Domenica la 'Camignada poi siè refuge'

Trenta chilometri da Misurina ad Auronzo di Cadore

Domenica 4 agosto in programma la ‘Camignada poi siè refuge’ corsa non competitiva, giunta alla quarantunesima edizione, sui trenta chilometri che collegano Misurina ad Auronzo di Cadore, organizzata dal sezione Cai di Auronzo.

PERCORSO – La Camignada è nata nel 1973 e prende il nome dai sei Rifugi sul tracciato, Auronzo, Lavaredo, Locatelli, Pian di Cengia, Comici e Carducci. Il percorso, spettacolare sin dai primi chilometri, transita proprio sotto le Tre Cime di Lavaredo che sovrastano la Val d’Ansiei, tocca le pendici del Paterno e ‘sfiora’ le pareti Nord della Croda dei Toni. In Forcella Giralba, inizia la lunga discesa che porterà i partecipanti sotto il traguardo posto al Palaghiaccio di Auronzo di Cadore. Lo scorso anno, Nicola Giovannelli, dopo aver battagliato a lungo con l’atleta di casa, Ivano Molin, ha tagliato vittorioso il traguardo con il tempo di 2h45’38"; in campo femminile Daniela Da Forno non ha avuto nessun problema a mantenere la testa della corsa, tagliando il traguardo in 3h25’38".

LE ISCRIZIONI – Il ‘tetto’ è stato fissato a quota 1300 iscritti: a pochi giorni dal via, sono già 1100. Le iscrizioni on line si chiuderanno, mercoledì 31 luglio; se non sarà raggiunto il numero massimo di iscritti sarà ancora possibile iscriversi presso la sede del Cai in piazza Regina Pacis ad Auronzo (orario di apertura 18,30-19,30) oppure sabato 3 agosto dalle ore 10 alle 12 e dalle ore 15 alle 19.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.