Grandi sfide al Trofeo Nasego

©Ufficio stampa Trofeo Nasego / Alexis Courthoud, Marco Gulberti, Damiano Benedetto

Una classica della corsa in montagna, il Trofeo Nasego, che nel fine settimana accende Casto con l’assegnazione dei titoli italiani Vertical e Lunghe Distanze. Ma ‘La Nasego’ non sarà solo italiana, da tempo si lavora da tempo per proporre un vero evento internazionale.

VERTICAL – Fin troppo facile partire da qui, dalla vera notizia di questa edizione: Andrea Mayr sarà al Nasego per la gara Vertical. La detentrice del primato del mondo sul kv, stabilito sempre in italia alla Chiavenna-Lagunc, sarà la donna da battere. Per lei si tratterebbe di chiudere un cerchio e dopo Chiavenna e Malonno apporre il sigillo anche sulla croce di Savallo, il simbolo del Vertical Nasego. Ma non sarà sola, perché in gara per il titolo italiano ci saranno Valentina Belotti, la super scalatrice Camilla Magliano e la scudettata tricolore uscente Elisa Sortini. Poi tante atlete di livello e specialiste, da Samantha Galassi a Roberta Ciappini, dalla scozzese Louise Mercer alla rwandese Primitive Nyriora, e poi ancora Katarzyna Kuzminska, Anna Laura Mugno per una gara che ancora una volta non tradirà le attese.
Nel vertical uomini, fari puntatissimi sul detentore delle ultime due corone, Patrick Facchini. Tra gli sfidanti, attenzione allo scozzese Andy Douglas ed al giovane francese Sylvain Cachard. Ma sarà a livello italiano che arriverà l’attacco più deciso con Hannes Perkmann che ha davvero tanta voglia di continuare il suo grande avvio di stagione e con Henri Aymonod pronto a dimostrare di essere definitivamente maturato e pronto a recitare in un ruolo da protagonista. Outsiders di livello top? Il capitano dell’US Malonno Emanuele Manzi o Fabio Bazzana, poi Fabio Ruga ed il giovane Andrea Rostan.

TROFEO NASEGO – Nella gara regina si incrociano medaglie iridate ed europee. Siamo rimasti col salto e lo schiaffo al tabellone di Alessandro Rambaldini, era un anno fa e da quel momento ‘Rambo’ non avrebbe più sbagliato: vittoria nella classica di casa, titolo italiano al Bronzone Trail e poi il suo secondo mondiale nella magia di Karpacz. Rambo ha sfatato il tabù della Nasego, realizzando un sogno ed ora parte con il pettorale numero uno e facendo paura a tutti. Il livello si impenna decisamente però, i gemelli Bernard e Martin Dematteis hanno non uno, ma parecchi conti in sospeso con la Nasego, che con loro è sempre stata avara di soddisfazioni. Ci saranno poi Aymonod e Luca Cagnati. Storia tutta diversa per un altro orange delle Valli Bergamasche, Xavier Chevrier: a lui è dedicata la serata di sabato presso la tensostruttura di Famea, poi si getterà in gara. Tra i favoriti anche Francesco Puppi, ma soprattutto il keniano Robert Penin Surum. Le superstars internazionali non finiscono qui: Andy Douglas e Sylvain Cachard doppiano e saranno in gara anche la domenica, dove per la verità ambiscono ambedue alla vittoria senza se e senza ma, insieme a loro la Gran Bretagna e la Francia presentano altri due top runner: Chris Arthur e l’eterno ‘le capitain’ Julien Rancon. Tra gli outsiders di lusso pronti a fare esplodere la gara: Emanuele Manzi, Andrea Rostan, Hannes Perkmann, Alberto Vender, Patrick Facchini, Marco Zanoni, Rolando Piana, Fabio Ruga, Francesco Trenti ed Andreas Reiterer…
Nella gara rosa impossibile non partire da un dato altrettanto clamoroso: saranno in gara le campionesse del mondo in carica sia del classic che del long distance. Qualcosa che non capita a molte gare, ma alla Nasego si potrà ammirare la sfida tra Lucy Wambui Murigi e Charlotte Morgan. E ancora Barbara Bani e Gloria Giudici, la rwandese Primitive Niyirora, la francese Elise Poncet, l’irlandese Sarah McCormack, le sorelle della Valle Varaita Francesca ed Erika Ghelfi e la saluzzese Lorenza Beccaria, neo-campionessa d’Italia a staffetta. E proprio il titolo tricolore di lunghe distanze rappresenta la gara nella gara lasciando molto aperto il pronostico in virtù del fatto che la favorita Elisa Sortini sia in forte dubbio a causa di un ginocchio dolorante che le permetterà probabilmente di gareggiare solo nel Vertical. Le pretendenti al titolo però non mancano oltre alle già citate ecco Samantha Galassi, Cecilia Basso, Camilla Magliano.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.