ISMF-LGC, la parola ai protagonisti: Marco Camandona

Cerchiamo di capire cosa è successo

125
©Stefano Jeantet

Dopo la comunicazione ufficiale della ISMF sul divorzio con LGC, abbiamo deciso di sentire alcuni protagonisti della querelle per capire che strada prenderà lo ski-alp agonistico, soprattutto quello di alto livello. Siamo partiti da Marco Camandona, anima di Tour du Rutor e nel direttivo LGC.
«Dopo la PdG scadeva il nostro accordo con ISMF, un accordo che verteva su lotta al doping, ranking unico e calendari. Quando abbiamo saputo della contemporaneità tra Mondiali e Pierra Menta, tra l’altro conosciuta prima di una comunicazione ufficiale della ISMF, abbiamo deciso che non c’erano più i presupposti per continuare la collaborazione. Ci dispiace, ma non potevano fare altrimenti: la Pierra fa parte della LCG, la LGC è un gruppo compatto e la decisione è stata sottoscritta da tutti».
Ma come sarà il futuro della LGC?
«Sgombriamo subito il campo: la LGC non diventerà una nuova federazione, andiamo avanti con il nostro progetto che vuole lo scialpinismo in alta montagna, mantenendo l’essenza e la spettacolarità di questo sport. Chi partecipa alle nostre gare vive emozioni uniche. Resta il problema degli atleti élite che in fondo sono gli stessi e per forza maggiore dovranno fare delle scelte. Scelte che dovranno fare anche gli sponsor, voi stessi media. L’obiettivo resta sempre quello di avere un confronto tra tutti gli atleti top».
Progetti concreti?
«Ci stiamo lavorando da tempo, da quando abbiamo capito che non ci sarebbe stata la volontà di continuare questa collaborazione. Al momento non svelo nulla, tra qualche settimana ne saprete di più. Sarà di sicuro favorevole agli atleti».
Questo è l’anno dell’Adamello e del Mezzalama, la presenza italiana nella LGC è forte, i vertici della ISMF sono italiani, eppure…
«Non credo che sia una questione di nazionalità, ma di visioni e mentalità differenti. Anche per l’Adamello le date sono in pratica le stesse delle finali di Coppa del Mondo a Madonna di Campiglio. Resta il fatto che in Italia ci sono tre gare LGC che sono sempre molto partecipate. Da noi non serve la tessera FISI, abbiamo una nostra copertura assicurativa. Forse la FISI su questo potrebbe intervenire, visto che alla fine perde un bel numero di possibili tesserati».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.