Dynafit, la preview della collezione SS23

From Athletes to Athletes. Uno slogan, quello del brand tedesco, che non lascia spazio all'interpretazione. Il meglio della tecnologia al servizio della vera esperienza, quella di chi lo sport lo pratica quotidianamente e ne conosce le necessità. Creare prodotti innovativi andando incontro alle esigenze degli utilizzatori, fedeli al motto Ready For More. Questo da sempre l'obiettivo di Dynafit, che anche nella collezione SS23 ha saputo dimostrare di avere il know-how per portare ancora più in alto l'asticella della tecnicità.
https://youtu.be/liGtqspykb4?list=TLGGH9BQ6HoTIpQxNjA1MjAyMg
La collezione SS23 è focalizzata sull'ultra running e offre dei prodotti molto tecnici, studiati per garantire massimo comfort e protezione sui percorsi di lunga distanza, dal primo all'ultimo chilometro. Le novità presentate sono tutte accumunate dall'inconfondibile stile Dynafit, che nel suo minimalismo raccoglie sempre l'essenziale tra tecnicità dei materiali e linearità del design. In questo articolo vi spoileriamo gli highlight della collezione primavera-estate 2023.

Dynafit SS23 Highlights 

https://youtu.be/NtzfLQWsC1U?list=TLGG2GeY_mHM2aIxNjA1MjAyMg

ULTRA RUNNING SYSTEM 

I tre punti forti della collezione sono la nuova scarpa da running Ultra 100, la giacca Ultra triplo strato e il gilet da running Ultra 12. 

 

ULTRA JACKET

Con un peso di soli 185 grammi la nuova Ultra triplo strato è la giacca impermeabile più leggera e traspirante della collezione. Il materiale altamente tecnico protegge efficacemente dal vento e dalle intemperie. Il sistema ZipOver Backpack System, una lunga zip sulla schiena, consente di allargare la giacca e indossarla sopra lo zaino, in modo tale che rimanga asciutto in caso di pioggia. La giacca può trovare spazio in qualsiasi posto, grazie alla sua confezione minimalista. 

 

ULTRA 100 SHOES

Pronte per un nuovo livello di prestazioni: agilità e comfort per le ultra distanze sono caratteristiche essenziali di una scarpa da trail, ma per arrivare sul podio anche leggerezza, precisione e reattività sono altrettanto indispensabili. Sviluppate grazie all'esperienza dell'ultra runner norvegese Sebastian Krogvig, vincitore nel 2021 della TDS, le Ultra 100, che nel 2023 arriveranno alla v2 del progetto, conciliano le esigenze di massima ammortizzazione, grip e un efficace ritorno di energia, candidandosi a diventare la soluzione ideale per le distanze oltre i 42,195 km su ogni tipo di terreno. I punti di forza del nuovo prodotto, oltre a quelli sopra citati, sono il massimo ritorno dell'energia grazie a una suola leggera, reattiva e molto ammortizzata, costruita con dei materiali che pesano il 20% in meno rispetto a una tradizionale intersuola in EVA ma restituiscono più del 10% di energia in più, in aggiunta alla comprovata suola Vibram Megagrip con un nuovo design del tassello, il Traction Lug.  La scarpa sarà disponibile anche in versione da donna.

 

GILET ULTRA 12 

Vestibilità perfetta, design sofisticato: in gara e in allenamento con tutto ciò che serve. Il design aderente ed ergonomico è stato messo a punto per garantire una vestibilità perfetta e confortevole e la stabilità del carico dal primo all'ultimo chilometro. Oltre alle calssiche tasche frontali per i flask morbidi, Ultra 12, come tutti i nuovi vest (Alpine 8, 15 e Sky 4) hanno 4 tasche aperte elasticizzate, una tasca zip per riporre piccoli oggetti da tenere a portata di mano e tre possibilità di fissaggio per bastoncini. In dotazione con ogni modello ci sono due flask perfettamente dimensionati per le tasche.

 

08-0000071754_0912
08-0000064084_1571
08-0000049018_4495

Precedente
Successivo
https://youtu.be/hYKjJJe05SE?list=TLGGIgd0KqSL7h0xNjA1MjAyMg

TRAVERSE SYSTEM   

Dopo il lavoro ti piace fare un giro veloce sulla montagna vicino a casa e nel fine settimana preferisci invece esplorare diverse cime una dopo l'altra? Allora il sistema Traverse, pensato per uscite veloci, fa propri al caso tuo. 

 

TRAVERSE SHOES

Il fulcro della nuova collezione, il coltellino svizzero delle scarpe da montagna leggere, che unisce il meglio delle tecnologie: leggera e versatile come una scarpa da trail running, ma con la protezione, il comfort e il grip di una scarpa da alpinismo. Un modello che, nelle intenzioni di Dynafit, ridefinisce il concetto di versatilità. Grazie alla calzata snella e al battistrada Pomoca il controllo è assicurato su ogni tipo di terreno in ogni condizione meteo. Disponibile anche nella versione Gore-Tex.

