questo presentiamo alcune belle salite facili, anzi facilissime, almeno parzialmente a quote basse e addirittura segnalate tra boschi, prati, sentieri e tratturi. Si può salire su pochi centimetri di neve, alle prime nevicate stagionali, senza neppure sospettare che esistano piste da sci sullo stesso versante, raggiungerle dalla parte opposta, e poi godersi un tranquillo ritorno a valle su abbondante neve programmata e ben pettinata. Cosa c’è di meglio per chi inizia, oppure invece per chi la sa già lunga ma incappa nella giornata di nebbia o di neve? Noi siamo selti seguendo due grandi dame dello skialp, Francesca Martinelli e Roberta Pedranzini.

DA OGA A SAN COLOMBANO – Probabilmente è l’itinerario più percorso in Alta Valtellina e anche quello che meglio si presta a imparare da zero la risalita con gli sci e le pelli di foca. Si sviluppa quasi completamente sulla strada forestale che d’estate porta dalla località Forte di Oga alla Malga San Colombano. Esposto a sud, al sole quasi tutto il giorno, può essere affrontato fin dalle prime ore della mattina e resta riparato rispetto al vento dai boschi di larice e di pino cembro.

TOUR DE TROSC – Dalla piana dell’Alute di Bormio, nelle vicinanze della stalla Pedrini, facilmente raggiungibile dai parcheggi della cabinovia, fino alla baita Lecia su facile strada innevata; oppure a Bormio 2000 o alla pista Bimbi al Sole che scende dal Cimino. A questa quota c’è la linea del bosco: fin qui si viaggia bene anche in giornate fredde e ventose o con nebbia. Da un paio di stagioni il percorso è segnalato con bandierine dedicate, a cura dell’Unione Sportiva Bormiese e dello Sci Club Alta Valtellina.

E POI… – Da Bormio alla Rocca Est oppure un ultimo tratto per salire fino a Bormio 3.000, fuori dal bosco, Ecco altre alternative, con qualche difficoltà in più, per un inizio di stagione nella Magnifica Contea.

FRANCESCA E ROBERTA –
Se volete imparare come si fa lo scialpinismo in team accodatevi a Francesca Martinelli e Roberta Pedranzini come abbiamo fatto noi per realizzare questi itinerari. Finché ci riuscite, ma potrebbero essere pochi metri. Perché la Franci e la Robi sono due belle ragazze che hanno vinto tutto il possibile in carriera, continuando a divertirsi come quando erano compagne di banco alle elementari. Negli ultimi anni hanno dovuto saltare una stagione a testa per infortunio, prima una e poi l’altra, alternandosi solitarie sui campi di gara, ed era strano vedere l’una muoversi senza l’altra. In coppia sono ancora difficilmente battibili, un meccanismo micidiale che ottimizza ogni situazione e non sbaglia un passo. 

GIA’ DISPONIBILE SU APP – Skialper di ottobre è già disponibile nelle migliori edicole. Per ogni info si può scrivere una mail o chiamare il numero 0124 428051. (Per la pagina abbonamenti cliccare qui). Per chi lo volesse acquistare immediatamente su smartphone o tablet, è già disponibile. È sufficiente scaricare la app per iOS o Android e procedere all’acquisto direttamente in-app!.

A questo link una presentazione completa di Skialper 102 di ottobre-novembre.
 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.