Correre a 50 anni il Vertical kilometer dei record

Il racconto della gara del 'nostro' avvocato

Il peccato di ‘ubris’ è il leitmotiv di molte tragedie greche: è il peccato di tracotanza dell’uomo che vuole oltrepassare i propri limiti e proprio per questo viene punito severamente dagli dei per la superbia ostentata.
E io, come Icaro con il suo folle volo o Ulisse con Poseidone, devo aver mancato di rispetto a qualche divinità della Dolomites Skyrace avendo osato presentarmi alla partenza del Vertical Kilometer valido per il Campionato europeo di Skyrunnig; magari alle rinomate fate della Val di Fassa o a re Killian che – giustamente – forse non desidera che ‘tapascioni’ come me si mettano tra i piedi quando decide di scendere in campo. Così ora ne pago le conseguenze: ho qui davanti a me un vero e proprio muro verde. Un muro verde su cui è tracciato il ‘sentiero del fulmine’, un prato ‘infiocchettato’ di abeti che partendo da quota 1465 metri di Alba di Canazei conduce alla cima della Crepa Neigra, mille metri più in su, a quota, dunque, 2465. Il tutto in meno di due chilometri e mezzo. Due chilometri e mezzo di pura adrenalina, distillata da un sentiero scavato non dalla saggezza del passato, ma dalla splendida temerarietà degli organizzatori capitanati da Diego Salvador; una goccia d’acqua che scende direttamente dalla Crepa Neigra fino a valle. Insieme a me un centinaio di supereroi, di ‘formule uno dell’alta quota’ che si daranno battaglia per la corona continentale tra cui riconosco Killian Burgada, Urban Zemmer, Marco Moletto, Nejc Kuhar, Saul Padua, Nicola Golinelli e tanti altri ‘corridori del cielo’ che hanno fatto, e faranno anche oggi, la storia di questa disciplina.

Invecchiando si dovrebbe privilegiare il lungo lento, il trail, io invece vado controcorrente: dopo anni di skyrace, mi sono dato al breve e veloce: se si sopravvive ci si usura meno. Sono al punto di non ritorno: start. Insieme ad altri 19 concorrenti scatto, o mi illudo di farlo. Scatto alla rincorsa di me stesso e dei fantasmi del mio essere che mi costringono a cinquant’anni ad impegnarmi in queste lucide follie. Il cuore è a mille, spero che gli ultimi test d’idoneità fisica superati siano stati davvero approfonditi.  Bando alle ciance, a manetta. Avanti tutta, e solo in su. La pendenza, dopo un breve avvio di circa 100 metri lineari, è subito da picca e ramponi (ci fosse la neve). I bastoni in carbonio sono altre due gambe, mi trasformano in un 4×4. Trovo il mio ritmo. Il bosco s’impenna sempre di più. E’ dura tenere il busto in avanti per non ‘capottarsi’ indietro in un improvvido ‘back flip’ ed al tempo stesso respirare al meglio, il diaframma è costretto ed inevitabilmente ne risente. Riesco comunque a ‘mangiare’ tutto l’ossigeno che mi serve. Le ripetute in forte salita che mi ha consigliato l’amico Marco Facchinelli mi hanno fatto bene, ma un mulo non diventa un cavallo nemmeno se si abitua a nitrire.

Salgo, anche se il collo non ha abbastanza escursione per consentirmi di vedere verso dove sto salendo, tanto è ripido il pendio ora divenuto un prato orrendamente inclinato. Le ‘La Sportiva Q lite’ che indosso mi danno un grip eccellente, ma sono i polpacci ad implorare pietà: chiedono requiem, ma non mi commuovono. Sono sordo al loro grido d’aiuto.
Ora siamo nel tratto più duro, la pendenza qui sarebbe da piolet traction, se vi fosse la neve; magari d’inverno ci si allena Tone Valeruz che abita qui sotto, penso. Il cuore ormai non si smuove dal massimo range di utilizzo. Funziona e questo per ora mi basta ed avanza. I tricipiti delle braccia sono esausti, impegnati nella strenua ed impari lotta contro la forza di gravità. L’impugnatura dei bastoni arriva quasi alle orecchie: è l’effetto dell’estrema pendenza su cui procedo. Il tifo degli spettatori si fa assordante. E’ una tempesta di emozioni che mi inebria e mi rinvigorisce. Un trip di fatica.
Il gonfiabile d’arrivo appare quasi all’improvviso. E’ quasi sopra la mia testa, dopo lo strappo finale. Tento un’ultima progressione per dignità ed approdo sulla cima. Ho espiato: gli dei della Dolomites hanno avuto soddisfazione.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.