Il 10 giugno al via la Skyrace Valmalenco-Valposchiavo

Attesi 500 concorrenti: la novità del mini-percorso under 16

La SkyRace Valmalenco-Valposchiavo, in programma il prossimo 10 giugno, è una gara di corsa in montagna d’alta quota (31 km che si sviluppano in un dislivello complessivo di 1850 m in salita e di 1800 m in discesa), che
sottolinea il felice connubio tra sport e natura. Come punti di riferimento ha la zona del Gruppo del Bernina a nord e quella del Pizzo Scalino a sud. La Valmalenco-Poschiavo, giunta alla undicesima edizione, offre l’opportunità per riaffermare i numerosi legami storici, culturali ed ambientali che da sempre accomunano la Valmalenco e la Valposchiavo.

LA STORIA –
Dal 2004 è stata per quattro volte tappa del Buff® Skyrunner® World Series, ossia del circuito di coppa del mondo di specialità. Come già nel 2007, nel 2011 e in occasione della suo 10° anniversario, ha ospitato l’European Skyrunning Championship (Campionato Europeo di Skyrunning). Novità 2012 l’inserimento della gara come tappa d’apertura del La Sportiva Gore-Tex Mountain Running Cup insieme ad altre 4 tra le più belle competizionin d’Italia. A questa spettacolare ‘corsa del cielo’ si danno appuntamento i migliori atleti in rappresentanza di oltre 20 nazioni. Ne sono attesi 500 in arrivo da Svizzera, Italia, Messico, Venezuela, Spagna, Inghilterra, Germania, Francia, Russia. Da quest’anno il comitato organizzatore apre le porte anche alle giovani leve (over 16) e ai neofiti con l’introduzione della Mini SkyRace da 16 km con partenza e arrivo da Poschiavo. L’idea di creare questo evento sportivo è stata ispirata dalle innumerevoli peripezie e dai
grandi sacrifici dei contrabbandieri del secolo scorso. Il contrabbando attraverso la montagna è stato un espediente ed un elemento di unione tra le due comunità alpine della Valmalenco e della Valposchiavo, separate da un confine di Stato che rendeva complicato un normale rapporto tra buoni vicini.

IL PERCORSO – Il percorso parte da Lanzada (982 m) e dopo aver raggiunto la frazione Tornadri, oltrepassando una vecchia dogana presumibilmente austriaca, si seguono una ripida mulattiera prima e sentieri caratterizzati da saliscendi poi, per arrivare alla diga di Campo Moro. Costeggiando laghetti alpini e passando ai piedi del Pizzo Scalino, si giunge al Passo di Campagneda, tetto della gara a 2627 m, dal quale è possibile ammirare l’imponente Gruppo del Bernina. Con una rapida discesa di 1 km su morena, nevai e terreno misto ci si porta al Passo Canciano, valicando il confine italo-svizzero. Il tratto finale si snoda a ritmo sostenuto lungo strade sterrate e vecchie mulattiere, per concludere dopo 3600 m di dislivello complessivo con 1 km pianeggiante, che conduce all’arrivo nel pittoresco centro del Borgo di
Poschiavo (1014 m).

MINI SKY RACE – Appositamente concepita per i giovani (over 16) e i neofiti della specialità, questa prova si sviluppa interamente sul territorio svizzero con partenza e arrivo da Poschiavo. Lo start viene dato dinnanzi alla sede Repower e parte del percorso ricalca quello della gara lunga così da poter sfruttare la segnaletica e il personale dell’organizzazione già schierato per l’occasione. L’arrivo, come per la Skyrace da 30 km è previsto nella suggestiva cornice di Plaza da Cumün dopo avere superato 16 km (dislivello +/- 1100 m)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.