Dove si corre in Italia nel fine settimana

Un ricco programma di manifestazioni

La stagione entra davvero nel vivo: qualche info su alcune gare in programma in Italia nel fine settimana, come sempre vi rimandiamo al nostro calendario per avere il programma completo.

CASTLE MOUNTAIN RUNNING – Sabato e domenica appuntamento tricolore ad Arco, con i campionati Italiani di corsa in montagna a staffetta per tutte le categorie. Teatro delle sfide sarà quello stesso tracciato semicittadino che due anni fa ha ospitato i campionati europei. Lo stesso percorso sognato, voluto e infine realizzato da Franco Travaglia, fondatore e presidente della società organizzatrice Garda Sport Events, fino alla prematura scomparsa, avvenuta lo scorso luglio. E in una sorta di staffetta, adesso al timone ci sono i figli Stefano (presidente) e Andrea, con l’intenzione di proseguire nel percorso tracciato dal padre, puntando ad ospitare nel 2021 i Mondiali di corsa in montagna e trail che verranno organizzati sotto l’egida della IAAF. Intanto grande attese per i tricolori: sabato l’apertura sarà riservata alle categorie giovanili (Cadetti, Under 16 e Allievi, Under 18), domenica quindi spazio a tutte le altre categorie, dagli junior ai master, passando naturalmente per il campionato italiano assoluto che coinvolgerà tra gli altri anche i gemelli Dematteis, Alex Baldaccini, Alessandro Rambaldini, Alice Gaggi, Sara Bottarelli.

GRIGNONE VERTICAL EXTREME – Sempre l’ultimo sabato di maggio. Sono già oltre 200 i concorrenti accreditati alla terza edizione della gara only up proposta dal Team Pasturo su una delle montagne simbolo dell’alpinismo lecchese. La ‘tutt d’un fià’ è la rivisitazione in chiave moderna di una competizione storica, una sfida in verticale volta a siglare il migliore crono possibile nella dura e spettacolare ascesa dal paese della Valsassina sino alla porta del Rifugio Brioschi, in vetta alla Grigna Settentrionale. Al momento, sui 7.5 km e 1800 metri di dislivello positivo, le migliori performance appartengono a Michele Boscacci (1h11’05”) e Raffaella Rossi (1h30’17”).
Riprendendo in parte il Trofeo Antonietta, organizzato per anni dal gestore del Rifugio Pialeral, Dario Pensa, questo vertical andrà in scena sabato. Rispetto allo scorso anno sono state previste alcune migliorie. La prima e più importante riguarda lo start anticipato alle 9.30 per evitare agli atleti temperature troppo elevate durante la risalita. Da segnalare inoltre l’ingresso di un brand prestigioso come Scott che, da quest’anno, ha deciso di associare il proprio marchio all’evento lecchese.

Michele Boscacci recordman al Grigone Vertical Extreme ©MaurizioTorri

TRAIL SACRED FOREST – Sabato a Badia Prataglia sfida a cavallo dell’Appennino Tosco-Romagnolo percorrendo antichi sentieri all’interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. Dopo l’esperienza dello scorso anno con l’organizzazione dei Mondiali trail, il comitato è pronto per un’altra edizione di spessore. Tra le ‘Foreste Sacre’ che si espandono tra Camaldoli, Badia Prataglia e La Verna, considerate le più belle d’Europa, e che costeggiano l’invaso di Ridracoli, saranno segnalati quattro percorsi, il Long Trail di 50 chilometri con 3000 metri di dislivello positivo, il Trail di 24 chilometri con 1500 metri di dislivello positivo, lo Short Trail di 14 chilometri con 800 metri di dislivello positivo e l’Ecocamminata Nordic Walking di 11 chilometri. La macchina organizzativa procede a pieno ritmo, «Dopo l’incredibile esperienza dei Mondiali Trail dello scorso anno, – ha raccontato Dimitri Bonucci, presidente del comitato organizzatore – stiamo definendo gli ultimi aspetti. Come di consueto, anche se l’impegno è minore rispetto al 2017, c’è un intero paese che in questi giorni si sta mobilitando. Dislocati lungo i tracciati sabato avremo circa 150 volontari che garantiranno l’assistenza e il primo soccorso agli atleti che ne avranno bisogno. In paese saranno invece una cinquantina le persone che si occuperanno degli aspetti logistico-organizzativi, dalla segreteria al pasta party, dall’allestimento del parterre di partenza e arrivo alle premiazioni».
Due giorni prima della gara Cristian Caselli, forte atleta di casa, partirà per la sua avventura di 160 chilometri con quasi 8000 metri di dislivello positivo. «L’idea di correre lungo un percorso che marcasse i confini del Parco Nazionale è nata un anno fa. Durante la gara di 85 chilometri organizzata nel contesto dei Mondiali Trail, mi sono trovato immerso in paesaggi favolosi che non sapevo esistessero».

TRAIL MONTE SOGLIO – Correva l’anno 2009 quando Roberto Negri, presidente dell’associazione Monte Soglio Trail, radunava una settantina di ‘temerari’ sul piazzale del santuario dei Milani a Forno Canavese per la prima edizione del Trail del Monte Soglio. Dopo dieci anni, saranno almeno dieci volte tanto i partecipanti alla decima edizione. In questo decennio il Trail del Monte Soglio è cresciuto (come partecipanti e come organizzazione), si è moltiplicato (sono tre i percorsi a disposizione), e in particolare ha contribuito alla riscoperta e alla manutenzione dei sentieri del territorio, soprattutto grazie al contributo dei volontari, delle associazioni locali e delle squadre dei forestali.
L’edizione del decennale, in programma per sabato è ricca di novità per quanto riguarda i percorsi di gara, in particolare per il Gir Lung che riceve una vera e propria ‘iniezione di vitamine’ e raggiunge i 71 km di lunghezza con 4900 metri di dislivello, anche grazie ad un nuovo tracciato più panoramico su nuovi sentieri sopra Canischio ed al passaggio sul sentiero Redio sopra Piano Audi. Anche il Gir Curt cresce in lunghezza e difficoltà (36 km per 2160 metri di dislivello) e raggiunge la Cima del Monte Soglio come punto più alto del percorso. Rimane invariato il Gir Curt (16 km e 900 metri di dislivello). Per il ‘dopo gara’, serata con la birra Menabrea e tanta musica all’interno del Palazzetto dello sport.