 

ZAINO TRAVERSE 22

Ispirato dai nuovi gilet Ultra, lo zaino Traverse 22 unisce il mondo del trail e quello del mountaineering. Ha una vestibilità comoda e aderente che lascia una grande libertà di movimento e consente di afferrare rapidamente le provviste o i vestiti di ricambio. Il grande comparto da 12/22 litri lo rende estremamente versatile. 

 

GIACCA TRAVERSE POLARTEC ALPHA 

Giacca in fleece leggera e traspirante per le uscite impegnative: mantiene una temperatura sempre piacevole per il corpo, adatta a tutte le condizioni. Protegge efficacemente dal freddo e allo stesso tempo veicola il calore necessario, per evitare la sudorazione eccessiva durante le attività più intense.

 

TRAVERSE TIGHTS

Comfort, libertà di movimento e resistenza. i pantaloni Traverse Tights conquistano con il loro materiale elasticizzato e la vestibilità aderente. Un capo atletico per le uscite veloci in montagna. Sulle ginocchia e sul retro il materiale è rinforzato per aumentare la robustezza durante i passaggi di arrampicata o il meritato riposo in cima

08-0000064081_6212
08-0000049024_6212
08-0000071699_6211
08-0000071676_6211

Precedente
Successivo
https://youtu.be/7vOB4Sf2sOY?list=TLGGKRzlHIWXi7cxNjA1MjAyMg

COLLEZIONE RAZZLE DAZZLE  

 

Lo stile incontra la performance: l'estate running  2023 con Dynafit sarà ricca non solo di colori ma anche di motivi fantasiosi. La nuova collezione ha un design accattivante che attira tutti gli sguardi sul trail, unito a una funzionalità al top. Leggeri, affidabili, robusti, questi prodotti tecnici consentono di raggiungere la migliore prestazione su ogni terreno. Dalla fascia per capelli alle scarpe da corsa, le parole d'ordine sono traspirabilità, asciugatura rapida, comfort e ammortizzazione. 

08-0000071639_8051
08-0000071752_3011
08-0000071748_3011
08-0000064083_3019
08-0000071638_8071
08-0000071640_8071
08-0000071647_8071
08-0000064082_3016

Precedente
Successivo

Scopri il resto delle novità in preview a questo LINK.


la sportiva Mantra

Mantra, la nuova scarpetta da arrampicata indoor by LaSportiva

La Sportiva torna nelle palestre con il Climb Europe Tour 2022: un progetto dedicato a tutti gli appassionati di arrampicata che ha come obiettivo quello di avvicinarsi sempre di più al consumatore finale, per consolidare il legame con la community, conoscere e condividerne le abitudini, raccogliere feedback sui prodotti e presentare l'azienda attraverso la sua storia ed i suoi valori.

La filosofia del "Test&Feel", ovvero provare il prodotto per individuare quello più adatto alla propria anatomia, è la chiave per comprendere le necessità degli utilizzatori e sviluppare prodotti sempre più mirati alle varie categorie di climbers.

Il Tour, lanciato a livello europeo in più di 70 palestre, ha preso il via sabato 30 aprile e si protrarrà fino al 30 giugno. Nelle varie tappe è prevista la partecipazione di atleti e ambassador di alto livello come Stefano Ghisolfi, James Pearson, Hannah Schubert, i fratelli Pou, Jeremy Bonder e Martina Demmel.

/*! elementor - v3.5.3 - 28-12-2021 */
.elementor-widget-image{text-align:center}.elementor-widget-image a{display:inline-block}.elementor-widget-image a img[src$=".svg"]{width:48px}.elementor-widget-image img{vertical-align:middle;display:inline-block}

@LaSportiva

Sotto i riflettori troviamo il prodotto di punta della collezione SS22: la scarpetta Mantra.

Pensata per l'utilizzo indoor, è una scarpetta iper leggera concepita per l'utilizzatore intermedio-esperto che cerca il miglior feeling e polivalenza su prese in resina e volumi di grande superficie. Il prodotto combina le migliori tecnologie della casa produttrice quali la ormai rodata costruzione No-Edge (punta arrotondata) e la tecnologia D-Tech (Dynamic Technology): la suola avvolge la calzatura lateralmente per una totale assenza di spigoli laterali che favorisce gli appoggi dinamici e la spalmabilità sulle forme delle prese indoor più evolute. L'utilizzo della mescola Vibram Xsgrip2 consente infine il massimo grip su qualsiasi tipo di superficie.

@LaSportiva

SENSAZIONI E IMPRESSIONI 

Abbiamo testato il prodotto nella condizione ideale di utilizzo, sulle linee appositamente tracciate per la prima tappa del tour presso la palestra Rockspot di Milano.

