Da Savona al Gran Paradiso

Il 'viaggio' di tre ski-alper canavesani

«Nessun record e nessuna impresa: solo la voglia di fare qualcosa di ‘avventuroso’». Nell’ultimo fine settimana, tre ski-alper canavesani, Luca Raimondo, Marco Riva e Piercarlo Paglia, sono partiti da Savona per arrivare in cima al Gran Paradiso, in 22 ore 24 minuti e 17 secondi.

IL PERCORSO – «L’idea è nata leggendo della Genova-Monte Bianco – spiega Luca Raimondo -, le nostre mogli ci hanno quasi ‘sfidato’ quest’estate e noi abbiamo deciso di partire dalla spiaggia dove di solito andiamo in vacanza, per arrivare in cima al ‘nostro’ 4000, il ‘Grampa’. Volevano partire da Laigueglia, poi abbiamo puntato su Savona. Siamo saliti in bicicletta a mezzogiorno di sabato dal Priamar, abbiamo affrontato il Colle di Cadibona, siamo passati per Alba, Torino sino ad Ivrea dove abbiamo fatto la prima ‘sosta’. Poi ancora bicicletta sino a Pont Valsavarenche, dopo oltre 300 km: ci siamo cambiati e siamo saliti ai 4061 metri del ‘Grampa’ dove siamo arrivati domenica mattina».

ESPERIENZA – «È stata dura, ma ci siamo divertiti. Nessuna impresa, in estate prepariamo la stagione invernale (gareggiano con i colori del Corrado Gex, ndr) con arrampicata e bicicletta – prosegue Raimondo – ma il tempo è quello che è, tra famiglia e lavoro e i km nella gambe troppo pochi. Una bella esperienza: un grazie a tutti i parenti e amici che ci hanno fatto assistenza sul percorso».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.