Kilian vince la Diagonale des Fous

Il catalano ci racconta la sua corsa all'Ile de Reunion

Son già passati due giorni da quando sono tornato dal Gran Raid della Reunion, una corsa di 163 km e 10000 m di dislivello nell’isola della Reunion. E’ stata una corsa spettacolare, molto dura a livello psicologico ma anche tecnico, con sentieri e sterrati diversi fra loro, vulcani, foreste tropicali, monti, coste… Abbiamo anche avuto l’opportunità di seguire in diretta durante la prima notte di corsa l’eruzione del vulcano Piton della Fournaisse  e correre attraverso luoghi come il circo di Mafate, patrimonio dell’Unesco.
Per quanto riguarda la competizione, sono molto soddisfatto della corsa, sono partito tranquillo e grazie a una buona alimentazione e idratazione, ho rimontato la classifica fino a Saint Denis dove un certo vantaggio mi ha permesso di meglio gustarmi la vittoria davanti a Antoine Guillon e Thierry Techer.
Ma a vincere è stato soprattutto l’ambiente, lo spettacolare arrivo a Saint Denis e la moltitudine di spettatori che ti incitano.
Ho passato qui una settimana molto intensa e piena di emozioni che vale la pena di rivivere.
Grazie a tutti per il vostro aiuto, anche se si tratta di sport individuale è stata comunque la forza e il sostegno della squadra a permettermi di vincere.
Un grande ringraziamento a Laurent Allart che mi ha accolto in casa sua occupandosi della stampa, dei rifornimenti in corsa.
E adesso gli sci…

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.