Chiavenna – Lagunc, dura e impegnativa

Il racconto del nostro redattore in gara Matteo Tagliabue

Una di quelle gare dove non c’è un attimo di respiro. Il Kilometro Verticale ‘Chiavenna – Lagunc’ è stato anche quest’anno una ‘battaglia’. Come sempre. Per fortuna il meteo ci ha aiutato, io e gli altri 150 atleti che hanno affrontato le ripide e strette mulattiere che dai 352 metri di Chiavenna portano in località Lagunc a quota 1352, mille metri ‘giusti’ più in alto. Il percorso lo conosciamo tutti, non è un segreto la sua difficoltà: 3.298 metri di sviluppo e non molla praticamente mai dalla partenza all’arrivo; sono davvero ben pochi i punti dove si può rifiatare. E poi il caldo: anche in questa edizione ha fatto la sua parte, mettendo tutti in difficoltà.

Dopo la partenza da Loreto bisogna subito ‘far fatica’ nello stretto sentiero con i ripidi gradoni, antipasto della durezza di questo vertical. Sei da solo, visto che si parte uno alla volta, a distanza di 30 secondi: per chi, come me, preferisce le partenze in ‘mandria’ che ti danno quella scarica di adrenalina in più, altra sofferenza, soprattutto nella testa. Appena il tempo di rifiatare e ci aspettano altre scalinate tra le case di Pianazzola, per poi affrontare la parte dove ogni anno si fa la selezione. Nel bosco dopo Pianazzola, infatti, non è stato davvero facile mantenere la corsa: unica consolazione quella di poter correre all’ombra. Passaggio alla Fontanella Alpini, dove si tocca quota 1000 metri, e subito dopo c’è lo scollinamento ai prati Dalò.

Qui il grosso è ormai fatto e mancano solo gli ultimi 200 metri di dislivello con alcuni tratti meno ripidi e quindi più veloci e ‘corribili’, dove si può davvero fare la differenza. L’ultima scalinata che porta all’arrivo nello spettacolare contesto di piccole baite di Lagunc, sembra ‘infinita’, ma poter vedere lo striscione d’arrivo ha dato a tutti una carica ulteriore, anche se le forze rimaste sono poche. Il traguardo è vicino, la birretta ce la siamo meritata.
Si tratta di un vertical abbastanza duro, ma comunque molto veloce e ‘corribile’ per chi ne ha, non per niente è omologato Fidal e sul percorso è stato nuovamente abbassato il record mondiale del kilometro verticale. Sicuramente la tipologia del percorso e il fatto che il regolamento Fidal non preveda l’utilizzo dei bastoni gioca a favore di atleti più votati alla corsa in montagna piuttosto che agli skyrunner puri.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.