Appuntamento sul Lago d'Iseo con la Trentapassi

Il 27 maggio la skyrace di Marone

Ritorna il 27 maggio la Trentapassi Skyrace, 17,5 Km di sviluppo, 1400 metri di dislivello positivo (1000 dei quali concentrati su 3 Km di sviluppo), e 1400 metri di dislivello negativo. La prima edizione nel 2011 ha visto al via 212 concorrenti, da 5 regioni e 15 provincie d’Italia. Salita estremamente tecnica da ginocchia in gola e discesa tutta da divorare a 1000! Il percorso, che inizia e termina a Marone (BS) in riva al lago d’Iseo, 195 m s.l.m., si sviluppa con i primi 1000 metri verticali di salita dapprima su sentiero e poi, abbandonato il bosco, è caratterizzato da passaggi aerei in cresta anche su roccia, con una pendenza praticamente costante al 30%. Raggiunta la cima Trentapassi a 1250 metri si passa a 12 km continui di discesa alternati da brevi tratti in piano e brevissimi tratti di salita snodandosi su prati, sentieri, mulattiere, sterrati, con passaggi spettacolari come quello nel bel mezzo delle Piramidi di erosione di Zone (BS) per catapultarsi verso il traguardo in mezzo agli uliveti di Marone. Dal punto di vista agonistico lo scorso anno a dominare furono Franco Bani ed Emanuela Galesi: il primo plurivincitore della Maratona del Guglielmo, la seconda aprì con la vittoria alla Trentapassi Skyrace una serie di successi che l’ha portata a vincere le principali ultratrail della scorsa stagione. Immediatamente alle spalle di Franco Bani si classificarono Emanuele Miotti del Team Valtellina, Maini Marco del Gruppo Sportivo Bagolino, Pizzatti Cristian del Team Valtellina, Carrara Luca della Valetudo Skyrunning e Gianoncelli Enrico del Team Valtellina. Per la categoria femminile alle spalle di Emanuela Galesi si classificarono Pellicioli Elisa della Felter sport, Bonora Lara della Cogito Ergo Sum e Franzini Nadia dell’atletica Paratico. L’organizzazione intende ripetere i numeri importanti dello scorso anno degli atleti per quantità e qualità, ma altrettanto intende fare con l’organizzazione: saranno dislocati 150 uomini dedicati all’assistenza concorrenti lungo tutto il percorso tra i quali 15 uomini del Soccorso Alpino coordinati sul campo dal vice presidente nazionale Valerio Zani e dal capo stazione di Breno Federico Bondioni, 1 elicottero con 1 medico e 2 tecnici di soccorso alpino a bordo. Per gli atleti è incluso nell’iscrizione oltre a gillet e buff un pasti party e il servizio docce. Da ultimo ma non meno importante anche il montepremi di tutto riguardo: Trentapassi Skyrace premia le categorie maschile e femminile assolute con 500 Euro al 1°, 250 al 2° e 150 Euro al 3°, premia poi con 200 Euro il primo atleta e la prima atleta che passeranno per primi sulla cima Trentapassi, e infine in caso di record all’arrivo altri 150 Euro, in questo modo la prima atleta ed il primo atleta che dovessero vincere all’arrivo con record e passare per primi sulla cima si possono portare a casa complessivamente 850 Euro. www.trentapassiskyrace.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.