Tor, domenica si parte

Chi puo’ vincere la gara valdostana?

Ci siamo. Conto alla rovescia per il Tor des Geants, che partirà dal centro di Courmayeur domenica 13 settembre.
Chi può vincere la gara sui 330 chilometri che circumnavigano la Valle d’Aosta? Sono solo 700 gli ammessi alla partenza, per sorteggio. Arrivano da 54 paesi: la formazione più folta è quella italiana, naturalmente, seguita da quella francese, ma non mancano atleti da Cina, Hong Kong, Singapore, Malesia e Giappone. E ci sono poi rappresentanze singole come quella dei Territori Palestinesi: portacolori sarà Stephanie Case, runner d’origine canadese, professionalmente impegnata per le organizzazioni umanitarie e per questo residente nella Striscia di Gaza, e spesso sul podio di importanti gare internazionali.
Difficile fare pronostici su una gara così lunga e insidiosa. Franco Collé, vincitore nel 2014, ci sarà, ma quest’anno si è dedicato soprattutto al circuito ultra delle World Series. E allora occhi puntati su chi sul podio del Tor ci è salito, come Oscar Perez, Christophe Le Saux e Pablo Criado Toca. Gli outsider sono dietro l’angolo: un nome? Il giapponese potrebbe essere Ono Masahiro.
Nella gara rosa ci sono la veneta Lisa Borzani e dalla svizzera Denise Zimmermann, rispettivamente seconda e terza nella passata edizione. Ma la pattuglia azzurra può contare anche su Cecilia Mora, Giuliana Arrigoni, Maria Chiara Parigi, Marcella dell’Utri e Luisa Balsamo. 
 
 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.