La sensazione alla calzata è di totale avvolgimento, la sottile tomaia rende la scarpetta super sensibile ed avvolge completamente il piede, le mescole morbide della suola, svincolata dal tallone P3 grazie all'assenza totale di intersuola, permettono di percepire un'incredibile aderenza sulle grandi superfici delle prese utilizzate ormai ovunque nella tracciatura moderna.

A primo impatto la suola potrebbe sembrare molto sottile, con uno spessore di soli 3.5mm in punta, ma la distribuzione omogenea del peso in appoggio grazie alla tecnologia No-Edge garantisce un'ottima durata del materiale nel tempo, evitando che si consumi troppo velocemente.

I volumi del prodotto sono minimi e forniscono supporto e struttura anche nei movimenti di tallonaggio, evitando che la scarpetta si scalzi grazie al robusto materiale elastico utilizzato sul collo del piede. Come per gli altri prodotti appartenenti a questa categoria in casa LaSpo il consiglio è quello di scegliere la misura scendendo di almeno una taglia e mezza o 2 rispetto al proprio numero di piede.

Nel complesso possiamo quindi confermare i rumors che parlano di un prodotto performante di alta qualità che si colloca perfettamente nel segmento di mercato indicato dal brand.

Se siete curiosi di testare Mantra e gli altri prodotti La Sportiva, a questo link trovate tutte le informazioni sul tour e le date nelle palestre più vicine a voi.


Ortovox Zoom+ Software update

Ortovox Zoom+ Software update

In data 3 maggio 2022 Ortovox ha rilasciato il software update 2.2 per tutti i dispositivi Ortovox Zoom+. 

L'aggiornamento gratuito riguarda la funzione di ricerca e consente una ricezione/trasmissione del segnale più stabile. L'aggiornamento è disponibile per tutti i ricetrasmettitori da valanga Zoom+ e non è in alcun modo correlato alla sicurezza del dispositivo. I controlli regolari del ricetrasmettitore da valanga, una revisione professionale presso rivenditori autorizzati ogni due anni e  l'aggiornamento delle funzionalità tramite software update fanno parte dell'uso delle apparecchiature di emergenza e sono esplicitamente raccomandati da ORTOVOX.

Gli utenti possono registrare  il proprio dispositivo tramite questo link:

https://www.ortovox.com/de-de/service-card/login. 

Saranno quindi informati dei passaggi che devono eseguire per aggiornare il proprio dispositivo.

In alternativa tutti i rivenditori ORTOVOX possono richiedere l'aggiornamento del dispositivo attraverso l'Ortovox Service HUB3. Trovate la lista aggiornata dei rivenditori nella sezione FAQ sul sito ufficiale di ORTOVOX. Consigliamo di registravi alla newsletter del brand per rimanere sempre aggiornati su novità e update dei vostri dispositivi di sicurezza.

Più informazioni su www.ortovox.com.


Nuova intersuola ZipFoam per la Trailventure 2 WP di Topo Athletic

È tempo di escursionismo e arriva la v2 di Topo Athletic Trailventure 2 WP lo scarponcino da hiking che porta il feeling trail del marchio di Tony Post sui sentieri. La seconda edizione è stat potenziata in termini di comodità, robustezza e impermeabilità. Nonostante il leggero incremento dell’altezza da terra (33 mm x 28 mm), confermato il drop di 5 mm. La principale novità è l’inserimento dell'intersuola ZipFoam, la speciale mescola brevettata dal marchio. Grazie all’unione di TPU ed EVA, il modello presenta una doppia densità, confortevole direttamente sotto il piede, più rigida nello strato inferiore per garantire un buon ritorno di energia. Anche la piastra rock ESS conferisce ulteriore sensazione di sicurezza e stabilità, proteggendo da possibili urti contro radici e rocce. 

L’ampio spazio in punta, che permette alle dita di muoversi e allargarsi in modo naturale secondo la tipica filosofia del marchio americano, è perfettamente equilibrato dall’avvolgente parte centrale e posteriore del piede, protetta da un tallone esterno in TPU. La tomaia in mesh, integrata da un collare in schiuma sagomata intorno alla caviglia, favorisce il contenimento del piede attribuendogli una copertura impermeabile attraverso l’applicazione della membrana eVent, microporosa e resistente all’acqua, oltre che traspirante.

Il plantare antimicrobico è firmato Ortholite, la suola utilizza mescola Vibram Megagrip. Anche Trailventure 2 WP è dotata di due attacchi sul tallone e di un terzo anello alla base della linguetta compatibili con la ghetta performance del brand per tenere fuori lo sporco. 

Trailventure 2 WP è acquistabile su topoathletic.it/ e nei punti vendita specializzati segnalati nella sezione Store Locator del sito. 

