Valmalenco Ultradistance Trail, ci siamo

Venerdi’ la partenza della 87 km

Tutto pronto per la prima edizione della VUT, la Valmalenco Ultradistance Trail. Tre gare, tre differenti distanze: venerdì, ad alzare il sipario su questo lungo week end sarà la prova principe da 87 km (6900 m D+), corribile anche nella formula staffetta a 3 elementi (31 km – 39 km – 17 km). Domenica, gran finale con PerCorri la Valmalenco, con partenza dal capoluogo sondriese e arrivo al village race di Caspoggio. Per quest’ultima prova le iscrizioni sono ancora aperte e verranno raccolte la mattina in zona partenza.
 
LA GARA – La prova lunga, che andrà a toccare ben 15 rifugi e prevede 4 scollinamenti oltre quota 2.600 metri, varrà ben 4 punti ITRA. Le iscrizioni sulle due prove lunghe hanno raccolto 324 adesioni (168 ultra runner e 52 staffette). Numeri importanti che lasciano soddisfatti il comitato organizzatore: «Avremmo potuto avere ai nastri di partenza molti più atleti, ma abbiamo preferito mettere un limite per garantire un ottimo servizio ai concorrenti – ha confermato l’ideatore dell’evento Fabio Cometti -. Per noi sarà un importante test anche per rodare una macchina organizzativa con esperienza in altre tipologie di gare, ma al suo esordio in un evento di questa portata. I numeri li avremo nella prova domenicale, quella per tutti. VUT, infatti vuole essere una grande festa dello sport, con eventi collaterali e momenti conviviali da non perdere».
«Avremo 150 volontari disposti sul percorso, 30 del soccorso alpino lombardo e del soccorso alpino della guardia di finanza – ha continuato il responsabile del percorso Paolo Moriondo -. I giorni della gara saranno inoltre presenti 9 medici e diversi operatori della Croce Rossa Italiana, coordinati da una sede operativa con base a Caspoggio. Non solo, a ogni singolo concorrente sarà fornito un rilevatore gps per monitorare la sua posizione in ogni momento della gara».
 
I PROTAGONISTI – Molti runner locali, concorrenti da tutto il Nord Italia e alcuni nomi di spicco quali Franco Collé, vincitore del Tor de Géants 2015, Nico Valsesia, l’uomo dei record, e gli ambassador Scott Antonio Armuzzi e Micheal Dola. Gara vera anche al femminile con Laura Besseghini e Cristiana Follador. 

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.