Effetto Albedo, Il cuore oltre la linea

Flavio, Paolo, Francesco e Stefano. Quattro ragazzi, quattro splitboarder e sciatori alla ricerca di montagne e discese poco o per nulla frequentate ma dietro l’angolo. Ne parliamo su Skialper di febbraio-marzo

© Federico Ravassard

«Non nascondo di averli guardati all’inizio con un certo scetticismo, sembravano l’ennesimo gruppo di amatori presi bene, tutti powder e GoPro. Poi le cose si sono fatte più chiare: questa è gente che scia un sacco e scia pure bene. Per sciare bene intendo dire la capacità di sapere scegliere le linee, andando a posare i propri sci e le proprie split in montagne poco o per nulla frequentate e su neve spesso più bella di quella che trovano gli altri. Insomma, ho dovuto ammettere a me stesso che la mia disistima altro non era che una malcelata forma di invidia e ammirazione. Probabilmente perché in montagna viene più facile storcere il naso che battere le mani. Nel frattempo loro continuavano a martellare una linea dopo l’altra, spesso su cime dai nomi sconosciuti e tuttavia dietro l’angolo, situate tra l’alto Piemonte e la Val d’Aosta: postacci in cui solo chi aveva voglia di fare fatica andava a infilarsi. E già questo spezzava una lancia a loro favore, perché se nel variopinto mondo dei social network ci sono quelli che parlano e quelli che camminano, con le loro uscite esplorative stavano dimostrando di appartenere alla seconda categoria». Scrive così Federico Ravassard su Skialper 128 di febbraio-marzo a proposito dei ragazzi di Effetto Albedo. 

© Federico Ravassard

A Flavio, Paolo, Francesco e Stefano basta alzare lo sguardo alla ricerca di una linea inusuale da percorrere con split e sci, magari dietro a casa, dove nessuno – o al massimo pochissimi – sono passati. Perché è sufficiente un po’ di fantasia per trovare l’avventura dietro casa. Così tra il fare un’intervista alla scrivania e andare a ravanare su qualche versante poco battuto… Federico si è trovato a partire alle 4.30 di mattina per battagliare con gli aghi di larice e raggiungere il versante Sud del Monte Berrio, in Valpelline, Valle d’Aosta. L’articolo e le foto sono su Skialper 128 di febbraio-marzo.

Ma perché Effetto Albedo poi? L’Albedo è il potere riflettente di una superficie nei confronti della luce. E, guarda caso, nella neve l’albedo massima è quella che caratterizza la polvere, la stessa che tutti gli sciatori – specialmente loro – vanno bramando!

© Federico Ravassard

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.