© Stephen Matera

Mont Blanc porta Altra a un altro livello

Era una delle scarpe più attese del 2022 e, puntuale (di questi tempi è una notizia) ieri è stata presentata la Altra Mont Blanc, in arrivo a breve nei negozi. Attesa perché porta il marchio in un segmento nuovo, quello delle scarpe veloci e leggere ma con impostazione massimalista. Va a posizionarsi tra la Olympus e la Lone Peak. Missione? Ultra e cento miglia. Come la Olympus ha un profilo alto (30 mm contro i 33 della Olympus) ma scende la lancetta della bilancia, da 329 a 280 gr nella misura di riferimento e soprattutto cambia la schiuma dell’intersuola, che è Altra EGO nella versione Max, un materiale che restituisce più reattività e comfort allo stesso tempo. Il grip è garantito da Vibram Megagrip nella versione leggera Light Base, posizionato strategicamente solo nei punti di trazione, per risparmiare ancora qualche grammo. L’upper è leggero e traspirante, per fasciare il piede come una calza. Obiettivo gare lunghe corribili, su terreni poco o mediamente tecnici. Nel mirino? Hoka One One Mafate Speed, Salomon S/Lab Ultra, Brooks Catamount, The North Face Flight Vectiv… Altra Mont Blanc avrà anche una variante con ghiera Boa e il prezzo consigliato al pubblico è di 180 euro. 


Ortovox e Arc'teryx uniscono le forze per un nuovo zaino airbag elettrico

Anche Ortovox e Arc’teryx entrano nel business degli zaini airbag con sistema elettrico. Il costruttore tedesco, che commercializza la serie con cartucce Avabag, ha presentato ieri la nuova joint-venture con il marchio canadese di proprietà di Amer Sports che ha dato vita alla tecnologia Litric. Si tratta di un device alimentato da supercondensatori e da una batteria agli ioni di litio a lunga durata, in grado di mantenere 60 ore di carica per almeno 2 rilasci. La ricarica avviene tramite cavo e presa USB-C. Non avendo una cartuccia, Litric lascia più spazio all‘attrezzatura e non è soggetto a restrizioni per i viaggi in aereo. Il sistema pesa solo 1.100 g, grazie ai supercondensatori resistenti al freddo e a una delle strutture di airbag più leggere sul mercato. 

Buone notizie per gli scialpinisti perché tra o modelli ce ne sono due pensati per sci e pelli e uno in particolare per chi ricerca la massima leggerezza. Con appena 1.970 g e 27 litri, Avabag Litric Zero si concentra solo sull‘essenziale. Dispone di molto spazio per le escursioni giornaliere e ha tutte le caratteristiche più importanti, come le opzioni di fissaggio per gli sci, una piccozza o i bastoncini. L‘attrezzatura di emergenza si può riporre nello scomparto principale. 

La gamma comprende anche Avabag Litric Tour con una base modulare progettata specificamente per due lunghezze del busto: regular e short. Lo zaino si può adattare all‘utilizzo previsto grazie a due sacche con cerniera specifiche per le uscite di scialpinismo nelle misure 28 litri short, 30 litri, 36 litri short e 40 litri. Avabag Freeirde si può adattare con il sistema zip-on nelle versioni 16 litri short, 18 litri, 26 litri short e 28 litri. 

Tutti gli zaini sono a impatto climatico zero e senza PFC e saranno commercializzati a partire dalla stagione invernale 2022/23. 


François Cazzanelli raddoppia con La Sportiva

Da due anni utilizza gli scarponi La Sportiva, ora François Cazzanelli passa in total look, vestendo anche con capi tecnici della casa trentina. Cazzanelli, ex atleta di alto livello di scialpinismo, ha scalato 92 volte il Cervino e scritto, da solo o in compagnia di soci come Steindl e Ratti, alcune delle più belle pagine dell’alpinismo in velocità degli ultimi anni, dal Manaslu a/r in 17 ore e 43 minuti, all’Integrale di Peuterey in meno di 16 ore, dalla Cresta Cassin al Denali in meno di 19 ore, alle creste del Cervino in 16 ore e 4 minuti. Tra i suoi progetti, Il K2: «Vorrei scalare il K2, è dal 2020 che ci provo. È una montagna che mi attrae da sempre: stiamo ancora definendo di preciso cosa andremo a fare ma di sicuro sarà qualcosa che rispecchia il mio stile, quindi un po’ fuori dagli schemi». Intanto nello scorso autunno, insieme a Emrik Favre, ha scalato l’Ama Dablam in velocità e, insieme a Favre, Leo Gheza, Francesco Ratti e Jerome Perruquet, il Kondge Ri (6.187 m) per poi raggiungere il Tenganpoche (6.498 m) tramite la cresta est. 


