François Cazzanelli, prova a prendermi

Dopo la salita in velocità sulla Cresta Cassin al Denali e il record alle quattro creste del Cervino l’alpinista valdostano punta al Manaslu. Fedele all’idea di libertà che trasmette il suo modo di affrontare l’alpinismo in leggerezza e velocità

© Damiano Levati

«La salita vera e propria l’abbiamo fatta il 28 maggio, sempre con Francesco. Siamo partiti presto con Teto e Roger, poi loro hanno proseguito sulla West Rib. Siamo scesi per la Seattle Rump e in 4 ore e 20 minuti eravamo alla base della via. Dieci minuti per preparare il materiale e rifocillarci e poi via. Le condizioni al Japanese Couloir non erano delle migliori, c’era parecchio ghiaccio, ma siamo riusciti a cavarcela velocemente. La traccia delle due cordate davanti a noi ci ha aiutato parecchio e in poche ore siamo arrivati al ghiacciaio pensile. La prima rock band ci ha riservato un’arrampicata splendida, mai difficile e molto divertente. Arrivati in cima abbiamo superato le altre due cordate: una stretta di mano, un po’ di incoraggiamenti reciproci e poi su verso la seconda rock band. Abbiamo trovato agilmente il couloir nascosto e lo abbiamo superato. In cima a questo tratto, a circa 5.000 meri, ci siamo fermati a mangiare qualcosa.Il passaggio successivo era superare la terza rock band, ma è stato più difficile: per i successivi 400 metri avremmo dovuto tracciare la via con la neve alle ginocchia. La notte stava arrivando e abbiamo deciso di fermarci due ore a riposare e bere dentro la tendina monotelo. Alle due del mattino è venuta l’ora dell’attacco alla vetta. Faceva molto freddo, circa -36 con vento a 45 chilometri orari. Gli ultimi 700 metri sono stati difficilissimi. Stringendo i denti, finalmente alle 7 del mattino eravamo al sole e in vetta».

A parlare è François Cazzanelli che lo scorso maggio ha scalato in velocità la Cresta Cassin al Denali: 26 ore e 45 minuti dal campo 4, 18 ore e 58 dalla terminale. Una delle non poche imprese di un anno vissuto intensamente, dal record delle quattro creste del Cervino con Steindl all’apertura della nuova via Diretta allo Scudo sulla parete Sud del Cervino. Prossimo obiettivo Manaslu.

Siamo stati a trovarlo a Cervinia e lo abbiamo intervistato su Skialper 125 di agosto-settembre.

© Achille Mauri

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.