Stagione da incorniciare per la Nazionale azzurra

L’analisi del dt Stefano Bendetti

L’Italia ancora una volta sul gradino più alto del mondo della Coppa del Mondo overall ISMF: dopo le due coppe di Damiano Lenzi, quest’anno è la volta di Michele Boscacci. Una lotta in famiglia con Robert Antonioli. «Abbiamo dimostrato che la squadra c’é – spiega il dt azzurro Stefano Bendetti – con tanti atleti completi in grado di essere competiti su tutti i fronti. Miky ha saputo gestire al meglio la condizione in tutta la stagione: la sua capacità di fare punti in tutte le specialità e la costanza di rendimento sono stati il mix vincente. Dispiace un po’ per Robert che non è riuscito ad essere presente ad Arvier per giocarsi le sue chance: ha vinto la coppa nella sprint, ma per il secondo anno di fila si ritrova secondo nella generale. Ma siamo convinti che lui e Lence saranno i punti di forza per riprovare a vincere la Coppa del Mondo». Adesso c’è ancora la Patrouille des Glaciers. «Normale che sarebbe bello finire con un altro successo – chiude Bendetti – Eydallin è una garanzia in questo tipo di gare e al Rutor lo ha ancora una volta dimostrato, poi c’è Boscacci, vedremo nel prossimi giorni lo stato di forma degli altri azzurri per definire il terzo elemento della squadra».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.