Julbo Aerospace, a prova di condensa

Abbiamo provato la maschera che si apre del costruttore francese

523
©Jeremy Bernard

Abbiamo ricevuto e testato la maschera Julbo Aerospace, dotata di un sistema inedito che permette di sollevare la lente dalla montatura per migliorare la circolazione d’aria.  L’azionamento è decisamente semplice, basta sollevare le apposite alette per creare una luce di circa 1cm. A cosa serve? Semplice, a non dover mai sollevare la maschera dal viso, rendendola utilizzabile anche nelle situazioni in cui normalmente si creerebbe condensa, ad esempio in salita o nelle classiche ravanate nei boschi. Effettivamente il sistema funziona: chiaramente per una gita classica di scialpinismo un paio di occhiali per salita è comunque più comodo, ma per una risalita da 200 metri in prossimità degli impianti per andare a sciare una linea vergine l’Aerospace è decisamente pratica. La versione da noi ricevuta era dotata di lente Zebra Light Red fotocromatica, in grado di coprire le categorie di protezione 1-3. Leggermente rossa, ha sempre permesso un’ottima visibilità in termini di contrasto sia durante le nevicate che nelle giornate di sole. I volumi dell’Aerospace sono quelli giusti, abbastanza ampia da avere una visione panoramica ma non così ingombrante da avere il look di un casco da astronauta. Altri utilizzi consigliati: in gara, per evitare l’accumulo di condensa quando è riposta sopra il casco, e per gli sciatori da snowpark, che spesso risalgono pochi metri a piedi per riprovare il trick. Promossa!


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.