Sabato la sfida del Garda Trentino Trail

Quarta edizione della gara dei tre laghi

© Graziano Galvagni

Sarà una giornata da veri eroi quella di sabato, con un percorso ricavato nella neve che ancora fa bella mostra in quota e letteralmente districato tra gli schianti provocati dalla tempesta Vaia dell’ottobre scorso: ma il Garda Trentino Trail si è rivelato ancora una volta più forte delle avversità e sabato 18 maggio si appresta a vivere la quarta edizione, ancora una volta nel solco della crescita con i suoi mille iscritti. La gara dei tre laghi – Garda, Tenno e Ledro come è conosciuta nel gergo degli appassionati, è stata presentata stamane al Caffè Trentino di Arco, a poche decine di metri dalla partenza del tracciato di 60 chilometri e 3500 metri di dislivello protagonista sabato, alla presenza del presidente di Garda Trentino Marco Benedetti, degli assessori allo sport del Comune di Arco – Maria Luisa Tavernini – e Riva del Garda – Mario Caproni, del direttore del Consorzio Turistico Valle di Ledro Stefano Cronst e del presidente della Cassa Rurale Alto Garda Enzo Zampiccoli, accolti dal presidente del Comitato Organizzatore Matteo Paternostro.
Tra gli iscritti non mancano i volti noti a cominciare dalla veneta Federica Boifava che nel 2016 ha avuto l’onore di battezzare – con tanto di successo – la prima edizione del Garda Trentino Trail. Confermata anche la presenza del forte runner trentino Christian Modena, del gardenese Christian Insam – sul podio l’anno scorso – e di tanti altri protagonisti del panorama nazionale ed internazionale compreso il recente primatista mondiale di dislivello nelle 24h Manuel Degasperi.
Il presidente Matteo Paternostro non nasconde come “Nelle ultime settimane siamo dovuti intervenire tre volte per spalare la neve caduta nella parte più alta del tracciato, tra il Rifugio Nino Pernici e Bocca Saval, sulle Alpi di Ledro, oltre i 1600 metri di quota. Oggi possiamo dire che quel tratto è in perfetta sicurezza, pur persistendo ancora della neve. Necessità di sicurezza che ci ha invece suggerito di rinunciare all’altro tratto del Sentiero della Pace e di conseguenza da Bocca Saval, invece di proseguire verso Bocca Dromaè si scenderà verso la Valle di Ledro percorrendo in senso inverso la salita della Ledro SkyRace. Il resto del tracciato è confermato, con un’unica variazione legata alla possibilità di pioggia nella giornata di sabato: l’arrivo non sarà in Piazza III Novembre a Riva del Garda ma all’altezza del PalaMeeting di RivaFiera in modo da garantire al termine della gara un posto al coperto a tutti i partecipanti. Nel giro di quattro edizioni siamo cresciuti notevolmente e non possiamo che ringraziare tutti i rappresentanti dei Comuni interessati che hanno sempre garantito il loro appoggio: Arco, Tenno, Ledro e Riva del Garda in ordine di percorrenza, la Comunità di Valle, l’Apt Garda Trentino, Trentino Marketing e la Provincia Autonoma di Trento oltre a tutti gli sponsor privati a cui quest’anno si sono aggiunti Hoka One One e WildTee”.
E saranno 1000 gli iscritti sulle tre distanze previste dal Garda Trentino Trail 2019 che nel rispetto del principio di alternanza del verso di percorrenza si presenta nella versione con partenza da Arco ed arrivo a Riva del Garda. Come detto la prova maggiore, il Garda Trentino Trail, propone 60km di sviluppo con 3500 metri di dislivello: tre le (lunghe) salite principali, con il Monte Calino in apertura, seguito dall’ascesa a Bocca Saval passando per il Rifugio Nino Pernici per scollinare in Valle di Ledro e lasciarla dopo aver scalato la cresta di Nara che ripoterà il gruppo verso l’Alto Garda Trentino: il tratto finale sarà tutto da gustare, lungo il sentiero del Ponale, uno dei tratti più spettacolari d’Europa.
Medesimo finale per le due prove di minor chilometraggio: da Tenno prenderà il via la Tenno Trail Marathon, 42km per 2400 metri di dislivello, mentre la Ledro Trail Experience vivrà lo start a Bezzecca con un menù fatto di 30km e 1200 metri di salita.
«Crescono i numeri e con loro anche le presenze straniere – è stato il commento del vicepresidente del CO Diego Tamburini – in questo 2019 ci assestiamo sul 25% di iscritti stranieri, in rappresentanza di una trentina di nazioni. Merito anche dell’impegno promozionale da parte nostra, che oltre a presidiare i canali social e web, ci ha visti protagonisti di persona in appuntamenti clou come la ZugSpitze Marathon, la 100 miglia d’Istria, la Venice Marathon, la Firenze Marathon e tante altre».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.