Tadei vs Kilian, azzardo o realta'?

Grande interesse per la sfida di domenica a Canazei

Sul sito skialper.it, il sondaggio sul pronostico tra lo spagnolo Kilian Jornet e l’italiano Tadei Pivk alla Dolomites Skyrace di domenica prossima, valida come Campionato Europeo di disciplina, sta suscitando molto interesse da parte dei lettori. 

Cerchiamo di analizzare la questione oltre le pur piacevoli logiche campanilistiche. Si parte da una certezza, ovvero che si tratta di una possibile sfida tra due atleti di grandissimo valore assoluto. Da una parte Kilian Jornet, nato il 27 ottobre 1987 e domiciliato a Les Houches, a pochi chilometri da Chamonix e dall’altra Tadei Pivk, nato il 20 luglio 1981 e residente a Camporosso Valcanale, in Friuli-Venezia Giulia. Ovviamente, oltre a loro due, moltissimi altri atleti tra i possibili protagonisti della gara.

IL PRECEDENTE – I lettori più attenti ricorderanno sicuramente che la sfida di domenica prossima non è un inedito. Nell’ormai lontano 2008, infatti, i due si sono già confrontati sullo stesso percorso in occasione degli Sky Games. Vinse Kilian in 2h06’06’’, ma Tadei ci andò molto vicino arrvando terzo a soli 58’’ dal vincitore e a 15’’ da Tofol Castanyer, secondo classificato.

ZEGAMA – A fine maggio abbiamo avuto il piacere di ammirare Kilian e Tadei nella prestigiosa Zegama-Aizkorri in Spagna. Sui 42 km della prova, vinse Kilian in 3h54’28’’ e Tadei arrivò terzo con un distacco di 4’29’’. In cima all’Aizkorri, a circa metà gara e quindi su una distanza simile a quella di domenica, accusò un distacco di 2’07’’, a Urbia, quasi alla conclusione della prova, addirittura di 1’18’’. Poi quei 3’ persi nel finale di gara, complice anche il forcing di Kilian su Luis Hernando. Fu proprio da questa piacevole conferma in ambito internazionale che abbiamo incominciato a guardare Tadei non solo più come a uno dei massimi interpreti della disciplina a livello nazionale ma addirittura a livello mondiale. 

TADEI – Oltre alla già citata Zegama-Aizkorri, Tadei arriva all’appuntamento di domenica con dei risultati stagionali a dir poco entusiasmanti. L’ultimo, la performance stellare al Sentiero 4 luglio, primo classificato con record migliorato di oltre 11’ e un vantaggio di 13’42’’ su Matteo Piller Hoffer, secondo classificato. Tra le altre vittorie, anche il titolo italiano Fidal di lunghe distanze alla 4 Passi in Casa Nostra, la International SkyRace Carnia, anche in quest’occasione con il nuovo record del percorso e la Stava Skyrace. Già detentore lo scorso anno del titolo di Campione Italiano Skyrunning, anche quest’anno, salvo sorprese, dovrebbe riconfermarsi. 

KILIAN – Anche lui arriva a Canazei con una serie di risultati che lasciano quasi senza parole. Da maggio, nell’ordine, ha vinto, Transvulcania con record, Zegama, Marathon du Mont-Blanc con record, Kilian’s Classik e Ice Trail Tarentaise sempre con record. L’unica volta che non ha tagliato il traguardo per primo è stato nel Vertical di Chamonix dove i 19’’ di distacco dal colombiano Saul Padua gli valsero il secondo posto. A margine di tutto questo, ha portato a termine un’altra tappa del suo progetto Summits of my life stabilendo il nuovo record da Chamonix alla vetta del Monte Bianco e ritorno, il tutto in 4h57’’.

CONFRONTO POSSIBILE? – Difficile dire se in condizioni ottimali, sia fisiche che mentali, Tadei sia in grado di battere Kilian. Fino a questo momento i semplici numeri sembrano non contemplare questa ipotesi. Domenica oltretutto si corre su un percorso e in un luogo che lo spagnolo apprezza molto. Lo scorso anno vinse con un tempo incredibile di 2h01’52’’ e non concesse nessuna possibilità agli avversari; Ionut Zinca, secondo classificato, accusò infatti un ritardo di 4’39’’. Gli stessi semplici numeri rappresentano però il passato e domenica potrebbe invece essere scritta una nuova pagina di questo sport. Lo splendido esordio internazionale a Zegama e i grandissimi risultati a livello nazionale, sono la base che portano legittimamente a ipotizzare che quest’anno Tadei abbia fatto un ulteriore salto di qualità. Viste le premesse, arriva a Canazei con una condizione mentale a dir poco ottimale. Sicuramente la convinzione nei propri mezzi ricoprirà un ruolo importante, forse fondamentale. Da un’altra angolazione, invece, diverso è il discorso se fosse lo stesso Kilian a non essere in condizione di correre al suo massimo potenziale. Un’ipotesi da scongiurare ma ipotizzabile dopo la doppia sfida Monte Bianco e Ice trail della scorsa settimana. Di fronte a qualsiasi altro atleta saremmo qui a parlare di un semplice azzardo insensato a una settimana di distanza da un Campionato Europeo o, meglio ancora, non ne parleremmo proprio. Di Kilian, invece, molto probabilmente nessuno ha ancora capito quali siano i suoi limiti e, a giudicare da cosa sta facendo, forse non l’ha ancora capito neanche lui.   

Di sicuro domenica, sulla salita che porta ai 3.152 m del Piz Boè, la parola d’ordine sarà crederci fino in fondo e sulla successiva discesa che riporta a Canazei la parola d’ordina sarà crederci ancora di più. Poi conteranno anche le gambe e il fiato.   

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.