Lavaredo Ultra Trail, al via anche Krupicka

Venerdi' l'unica gara italiana dell'Ultratrail World Tour

Mancano pochi giorni alla The North Face Lavaredo Ultra Trail, unica tappa italiana dell’Ultra-Trail World Tour. Quest’anno la lista di partenza è particolarmente importante. Non è ancora on-line un elenco aggiornato ma le ultime comunicazione danno al via tra le donne, oltre a Francesca Canepa, anche Rory Bosio, l’americana trionfatrice (con record) dell’Ultra-Trail du Mont Blanc 2013. Tra le donne dovrebbero esserci anche la spagnola Nerea Martinez, la brasiliana Fernanda Maciel e, nelle fila italiane, Lisa Borzani, Katia Fori e Simona Morbelli. Agguerrito anche il parterre maschile con i francesi Sebastien Spehler (vincitore nel 2013), Emmanuel Gault, Vincent Delebarre, Antoine Guillon e Christophe Le Saux, l’americano Mike Foote e il neozelandese Scott Hawker. Sarà della partita anche Anton Krupicka. Tra gli italiani al via da segnalare Stefano Trisconi, Marco Zanchi, Ivano Molin, Fulvio Dapit, Ivan Geronazzo, Matteo Pigoni, Marco Beretta e Filippo Canetta.

PERCORSO – 119 km e 5.850 km di dislivello positivo per la LUT, al via alle 23 di venerdì 27 giugno, mentre il più corto Cortina Trail, con partenza alle 8 del sabato mattina, misura 47 km e 2.650 metri di dislivello positivo. L’anno scorso il percorso fu cambiato a causa delle avverse condizioni meteo e della neve caduta.

COSI’ L’ANNO SCORSO – Vittoria del francese Sebastien Spehler (7h39’35”) davanti allo statunitense Mike Wolfe, autore di un prodigioso recupero dopo avere sbagliato percorso (8h13’47”) e all’italiano Ivan Geronazzo (8h14’15”). Vittoria rosa per la canadese Cheryl Beatty (9h31’12”) davanti a Federica Boifava (9h54’56”) e all’inglese Lizzie Wraith (9h57’14”).

LE IMPRESSIONI DI TRISCONI – Stefano Trisconi si trova a Cortina da qualche giorno per preparare la gara e pro vare il percorso. «Speriamo nel meteo perché in questi giorni non è dei migliori, ieri ho preso un vero e proprio temporale e anche nei giorni di gara al momento le previsioni non sono molto buone. In quota per fortuna la neve non è troppa, le sensazioni sono buone, l’anno scorso sono arrivato quarto ma era stata tagliata una parte del percorso, che proverò nei prossimi giorni.
 

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.