La Sportiva a doppia cifra nel 2021

Fatturato in crescita del 28% e ricavi oltre il 30%: si chiude in doppia cifra il 2021 dell’azienda di Ziano di Fiemme, con previsioni per il 2022 di un + 10%-15% (nel momento in cui il 60% degli ordini sono in casa). In considerazione degli straordinari risultati ottenuti, l’azienda ha deciso di distribuire un premio di produzione straordinario, per un totale di 650.000 euro. A consolidare l’importanza di questo traguardo è arrivata anche la nomina del presidente Lorenzo Delladio, amministratore delegato e presidente de La Sportiva a imprenditore dell’anno nella categoria Consumer & Retail da parte una giuria di esperti di Ernest & Young Global Ltd. 

A trainare la crescita il segmento trail running, che per la prima volta ha superato, per volume di vendite, quello delle scarpette da arrampicata, prodotto simbolo di La Sportiva (premiato con la medaglia olimpica di Alberto Ginés López a Tokyo). La sportiva impiega oltre 400 persone nello stabilimento principale di Ziano di Fiemme e nel piano industriale per il nuovo anno sono previsti dieci milioni di investimenti in nuovi spazi per la logistica e in macchinari avanzati anche in termini di sostenibilità, così come nuovi posti di lavoro e assunzioni di figure manageriali. Il marchio è presente in 87 Paesi al mondo e con una quota di export che supera l’82%.

«Il successo di La Sportiva è maturato grazie a tutti i nostri collaboratori, nessuno escluso. Gli ultimi due anni hanno richiesto scelte rapide e consapevoli, non sempre semplici da mettere in atto - ha detto Delladio - A inizio pandemia, quando sono stato costretto a fermare le linee produttive, l’obiettivo era salvare più posti di lavoro possibili. Oggi possiamo non solo confermarli, ma premiare ogni collaboratore come merita. Ognuno di noi ha dovuto cambiare le proprie abitudini quotidiane, in certi casi anche il modo di lavorare, per far fronte ai mutamenti dovuti alla pandemia ed anche alla positiva reazione che il mercato outdoor ha avuto in questi due anni, generando una forte domanda. Credo che oltre alla cifra assegnata in sé, questo premio abbia un valore ancora più significativo se pensiamo che la nostra è un’azienda fatta prima di tutto di persone. Siamo ormai oltre 420 all’interno di un piccolo territorio del Trentino: una comunità che in La Sportiva continua a trovare un punto di riferimento».


Garmin lancia inReach Mini 2

Il colosso americano della navigazione GPS ha annunciato oggi la seconda versione di inReach Mini, il dispositivo di comunicazione e messaggistica satellitare molto diffuso tra appassionati outdoor e professionisti grazie alle dimensioni ridotte e al peso light (10 x 5 cm x 100 gr). In pratica un dispositivo tascabile per comunicare via sms, via e-mail e in grado di inviare messaggi di SOS geolocalizzati. 

Le principali novità riguardano la funzione TrackBack, per guidare l’escursionista sui propri passi e tornare in sicurezza al punto di partenza e la compatibilità con Garmin Explore Mobile, l’app di Garmin dedicata alla gestione di punti, tracce e percorsi direttamente dal proprio smartphone. Garmin Explore Mobile consente anche di digitare rapidamente messaggi dal proprio smartphone che verranno poi inviati da inReach Mini 2, scaricare una varietà di mappe e rivedere i propri viaggi. Ancora più tempo di utilizzo grazie ai suoi 14 giorni di autonomia nella modalità di rilevamento posizione ogni 10 minuti. È possibile prolungare la durata fino a 30 giorni impostando una frequenza di campionamento ogni 30 minuti. Il Mini è ora dotato di bussola elettronica, ancora più precisa e fondamentale per conoscere la direzione del Nord e quella della propria destinazione anche quando non si è in movimento. Per localizzare la posizione, oltre alla rete satellitare GPS, inReach Mini 2 si appoggia alle costellazioni GALILEO, QZSS e BeiDou riducendo così i tempi di acquisizione del segnale e garantendo un’elevata precisione e affidabilità anche nelle condizioni ambientali più sfavorevoli.

La rinnovata interfaccia utente di Garmin inReach Mini 2 consente di monitorare gli aggiornamenti sulla posizione, gli avvisi meteo e i messaggi ricevuti in modo ancora più semplice e intuitivo. Con la nuova ‘visualizzazione rapida’ è possibile scorrere i widget del dispositivo per rivedere velocemente i tool più importanti. Con il set di feature di inReach Mini 2 si può contare sull’invio e la ricezione di sms ed e-mail, sul rilevamento della posizione e su accurati report meteorologici, il tutto garantito dalla rete satellitare globale Iridium. Inoltre, in caso di emergenza, gli utenti inReach Mini 2 possono attivare un messaggio di SOS interattivo indirizzato direttamente a Garmin IERCC, il centro di coordinamento internazionale di emergenze attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

inReach Mini 2 costa 399,99 euro. Per comunicareè necessario sottoscrivere un piano di abbonamento. I piani disponibili sono molteplici e si rivolgono a privati e professionisti, con opzioni mensili flessibili o un pacchetto annuale, a partire da 14,99 euro al mese.

