Pierra Menta, seconda tappa

Ancora variazioni ai percorsi per motivi di sicurezza.

2785 i metri di dislivello e altrettanti in discesa. Si è partiti da Le Bois quindi Les Chornais, La Chuadanne, Cote, Bersend, Col du Pré, Cote e salita ai 2109 metri di Roche Pastire, discesa alla Barme e risalita al Col de Miraillet (2197 m) quindi discesa e risalita a Le Cuvy, Les Chornais e arrivo a le Bois.
Scorrendo l’ordine di arrivo di ieri possiamo notare come le prime sei squadre siano raccolte in appena 3 minuti e mezzo per cui la gara è decisamente aperta. In particolare pensiamo che siano le prime tre squadre a potersi giocare la classifica finale, soprattutto i campioni d’Europa Trento – Eydallin. Non sappiamo quale sia lo stato di forma di Manny Reichegger che ieri ha accusato la prima tappa in modo inaspettato. Per lui un lieve calo di forma potrebbe essere giustificato dopo un inverno ad altissimo livello.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.