Ski-alper 90, il Dega che ti aspetti

Riflessioni durante la lettura

Sono giorni difficili per i cercatori di news come me. Lo sono perché è troppo recente l’uscita del nuovo numero di Ski-alper e, dopo la prima lettura veloce, sono necessari altri giorni per assaporarne con tranquillità i contenuti cercando di interpretare al meglio quanto gli autori hanno voluto trasmettere con i loro scritti. Un solo numero da cui si potrebbero trovare gli spunti per le news di un mese intero. Si perché, come ho già avuto modo di dire a chi mi ha chiesto in merito, per me questo numero della rivista è il più ricco e completo contenitore di informazioni sulla corsa outdoor che io abbia mai sfogliato fino a oggi.

C’è un articolo su tutti che ho letto più volte e che rileggerò volentieri in futuro. È quello scritto e interpretato da Marco De Gasperi, uno che scrive bene, e non solo da un punto di vista sintattico. Ho colto la sua capacità di trasmettere le emozioni in modo diretto e istintivo, senza inutili giri di parole, così come altrettanto istintivamente sa trasmettere emozioni quando corre, sempre senza inutili giri di parole.  

In ‘Rosa e Bianco dove tutto iniziò’ ho colto la passione, l’entusiasmo e il precoce talento di quel ragazzino sedicenne che si presenta alla partenza della sua prova con il lasciapassare firmato dal papà. Il racconto di Marco è un sogno cercato che dopo un anno esatto si traforma in realtà. Lo leggo sulla rivista in nero su sfondo grigio e con gli stessi colori ne visualizzo le immagini. Una vecchia fotografia, di quelle vere e quindi stampate, leggermente sbiadita e consumata al tatto. Un ambiente dai colori desaturati, un’avventura che oscura la sola gara e un’esperianza del proprio io. 

In quel suo “questo è matto” , la perfezione di sintesi nel descrivere in poco più di due righe la personalità di un Marino Giacometti appollaiato a 4.200 metri di quota. Nell’aver smarrito lungo il percorso i rifornimeti e in quel thè caldo sorseggiato per dieci minuti, la felicità di aver letto un racconto di vita così bello scritto da uno dei pionieri della nostra disciplina. 

Grazie Marco.  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.