6,00 

Il numero di dicembre/gennaio della rivista bimestrale Skialper.
Argomenti principali: scialpinismo, freeride, trail running, outdoor, trekking, backpacking.
Focus: gli artigiani dello sci, ovvero costruirsi lo sci in casa!


COD skialper109 Categorie , Tag ,

Descrizione

Il numero 109 di Skialper (6 euro, 176 pagine) di dicembre-gennaio ha in copertina – e non poteva essere altrimenti – la neve, la polvere che ha già imbiancato tante cime. Uno scatto del fotografo svedese Mattias Fredriksson, con uno sciatore che disegna curve nel bosco tra gli sbuffi. Un numero tutto da leggere, con tante proposte di inizio stagione.

MI FACCIO LO SCI – Facile a dirsi, ma non sempre semplice nella pratica. Eppure sono in tanti a costruirsi gli sci in garage. E vengono pure bene… Siamo stati ’on the road’ tra Veneto, Trentino, Alto-Adige, Austria e Piemonte per raccontarvi le storie di sette appassionati che ce l’hanno fatta. E poi abbiamo varcato la soglia di una vecchia macelleria di Innsbruck dove ogni anno 200 persone imparano a costruire con le proprie mani lo sci  dei loro sogni. E… non contenti, gli sci home made li abbiamo anche messi sulla neve. Un dossier da leggere tutto d’un fiato e da conservare.

SORPRESE D’INIZIO STAGIONE – Prime pellate, ma dove? Per esempio nel settore sopra il Col San Carlo, con vista Monte Bianco, in Valle d’Aosta, dove ci conduce Denis Trento. Un ‘parco giochi’ molto panoramico con discese e salite per tutti i gusti, perfetto alle prime nevicate. E non è neanche troppo conosciuto…

FANTASTICO CARESER – 13 cime da concatenare, accanto al ghiacciaio del Careser, nelle in Alta Val di Peio, con un tour scialpinistico di estrema eleganza e di grande respiro consigliato da Omar Oprandi. Magari è meglio farlo in primavera, con la neve trasformata e senza dovere battere traccia nella powder, altrimenti diventa lunga… però è meglio programmarlo già da ora, in versione turistica o fast & light. E anche per le due opzioni vi proponiamo i consigli di Omar sull’attrezzatura da portare.

INTO THE WOOD – 
 I bollettini per sono chiari: non sarà una spruzzata, si parla di punte di più di 50 ghelli. Quota neve sui 900-1.000 metri. Vento sul finire dell’episodio. Antenne dritte di rigore, non si può scherzare cercando pendii aperti e troppo esposti all’azione di eolo. La risposta è semplice: domani si va per boschi! E noi vi consigliamo sei itinerari sulle Alpi Occidentali.

BIRRA E SAI COSA BEVI – Era lo slogan di una famosa pubblicità di qualche tempo fa. Ma anche skialper e runner sanno cosa bevono, perché la birretta è una delle bevande più amate per il dopo gita (o dopo gara). Allora noi che testiamo tutto, abbiamo pensato di provare anche le migliore etichette alpine. Facendo coordinare i nostri testatori da Luca Giaccone (no, non è il ‘nostro’ Luca, ma un omonimo), uno dei massimi esperti italiani in materia. E abbiamo provato anche la birra fatta in casa da Pippo Barazzuol…

115 E NON SENTIRLI – Sì, 115 millimetri di larghezza al centro dello sci. Uno scialpinismo che strizza l’occhio al freeride. Bello, ma da praticare con qualche accorgimento. A partire dall’utilizzo delle pelli. Per novelli Bruno Compagnet, ecco i consigli della redazione tecnica di Skialper e di Danilo Noro di XL Mountain. Un pratico abc per salire e scendere in sicurezza con due bestie sotto i piedi.

KING PTOR – Ptor Spricenieks rappresenta tutto ciò che si può definire avventura estrema. In 30 anni ha girato il globo con i suoi sci, collezionando un sacco di discese nuove in posti remoti e sperduti. Quasi sempre da solo, quasi sempre in autosufficienza. Vive a La Grave, utilizza degli strani sci che sembrano una via mezzo tra lo snowboard e il surf da onda e ha sciato per primo la nord del Mount Robson (3.954 m) in British Columbia: mille metri con pendenze fino a 57 gradi e una cattiva reputazione. Abbiamo intervistato il protagonista del film Dream Line. Decisamente un anticonformista delle nevi.

