Mastrota e Compagnoni, non solo ski-alp

Conosciamo meglio le vincitrici del rally di Bormio

A quasi una settimana dalla prima gara stagionale, il rally del Raduno giovani di Bormio, conosciamo meglio i vincitori, iniziando dalle vincitrici ‘rosa’. Miglior punteggio tra le donne per Natalia Mastrota e Giulia Compagnoni dello sci club Alta Valtellina, rispettivamente al primo anno junior e all’ultimo cadette.

NATALIA – «Abito a Milano, studio al quarto anno del liceo linguistico e faccio avanti indietro con Bormio tutte le settimane, ma da metà novembre passerò due giorni a Milano e il resto della settimana qui per allenarmi! Altri sport di endurance non ne ho mai praticati: facevo già scialpinismo ma non in ottica sportiva. A me è sempre piaciuto andare in giro ‘fuori’. Invece gareggio nell’equitazione, salto ostacoli e roping… vado a cavallo fin da quando avevo sei anni e ho gareggiato a livello assoluto anche in campo internazionale. In estate passo tutto agosto negli USA proprio per via dell’equitazione».  Come fai convivere queste due passioni così diverse? «Ultimamente ho dedicato l’inverno allo sci e l’estate ai cavalli, ma ora sto facendo prevalere lo scialpinismo. Oltre le gare vado anche in montagna, mi piace moltissimo, ci metto anche un po’ di alpinismo… e soprattutto non mi piace stare a Milano. Non sopporto la città!».

GIUILIA –  «Abito a Madonna dei Monti, sopra Bormio, e studio in terza liceo scientifico. In estate gareggio nella corsa in montagna. Lo sci? Sulla neve non avevo mai fatto discesa. Sci di fondo sì, per sette anni, ma non ho mai gareggiato. I tecnici mi invitano a far prevalere la stagione con gli sci… ma a me la corsa in montagna piace molto!». Montagna? «Fino al limite dell’alpinismo. Mi piace tantissimo stare in giro in alto, sulle creste, giri lunghi con i bastoncini».  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.