Trangrancanaria, al via la stagione dei big

In gara anche Francesca Canepa che cerca il bis

Il primo marzo si disputerà sull’isola Gran Canaria la settima edizione della Trangrancanaria, gara di 126 km, 8.500 metri di dislivello positivo e quota massima a 1.900 metri, con partenza da Agaete e arrivo a Meloneras, da nord a sud dell’isola. Quest’anno la gara spagnola fa anche parte del circuito Ultra-Trail World Tour promosso dalla ITRA (International Trail Running Association). 

LA SFIDA MASCHILE – Quella della Transgrancanaria si preannuncia essere la prima vera sfida di respiro internazionale della stagione. Saranno presenti al via, infatti, molti dei protagonisti assoluti delle ultra distanze. A partire dal francese Sebastien Chaigneau, vincitore lo scorso anno con il tempo finale di 14h05’53’’. Tra i molti altri big presenti, anche gli spagnoli Miguel HerasJavier Domínguez e Arnau Juliá Bonmatí, rispettivamente secondo e terzo all’UTMB 2013 e primo alla TDS, gli americani Timothy Olson, Mike Wolfe, Jorge Maravilla e Dylan Bowman, e poi ancora i francesi Julien Chorier, Antoine Guillon, Pascal Blanc, Cristophe Le Saux, l’inglese Jez Bragg e il sudafricano Ryan Sandes. Tra gli italiani presenti, anche Fulvio Dapit e Filippo Canetta.

LA SFIDA FEMMINILE – Importanti anche le presenze femminili con l’italiana Francesca Canepa, già vincitrice a Hong Kong, che cercerà di ripetersi nella seconda tappa dell’Ultra-Trail World Tour. Sarano presenti anche la francese Nathalie Mauclair, detentrice del titolo mondiale IAU e vincitrice della Diagonale des Fous 2013, la connazionale Caroline Chaverot, vincitrice lo scorso anno della 80 km di Chamonix e della CCC, le spagnole Nuria Picas e Nerea Martinez, vincitrice lo scorso anno in 17h16’23’’ e la brasiliana Fernanda Maciel, vincitrice nel 2012 in 15h02’29’’.

LA 82 KM – Interessante anche la sfida sul percorso più corto, quello di 82 km, con il tedesco Philip Reiter, già secondo lo scorso anno sulla stessa distanza dietro il sudafricano Ryan Sundes, che dovrà vedersela con il marocchino Zaid Ait Malek al suo esordio sulla distanza. 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.