Anticipazioni rivista, la Bosio sposta i limiti umani

Nel parziale Champex-Bovine meglio di tutti, anche di Kilian

Come anticipazione del servizio dedicato all’UTMB che uscirà a ottobre con il nuovo numero di Ski-alper, l’analisi approfondita della gara femminile fa emergere in modo ancora più forte la prestazione dell’americana Rory Bosio. Assodato che ha vinto con quasi due ore di vantagio su una certa Nuria Picas, che ha abbassato il record di Krissy Moehl di 2h18’ e che è arrivata settima assoluta, quello che desta ancora più stupore è l’analisi dei suoi parziali di gara.

Uno su tutti, nel tratto che porta da Champex in cima alla Bovine, 10 km e 750 m D+, ha fatto registrare il miglior parziale assoluto, 1h18’10’’ contro 1h18’53’’ del vincitore Thavenard e anche meglio di 1h23’55’ di Kilian Jornet nel 2009.   

La Bosio tra venerdì e sabato ha letteralmente lanciato l’asticella dei limiti umani avanti di parecchi anni.   A ottobre tutti i dettagli.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.