Lo speciale autunno dei ghiacciatori sulle Alpi

Anche Denis Trento su ghiaccio prima della stagione skialp race

Autunno speciale per il ghiaccio ripido sulle Alpi. Condizioni che non si ricordavano da decenni hanno intasato di ghiaccio goulotte e fessure in quota. Si sono viste tante ripetizioni di salite di ghiaccio e misto che, negli ultimi anni, si percorrevano in tardo inverno o in primavera, dalla Nord dell’Eiger alla Colton-McIntyre sulle Jorasses. Tante anche le aperture di vie nuove e varianti. Sulla pagina FB del Rifugio Torino (sempre ben aggiornata dalla nuova gestione del rifugio) sono pubblicate alcune interessanti linee nuove nel gruppo del Bianco tracciate da Ezio Marlier, Enrico Bonino e altri. Tra queste spicca per eleganza la goulotte ‘Gregory ou Teophile?’ (230 metri fino a M6) salita il 23 ottobre da Jean-Marc Chanoine e Denis Trento sul Pic Adolphe Rey. Pochi giorni dopo, il 28 ottobre, il nostro amico Denis  torna nella Comba Maudit dove, in allenamento con gli sci, aveva notato un’altra linea interessante e sconosciuta a guide e ricerche internet. Con Alex Chadel salgono quindi ‘No riescio a dormire’ (da non confondersi con ‘No siesta’): 3 tiri fino a M6, con discesa sulle doppie di Filo di Arianna.
Le condizioni delle vie potranno solo migliorare nelle prossime settimane, ma le funivie del Monte Bianco rimarranno chiuse per tutto il mese di novembre. Rifugio Torino sempre aperto.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.