www.garmin.com/it-IT  


Veloce ma non troppo

Il peso è un limite, la sicurezza no dice Manuel Aumann, Operations and R&D Director Bindings, mentre a pochi metri di distanza, nella stessa stanza, uno strano apparecchio emette una luce verde. A intervalli regolari nel macchinario entrano piccoli pezzi metallici che vengono misurati: se le dimensioni sono corrette, la luce è verde, ma se sono sbagliate, diventa rossa. Di quei pezzi, stivati ordinatamente in scaffalature come quelle dei ferramenta, sempre nella stessa stanza, ce ne sono circa mille. Mille parti diverse, mille forme e 25 materiali. Ognuno viene inventariato per controllare la qualità quando arrivano le nuove commesse dai 40 fornitori, dei quali 25 nel raggio di pochi chilometri. Venticinque chilometri da dove? Da Aschheim, 6.879 abitanti, nell’ordinato hinterland di Monaco di Baviera.

Di fatto in questo tranquillo sobborgo, tra villette con giardino e qualche capannone, c’è la capitale dell’attacchino. Perché qui c’è il quartier generale di Dynafit e il reparto ricerca e sviluppo del famoso attacchino inventato da Fritz Barthel e prodotto da sempre dal marchio del leopardo delle nevi. Insieme a Manuel nei tre stanzoni del reparto che si occupa di R&D, qualità e logistica ci sono una ventina di persone. Nel locale della macchina che emette luce verde o rossa ci sono altri macchinari. Qui vengono fatti i controlli di qualità. C’è anche un apparecchio identico a quello utilizzato dal TÜV per i test sui valori di sgancio. Lì dentro passa un prodotto finito ogni cento, anche quelli non certificati. «Mettiamo l’incolumità al primo posto e riteniamo che non si possa scendere sotto un certo peso, se serve per garantire sicurezza, non accettiamo compromessi» dice Manuel mentre il rumore dei macchinari crea una sinfonia di sottofondo. Garantire è un altro dei verbi che sentiamo ripetere spesso. Perché gli attacchi Dynafit sono garantiti a vita. E anche questo si traduce in un severo lavoro di progettazione e di test. Per capirlo facciamo rimpiattino tra la prima stanza e il grande locale accanto a quello dove ci troviamo. Appena entrati in reparto, dietro a una porta a vetri, c’è un piccolo ambiente con diversi macchinari. Uno apre e chiude incessantemente un attacchino. Milioni di step in e out. Ma ci si può sbizzarrire con il test degli impatti laterali e c’è anche un ice box, che non è altro che una cella refrigerata dove vengono eseguiti gli stessi test. I valori di quello di impatto laterale a meno venti, quando tutto è più rigido, hanno una rilevanza maggiore, come quelli sulle vibrazioni di pre-release. E cosa succede quando si salta? L’effetto viene simulato con il test delle forze verticali. In totale sono una dozzina le prove effettuate in questo sancta sanctorum prima di andare sulla neve. Con diversi fori per i pin «perché ci sono cinque produttori e 0,2 millimetri possono fare la differenza» aggiunge Manuel. 

© Federico Ravassard

Il motto di Dynafit è speed up. Nel DNA del marchio c’è la velocità, lo sguardo verso il futuro e l’innovazione, ma lo sviluppo di un attacco è un processo lungo. Mediamente tre-quattro anni dal primo white paper, dalle informazioni raccolte attraverso il dialogo con i consumatori, per capire le esigenze del mercato. Ma ad Aschheim sono abituati a guardare oltre e stanno già ragionando su cosa succederà fra cinque anni. Lavorano a gruppi di cinque persone su ogni singolo progetto. «Siamo orgogliosi di avere progettato il Radical, l’attacco a norma TÜV per i valori di sgancio, riteniamo di essere nella parte alta dell’asticella, per questo per qualche anno abbiamo rilasciato prevalentemente aggiornamenti dei prodotti esistenti, mentre ora stanno per arrivare diversi attacchi nuovi» dice sorridendo Manuel. Dall’idea alla produzione ci vuole del tempo, ma tutto è ottimizzato per essere veloci. Lo capiamo mentre varchiamo la porta dell’ultimo grande locale. 

