Terminillo, storia di un’evasione possibile

Con i mezzi pubblici dal cuore di Roma al Monte Elefante. Con il piacere di cambiare sentiero all’ultimo minuto. E di perdersi a Micigliano, 130 abitanti. Ne parliamo su Skialper di agosto-settembre

825
©Luca Parisse/Risk4Sport

15 luglio 2017, Roma, quattro amici in un bar bollente; l’aria è irrespirabile, fa un caldo che si muore, l’unico panorama il viale trafficato di fronte alla stazione. Il piano: Roma Tiburtina ore cinque e cinquantacinque, autobus Roma-Rieti. Se tutto procede, dovremmo arrivare alle sette e trenta alla stazione Morrone di Rieti. Ore sette e cinquantacinque, autobus Rieti- Pian de’ Valli (piccolo paese alla base del Terminillo, posto a circa 1.600 metri di quota). Da li è fatta, arriveremo sul Terminillo e al Monte Elefante, la nostra vetta di libertà! Nasce da questo idea il servizio che pubblichiamo sul numero di agosto-settembre di Skialper, un’idea per una veloce fuga a due passi da Roma. Naturalmente a piedi…

©Luca Parisse/Risk4Sport

NEI BOSCHI DEI CARBONAI – L’itinerario proposto, che tocca il Monte Elefante, si snoda in parte nella foresta un tempo tagliata dai carbonai, uomini che dai villaggi partivano per le foreste rimanendovi anche mesi per produrre quello che è stato per centinaia di anni l’oro nero dell’Appennino, che forniva calore ed energia alle città: il carbone di legna. L’escursione è anche una scusa per scoprire Micigliano, un grazioso piccolo comune di circa 130 abitanti a quota 925 metri.

©Luca Parisse/Risk4Sport

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.