Il passaggio al Monte Soglio

TRAIL BECCA DI VIOU – Domenica seconda tappa del Tour Trail della Valle d’Aosta. I due percorsi, che non raggiungono quote elevate, sono stati confermati: grazie all’enorme sforzo dello staff tecnico tutti i tratti sono puliti e percorribili. Pericolo scongiurato, la neve non c’è più e la festa può iniziare. Una grande festa che partirà da Roisan e si concluderà a Valpelline con l’immancabile ‘seupa à la Vapelenentse’, il piatto caratteristico del comune che dista a pochi chilometri dal centro di Aosta. Ancora una volta il trail della Becca di Viou sposa la buona cucina, un binomio vincente che da anni viene proposto in occasione del vertical, quest’anno in programma il 24 giugno. Prima dei festeggiamenti spazio all’appuntamento agonistico che scatterà di prima mattina. I trailers potranno scegliere tra la 33 chilometri (dislivello 1.823 metri) e la 23 chilometri (dislivello 1.419 metri) che partiranno alle 8 e alle 10 di mattina. Distanze e salite per tutti, anche per i meno allenati e per chi vuole semplicemente divertirsi all’aria aperta. Incertezza sui tempi di percorrenza perché l’edizione 2018 è stata capovolta: invertite le sedi di partenza e arrivo, di fatto anche il percorso sarà diverso. O meglio, i sentieri saranno gli stessi, ma cambierà il senso di marcia. Lo scorso anno, quando si corse da Valpelline a Roisan, Franco Collé impiegò 2 ore e 46 minuti per percorrere la distanza, mentre la prima donna fu Raffaella Miravalle all’arrivo dopo 3 ore e 44 minuti di corsa. Per quanto riguarda i favoriti, è già arrivata l’iscrizione di Marco Béthaz, terzo lo scorso anno dietro a Collé e Mathieu Brunod; per iscriversi sulla piattaforma di Wedosport c’è tempo fino a giovedì 24 maggio.

MONZA MONTEVECCHIA ECOTRAIL – Settima edizione della gara a coppie della Brianza che si sviluppa all’interno del Parco di Monza, passando per il Parco dell’Alta Valle del Lambro, il Parco dei Colli Briantei, fino al Parco naturale della Valcurone. Percorso confermato di circa 33,5 chilometri e con un dislivello complessivo di circa 700 metri, con la novità dell’introduzione del cancello orario al km 26. Partenza alle 8,30.

ALPAGO ECOTRAIL – Domenica appuntamento con la gara in Alpago: percorso da 50 km che dall’anno scorso ha preso il testimone dall’Alpago Trail e dell’Alpago Eco-Marathon. Campo base Farra d’Alpago, partenza alle ore 7. In programma anche la 21 km con start alle 8.30.

TRAIL DEL VIANDANTE – Quinta edizione, con un nuovo format e nuovo arrivo. La gara principe con partenza da Bellano e traguardo finale sul lungo lago di Colico avrà uno sviluppo di 28 km e un dislivello positivo di 1380 metri, ma verrà proposta anche una camminata da 7 km da corrersi in città aperta a tutti. Qui, parte del ricavato andrà direttamente alla Auser di Colico.

AMALFI POSITANO ULTRATRAIL – Domenica si corre sui sentieri della Costiera con la quarta edizione della gara che fa parte del circuito Trofeo Bper Agisko Appennino Cup. Tre le distanze: 50 km e 3060 metri di dislivello (con partenza alle 7 e arrivo ad Agerola), il Trail delle Sirene da 35 km e 2150 metri di dislivello e il Trail degli Dei da 17 km e 1060 metri di dislivello.

ULTRA TRAIL DELL’ASINARA – Terza edizione sabato sui sentieri incontaminati del Parco Nazionale dell’Isola dell’Asinara. Tre i tracciati: l’AUT di 71 km con 2400 metri di dislivello con partenza da Cala d’Oliva e arrivo a Cala Reale, il Trofeo Comune di Porto Torres di 42 km con 1400 metri di dislivello con partenza e arrivo a Cala Reale e il Trofeo Comune di Stintino di 25 km con 700 metri di dislivello sempre con partenza ed arrivo a Cala Reale.

RONCON VERTICAL – Domenica si apre il Trentino Vertical Circuit con la settima edizione della gara di Roncone. Con una novità, quella di un percorso rinnovato predisposto dagli organizzatori dello Ski Alp Roncone che avrà uno sviluppo di 6 chilometri e presenterà un dislivello positivo di 1450 metri, nonché una nuova zona d’arrivo: al posto del Monte Cimon, dove fu allestito il traguardo dodici mesi fa, i concorrenti termineranno la loro fatica verticale in vetta alla Cima Benna. La partenza verrà data alle ore 9 da piazza Dante Alighieri, nel cuore del paese. Attesa er la sfida tra Davide Magnini e Patrick Facchini, campione in carica della manifestazione nonché atleta di casa.

Patrick Facchini al Roncon Vertical ©Federico Modica e Alice Russolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.