© Federico Ravassard

Lo schermo del computer sputa disegni 3D del puntale di un attacco. Con il mouse l’operatore ruota l’immagine per cambiare la visuale. Sembra un gioco, invece è il cuore del sistema. La parola magica è software di analisi agli elementi finiti. Permette di calcolare con precisione le forze in gioco e i punti di maggiore stress e di rottura. «In una notte possiamo fare una ventina di simulazioni, che equivalgono anche a un paio di settimane di test con i macchinari». Ai macchinari, quelli dei famosi 12 test, ci si arriva dopo, ma se si è lavorato bene con il software, difficilmente verranno rilevate anomalie. E così poi si va sulla neve. Di solito una ventina di persone, atleti, ma anche semplici appassionati, dei quali fanno parte anche alcuni dei venti addetti che lavorano nel reparto. Perché un’altra delle parole chiave in Dynafit è obsessed, ossessionati, ovvero appassionati. «Non è sempre facile trovare le figure professionali per il reparto R&D di Aschheim, perché non cerchiamo solo ingegneri, ma anche sciatori e amanti del dislivello» conferma Manuel. Il test sulla neve è la parte più delicata del risiko perché nessuna macchina misura le emozioni. Così i prototipi fanno avanti e indietro dalle montagne ad Aschheim. La velocità di reazione sta nella vicinanza alla neve, ma anche nella capacità di modificare, evolvere. Il reparto prototipazione è in grado di produrre singoli pezzi in poche ore e un attacco completo in un paio di giorni. Si lavora non solo sull’affidabilità e la risposta alle sollecitazioni meccaniche, ma anche sull’usabilità dei prodotti. Grazie alle stampanti 3D vengono realizzati fino a 20 tipi diversi di leve prima di arrivare in produzione. Una sfida ancora più ambiziosa ora che le materie prime scarseggiano a causa della pandemia e la mancanza di una minuscola vite può ritardare la produzione di un attacco o la progettazione di un componente. «Siamo sempre alla ricerca di nuovi materiali e fornitori, ma è difficile cambiare perché le parti di un attacco devono resistere alle sollecitazioni meccaniche e a condizioni atmosferiche proibitive». Come dire che il libro degli ingredienti è ben definito. 

E allora la sfida si sposta in un alto campo. «Dobbiamo semplificare, ridurre il numero di attacchi, che può disorientare lo scialpinista, e allo stesso tempo rendere ogni prodotto il più specifico possibile». Ecco la vera sfida per il futuro, per certi versi piccola rispetto a quella titanica di Fritz Barthel che ha immaginato due pin per farci risalire e sciare leggeri. Una sfida che non verrà più affrontata ad Aschheim, ma a Kiefersfelden, al confine tra Germania e Austria. Ancora più vicino alle montagne. Lì sorgerà il nuovo headquarter di Dynafit. Sapendo come è venuto quello di Oberalp, la holding bolzanina che controlla il marchio, c’è da giurare che sarà un bel parco giochi. Magari anche più bello di quello di Bolzano. Ecco, un’altra sfida... +


Arrivano i caschi Backland di Atomic

Un casco unico per scialpinismo, ciclismo e arrampicata? È l’idea che c’è dietro ai nuovi Backland che vanno a completare l’omonima gamma di Atomic. Presentati ieri in anteprima alla stampa e oggi ai negozianti, i Backland saranno in vendita dalla prossima stagione invernale e puntano tutto su funzionalità e innovazione. Su due dei tre modelli, Backland UL CTD e Backland CTD, è disponibile anche la tecnologia Shocksense Connected (CTD), controllabile tramite app, che misura gli impatti del casco, ne monitora le condizioni e trasmette avvisi SOS in caso di emergenza. La sicurezza conta sulla costruzione Holocore e sul sistema AMID (Atomic Multi-Directional Impact Deflector) che, secondo quanto dichiarato dalla casa austriaca, garantisce fino al 40% di protezione in più rispetto agli standard del mercato. La costruzione è in Hybrid EPP in-mold e c’è il fissaggio anteriore per la lampada, un pratico sistema per tenere ben ferma la maschera quando non copre gli occhi e due cinturini elastici laterali che aiutano a renderla ancora più stabile. Il sistema intelligente 360* Fit System permette la regolazione su ogni asse. Oltre a Backland UL CTD (pensato per gli atleti) e Backland CTD (modello allround), ci sarà anche Backland, senza tecnologia Shocksense. 


Arriva Garmin epix con display AMOLED

Lo scorso 18 gennaio Garmin ha annunciato l’arrivo di un nuovo smartwatch sportivo: epix. Oltre alla collaudata esperienza d’uso del marchio americano, con tante funzionalità per l’allenamento e lo sport outdoor, epix ha un nuovo e interessante display AMOLED da 1,3 pollici always-on e durata della batteria fino a 16 giorni. epix è già disponibile presso tutti i rivenditori ufficiali Garmin a partire da 899,99 € nelle versioni Slate Stainless Steel, Carrera White Titanium e Black Carbon Gray DLC Titanium, con cinturino in silicone a 999,99 €. Ecco le principali caratteristiche del nuovo smnartwatch.  

