Kilian nella storia del trail: vince anche la Hardrock

Record della gara battuto per 42', secondo Chorier

Era l’ultima gara che gli mancava per completare una ‘lista dei desideri’ compilata a 16 anni. E, come sempre, Kilian ha riscritto la storia della competizione. Stiamo parlando naturalmente della Hardrock 100. Kilian ha chiuso oggi la 100 miglia (160 km) con 20.722 metri di dislivello cumulato che si corre nella zona delle montagne di San Juan, nel sud del Colorado, in 22h41′.

LA GARA – La Hardrock è sicuramente una delle gare mitiche e anche tra le più impegnative perché si corre a quote comprese tra i 3.000 e 4.218 metri (Handies Peak), quindi con condizioni meteo fresche e su un terreno tecnico dove non manca la neve. Kilian è passato primo già al rifornimento di Oscar’s Pass al km 36 con sei minuti su Julien Chorier e sull’americano Dakota Jones. Da qui Kilian e Chorier hanno fatto gara insieme fino quasi al km 100 al Grouse Gulch, dove Kilian ha avuto un ‘pacer’ di tutto rispetto: Rickey Gates. Durante il percorso anche Anna Frost ha fatto da pacer al catalano. Al km 130 il vantaggio su Chorier era di 70′. Al traguardo infine Chorier ha fermato il cronometro a 25h07’56”. Al terzo posto Adam Campbell in 25h56’46”. A seguire Jeff Browning e Scott Jaime (solo cinque corridori sono arrivati al momento di scrivere questa news).

IL RECORD – Durava dal 2008 ed era di 23h23′ ad opera di Kyle Skaggs. «Il record non era un obiettivo perché in una gara così lunga il primo obiettivo è arrivare» ha detto Kilian al traguardo.

LE PRIME DICHIARAZIONI – «Sono veramente soddisfatto, sono stato proprio bene, sia di testa che di stomaco, una gara quasi perfetta. Abbiamo corso a un ritmo tranquillo che ci ha permesso di godere del paesaggio e dell’ambiente, molto bello, molto diverso da quello europeo. Io e Julien abbiamo corso insieme fino a 40 km dalla fine quando ho deciso di attaccare e dare tutto per vincere. Il percorso è molto bello, tanto per l’itinerario quanto per i paesaggi. Non butterei nessun tratto di gara, è tutto spettacolare. Il punto più basso è a 3.000 metri, si corre sempre in quota su un terreno tecnico, che rende questa gara diversa e speciale, senza dubbio una delle più belle in assoluto». Si è corso al freddo – aggiungiamo noi – una delle situazioni preferite da Kilian… 

GARA FEMMINILE – Undicesima piazza assoluta: Darcy Piceu ha vinto la Hardrock. La sfida per la vittoria alla vigilia era tra lei e Diana Finkel e così è stato: dopo 15 miglia tra le due americane e il gruppo delle altre c’era già un margine di mezz’ora. La  Finkel ha provato ad allungare, Darcy Piceu è stata sempre molto  costante, andando a vincere con il tempo di 29h49’58". Diana Finkel non ce l’ha fatta nella finale. Seconda Betsy Kalmeyer, terza Betsy Nye, quindi Tina Ure e Suzanne Lewis.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.