Mono Air Hoody, da Houdini e Polartec il fleece open source contro lo spreco di plastica

Utilizza Polartec Power Air che riduce dell’80% la dispersione di microfibre plastiche

Arriva il fleece open source per combattere lo spreco di plastica nell’industria tessile. L’iniziativa è del brand svedese Houdini, spesso all’avanguardia nell’abbigliamento outdoor sostenibile. Dal sito Project Mono Air sarà possibile scaricare una scheda completa delle componenti del capo Mono Air Hoody, dalle stampe fino ai più piccoli dettagli, nonché seguire da vicino tutte le scelte legate alla progettazione, scoprire alcuni approfondimenti sulla tecnologia del tessuto e, infine, esplorare i principi della moda circolare che costituiscono il DNA di tutti i capi Houdini. Questa iniziativa ha come scopo di orientare l’industria tessile e il design del prodotto verso una tendenza più circolare waste free, questo grazie alla condivisione di informazioni e alla collaborazione tra i diversi settori coinvolti.

La giacca Mono Air Houdi, presentata per la prima volta a gennaio e insignita del prestigioso ISPO Gold Award, è stata concepita per trattare su larga scala la problematica della plastica e dello spreco tessile. Il capo è dotato dell’innovativo tessuto Polartec Power Air, realizzato in materiale riciclato e riciclabile, progettato per ridurre la dispersione di microfibre dell’80%. Incapsulando le fibre all’interno di una struttura di tessuto multistrato, grazie alla lavorazione di un filato continuo, risulta essere una nuova piattaforma che offre efficienza termica avanzata; dimostrando di ridurre la dispersione di fibre di almeno cinque volte rispetto ad altri tessuti premium mid-layer.

«La nostra visione aspira a un mondo senza sprechi in cui sarà possibile vivere esperienze in natura senza causare alcun impatto negativo sull’ambiente. Così, il progetto Mono Air nasce da un’idea di cambiamento: se vogliamo rendere migliore il settore della moda, dobbiamo lavorarci insieme. Affrontiamo tutti gli stessi problemi legati alla progettazione e alla produzione non sostenibile, quindi perché non condividere soluzioni per far fronte alla questione? Un capo non risolverà di certo il problema, ma speriamo che contribuisca nel suo piccolo a velocizzare i ritmi dell’innovazione e, magari, a innescare un cambiamento anche al di fuori dell’industria tessile» ha detto Eva Karlsson, CEO di Houdini.

«Polartec Power Air rappresenta un passo in avanti nella riduzione dell’impatto ambientale di quello che creiamo e indossiamo – ha affermato Steve Layton, Presidente di Polartec – Questa innovazione all’avanguardia può contribuire realmente al concetto di circolarità. Sono processi e composizioni di questo calibro che rendono possibile il concetto di circolarità, ed è grazie ad esempi di condivisione come quelli di Houdini che è possibile mostrare al mondo come creare capi in maniera sostenibile».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.