Doppia W Ultra 60, buona la prima

Successo di Michele Tavernaro e Cecilia Pedroni

Sono Michele Tavernaro e Cecilia Pedroni i primi vincitori della Doppia W Ultra 60, l’ultra trail da 60 km che, con quasi 5000 metri di dislivello, si snoda a cavallo tra la Valtellina e la Valposchiavo. Per i due vincitori crono finale di 8h18’01” e 9h54’16”.La partenza all’alba di sabato mattina dal Parco degli Olmi di Tirano: alle 5 i quasi 150 concorrenti individuali e le 47 staffette hanno dato il via alla cavalcata verso il traguardo delle Prese, sul lago di Poschiavo. La cronaca di gara vede uno scatenato Jaime Lopez che transita per primo al Gran Premio della Montagna del Passo del Portone, a 2700 metri di quota: non siamo però ancora a metà percorso, e forse il colombiano paga lo scotto di una partenza un po’ azzardata; è infatti Tavernaro a transitare per primo alla chiesetta di San Romerio, zona cambio delle staffette e punto intermedio del percorso. Ma dietro è bagarre per il podio: Lopez cede il passo agli avversari ed è lotta sui sentieri italo-svizzeri per la piazza d’onore: ad avere la meglio sono Luca Carrara e Giovanni Tacchini, rispettivamente secondo e terzo con il tempo di 8h31’44”e 8h44’38”. Nella top five anche Paolo Longo e Moreno Sala.

Michele Tavernaro ©Giacomo Meneghello/Roberto Ganassa

Non c’è storia, invece, nella prova femminile: dal primo all’ultimo km è una sfida solitaria per Cecilia Pedroni: la portacolori del Valetudo fa il vuoto dietro di sé staccando nettamente le avversarie. Al secondo posto la colombiana Diana Melo in 10h38’09” seguita da Maddalena Mognetti, in 10h47’03”. Chiudono il cerchio delle prime cinque Emanuela Manzoli e Chiara Boggio.

Cecilia Pedroni ©Giacomo Meneghello/Roberto Ganassa

STAFFETTA – Primi assoluti a tagliare il traguardo delle Prese la staffetta di Mattia Bonesi e Valentino Speziali. Successo in rosa per Cinzia Ghilotti, Roberta Sala e Giuseppina Sassella. Nella staffetta a due elementi vittorie dello skialper azzurro Nicolò Canclini e Giorgio Compagnoni e di Laura Besseghini e Martina Besseghini, con la prima nella doppia veste di atleta ed organizzatrice.

Un passaggio della gara ©Giacomo Meneghello/Roberto Ganassa

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.