Tutto pronto per il Tour du Grand Paradis

Domenica l'ultima gara del calendario ski-alp

Le condizioni di innevamento al Rifugio Vittorio Emanuele II

Siamo entrati nella settimana del Tour du Grand Paradis, l’ultima gara del calendario di scialpinismo. Domenica 29 aprile sulle pendici del Gran Paradiso, l’unico ‘4000’ interamente in territorio italiano, sarà sfida sportiva tra le 110 le squadre al momento iscritte (restano dunque solo quarantina di pettorali a disposizione). Le condizioni di innevamento sul tracciato di gara sono eccezionali, le previsioni meteo per il weekend sono buone, le iscrizioni sono aperte fino alle ore 24 di venerdì 27 aprile e si possono effettuare sul sito www.tourdugrandparadis.it. Uno dei tanti motivi per iscriversi è anche il pacco gara: un premio di partecipazione consistente nello zaino Venturi by Frendo non ancora in commercio, una lattina di Les Bieres du Grand St Bernard, un buff dell’Admo (Associazione Donatori Midollo Osseo), oltre al pranzo finale.
Consultando l’elenco degli iscritti, balza agli occhi che saranno numerosi gli scialpinisti francesi in gara. Questo anche perché il Tour du Grand Paradis – Trofeo Renato Chabod è gemellato con la gara francese Vertical Transvanoise, gara biennale disputata nell’aprile 2017. Le due gare danno vita al Trophee des Bouquetins, nello spirito di consolidare i vincoli di amicizia tra i comuni di Pralognan-la-Vanoise e Valsavarenche e tra i parchi Parc National de la Vanoise e Parco Nazionale Gran Paradiso, che hanno entrambi l’obbiettivo di tutelare e salvaguardare il territorio e la sua natura e come animale simbolo lo stambecco.

Lo zaino Venturi by Frendo pacco gara del Tour du Grand Paradis