Stile e tecnologia 

Pensato per l'uso quotidiano, epix è curato nel dettaglio con un design riconoscibile e assemblato con materiali ricercati e di qualità come nelle versioni con vetro zaffiro e il titanio, o nei modelli con lente in cristallo rinforzato e acciaio inossidabile. La versione Slate Stainless Steel presenta una lunetta in acciaio con lente Corning® Gorilla® glass a protezione del display. Le versioni Carrera White Titanium e Black Carbon Gray DLC Titanium con cinturino in silicone offrono l’ultra resistenza e la luminosità del vetro in zaffiro. L’interfaccia grafica è garantita dal display AMOLED da 1,3 pollici always-on. I controlli dei pulsanti sono abbinati a una seconda opzione d’interfaccia d’uso a mezzo touchscreen. Al suo interno le funzioni più evolute per il training, pensate per l'allenamento della forza funzionale con comodi esercizi animati da seguire direttamente dallo schermo, sono rappresentate dagli esercizi cardio, yoga e pilates. Con il comodo e rapido sistema di sostituzione QuickFit™ è possibile variare il cinturino, utilizzando cosi quello più adatto all’attività preposta o al mood della giornata.

Controllo forma fisica H24

Tra le funzioni troviamo: frequenza cardiaca rilevata al polso (con soglie e avvisi configurabili), il monitoraggio della respirazione e dello stress, il rilevamento della qualità del sonno con valore, grafici e approfondimenti del proprio riposo notturno e l’analisi dell'energia quotidiana Body-Battery™. epix è adatto a qualsiasi stile di vita attivo grazie a un set di app sportive, dall’outdoor fino all’indoor d’ampia gamma come allenamenti in palestra, arrampicata indoor, bouldering, golf, windsurf, kitesurf, sci alpino e di fondo, nuoto in acque libere, in aggiunta alle ormai consolidate app sportive fitness e sport.

Allenamenti e coach personalizzati

Qualsiasi sia l’allenamento o l’obiettivo da raggiungere, epix può accompagnare i runner fino al giorno della gara con i piani di allenamento personalizzati di Garmin Coach, completi di un personal trainer virtuale gratuito che offre utili consigli e una maggiore motivazione. Per i runner di lunghe distanze, epix include un'ampia gamma di training tool come PacePro™, che consiglia il passo corretto da mantenere in base alle pendenze del percorso. La funzione Real-Time Stamina risulta utile per monitorare e gestire lo sforzo attraverso l'attività per evitare il burnout. Up Ahead sarà il nuovo road book per trail-runner che consente di leggere in anticipo i POI di riferimento. Allenarsi grazie a Garmin Coach significa ricevere piani di allenamento giornalieri, creati ad hoc in base al livello di forma fisica, al carico di lavoro del proprio corpo, ai tempi di recupero, alla cronologia delle ultime attività e ai dati biometrici. Infine la funzione Visual Race Predictor garantirà all’atleta una stima puntuale dei tempi di gara futuri tramite un trend consolidato di almeno 15 allenamenti pregressi. 

Mappe e navigazione al top

Nel chipset di rilevamento GPS potenziato trova spazio il ricevitore multi-banda e il supporto multi-GNSS per un posizionamento e tracciamento dello spazio di grandissima precisione. Nelle sue edizioni Sapphire, epix è precaricato con mappe TopoActive che offrono ulteriori download gratuiti di mappe multicontinentali da tutto il mondo, anche tramite Wi-Fi ®. Per gli amanti dello sci alpino e fondo, troviamo le mappe SkiView™ aggiornate, con nuove metriche, un miglior censimento dei resort e altri punti d’interesse con una panoramica delle attività migliorata. Con una durata della batteria fino a 16 giorni in modalità smartwatch e gesto attivata e fino a 42 ore in modalità GPS, gli utenti possono godersi le proprie attività e avventure senza preoccuparsi della prossima ricarica.

User-friendly e funzioni smart 

epix offre la completa connessione al proprio smartphone per tutto il giorno, con Garmin Connect Mobile attivato in background, e presenta una serie di funzioni smart, tra cui:

• Notifiche: ricevi avvisi per chiamate in arrivo, messaggi di testo, aggiornamenti sui social media, promemoria del calendario e altro.

• Archiviazione musica: scarica brani o playlist nella memoria interna tramite Garmin Express, servizi musicali di terze parti compresi. Spotify®, Amazon Music e Deezer3 che sono precaricati On Device. Connect IQ™ Store consente agli utenti di scoprire nuove app, quadranti orologio, campi dati e widget consigliati e installarli tramite Wi-Fi direttamente dall'orologio.

• Sicurezza e monitoraggio: il rilevamento degli incidenti (durante determinate attività all'aperto) e l'assistenza possono inviare un messaggio con la posizione in tempo reale (se disponibile) ai contatti di emergenza oppure a un numero di chiamata emergenza predefinito come il 112.

• Garmin Pay™: la soluzione di pagamento contactless consente di pagare con un semplice gesto e senza contatto lasciando a casa contanti e carte di credito.

• Personalizzazione: è possibile scaricare app, widget, quadranti e altro ancora dallo store Garmin Connect IQ™, con supporto app aggiuntivo per Garmin Golf, Explore e Garmin Connect Mobile.

www.garmin.com/it-IT