PICCOLE GRANDI MONTAGNE – Una neve imprevedibile, che può presentarsi in tutte le sue consistenze anche durante un’unica giornata. Un vento che può superare i 200 chilometri all’ora e modellare creste e pendii con forza ed eleganza. Un panorama sconfinato che, nelle giornate più limpide, abbraccia a sud la superficie luccicante del Mar Ligure da dove emergono le sagome della Corsica e delle isole dell’Arcipelago Toscano e a nord, oltre la Pianura Padana, la quasi totalità del lontano arco alpino dal Monte Rosa alle Prealpi Venete. Le piccole cime del crinale che divide Emilia e Toscana formano un confine e un diaframma geografico, culturale e climatico tra Europa e Mediterraneo. E propongono salite e discese corte ma ripide, da provare con piccozza e sci.

TAVIELA: RIPIDO PER TUTTI I GUSTI – Si parte da quota 3.600, ma si può arrivare a 3.000 con la funivia. Stiamo parlando di Punta Taviela, sopra Peio, in Trentino. Una piramide che apre le porte su diversi canali che si tuffano ripidi verso valle. È la nostra proposta splitboard del mese, ma naturalmente anche gli sci sono benvenuti…

PHILIPPE TRAYNARD – Le sue guide agli itinerari scialpinistici e ai grandi raid sono un must tra gli appassionati. Ma anche la vita di questo ingegnere francese, morto a 93 anni quasi con gli sci ai piedi, è un racconto entusiasmante. Giorgio Daidola ci guida alla scoperta di uno dei padri dello skialp.

MAI PIÙ SENZA AIRBAG – Sono l’accessorio del momento e le novità non sono poche, con l’introduzione sul mercato del secondo sistema a ventola dopo quello di Black Diamond, firmato Arc’teryx. Vi proponiamo una panoramica sui principali highlight nel mondo degli airbag.

SOTTO – Spesso si dà più importanza a quello che appare, ma l’underwear tecnico è fondamentale per la riuscita di un’escursione. Vi presentiamo le principali novità in un servizio fotografico per il quale si sono prestate anche due modelle d’eccezione, le campioncine dello sci club Bogn da Nia Giorgia Felicetti e Melanie Ploner.

NEW BALANCE FRESH FOAM HIERRO – La versione 2 della famosa scarpa da trail è profondamente diversa dalla prima. Siamo tra le prime riviste al mondo ad avere avuto tra le mani un esemplare del modello che sarà in vendita a gennaio e ve la presentiamo accuratamente, in attesa di testarla.

LOG IN – Tante storie, gli appuntamenti da non perdere, il rifugio del mese, i libri da mettere sulla mensola, il viaggio, le gite di stagione, la vetrina con le idee per i regali di Natale. La sezione iniziale della rivista è stata completamente rivisitata!

BIZZARO E ‘ROUGE’ – Ritorna l’opinione ‘Pensieri Bizzarri’, curata da Leonardo Bizzaro ed entra un nuovo opinionista, Roberto ‘rouge’ Rossi.

TLT7 CARBONIO & MYTHIC VERTICAL 87 – Due degli attrezzi più attesi, lo scarpone TLT7 Carbonio di Dynafit e lo sci Mythic Vertical 87 di Dynastar al banco e in prova sulla neve.

UP & DOWN – Un’ampia intervista a Nadir Maguet, tutti gli atleti più promettenti delle categorie giovanili, visti in azione all’Adamello Ski Raid Junior, le novità dalle gare FISI e dai circuiti locali, ma anche le ultime dal mondo dello skyrunning e del trail: interviste, notizie, anticipazioni nella sezione dedicata al mondo delle gare.

 

Informazioni aggiuntive
Peso 0.7 kg
Mese

dicembre 2016 – gennaio 2017

Anno di pubblicazione

2016

Numero di pagine

192

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “SKIALPER n.109”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla newsletter


Mulatero Editore utilizzerà le informazioni fornite in questo modulo per inviare newsletter, fornire aggiornamenti ed iniziative di marketing.
Per informazioni sulla nostra Policy puoi consultare questo link: (Privacy Policy)

Puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Abbonati a Skialper

6 numeri direttamente a casa tua
35 €per 6 numeri

La nostra sede

MULATERO EDITORE
via Giovanni Flecchia, 58
10010 – Piverone (TO) – Italy
tel ‭0125 72615‬
info@mulatero.it – www.mulatero.it
P.iva e C.F. 08903180019

SKIALPER
è una rivista cartacea a diffusione nazionale.

Numero Registro Stampa 51 (già autorizzazione del tribunale di Torino n. 4855 del 05/12/1995).
La Mulatero Editore è iscritta nel Registro degli Operatori di Comunicazione con il numero 21697

Privacy Preference Center

X