Domani convegno a Piancavallo ad anticipare la Sky Race

Antipasto con il Progetto Sport-Endurance Piancavallo-Dolomiti Friulane

Alla partenza di domenica mattina sono attesi tutti i migliori interpreti della disciplina. Anche se il titolo italiano di skyrunning è già stato assegnato con una prova d’anticipo a Mikhail Mamleev, saranno Paolo Larger ed Emanuele Manzi a condendersi le posizioni di rincalzo. Da segnalare anche la presenza di Alessandro Morassi, Matteo Piller Hofer, e degli azzurri Matteo Eydallin e Lorenzo Holzknecht.
Tra le donne la lotta per il titolo tricolore è ancora aperta tra Raffaella Rossi ed Emanuela Brizio. Combatteranno per salire sul podio Paola Romanin e Jennifer Senik.
In concomitanza con gli eventi collaterali della Skyrace Monte Cavallo, il team Montania Racing ha voluto organizzare un convegno per discutere, illustrare e studiare i possibili scenari per far crescere in modo esponenziale il rapporto tra il territorio Piancavallo-Dolomiti Friulane e lo sport.
Oramai da qualche anno tra lo sport endurance, estivo o invernale, e il polo sciistico di Piancavallo si è creata una stretta sinergia nella collaborazione degli event. Un lavoro professionale per raggiungere i migliori risultati in termini di visibilità, servizi agli atleti e offerta turistica.
L’anello di congiunzione, operativamente parlando, tra Piancavallo ed eventi, è Enzo Sima direttore del polo sciistico che da sempre si è adoperato in prima persona affinché questi progetti vedessero la luce.
Che legame c’è tra Piancavallo e la Skyrace in programma domenica prossima?
«Più che legame questa collaborazione è un importante, ulteriore, tassello della proposta turistica del Piancavallo. Piancavallo, sempre di più, si sta sviluppando come un villaggio dello sport. Questa competizione è un tassello nell’ambito di una nuova disciplina, ma in continua crescita».
Campionati del Mondo dello scorso febbraio, la Skyrace, i prossimi Campionati Italiani vertical e staffetta di scialpinismo nel 2012, questi sono solo alcuni eventi di un progetto sport endurance a Piancavallo?
«In questo nuovo progetto, dove la Promotur intente a dare spazio a discipline normalmente meno curate, le discipline come lo skyrunning e lo scialpinismo si inseriscono benissimo. Per esempio, quest’anno metteremo a disposizione la prima pista specificatamente preparata e aperta per la pratica dello scialpinismo. Poiché la legge sulla sicurezza sulle piste da sci ne vieta la risalita delle stesse, invece di cercare cavilli burocratici o di predisporre dei regolamenti specifici per l’utilizzo secondo orari di queste piste, abbiamo deciso di creare un spazio dove potere salire e scendere in sicurezza e senza andare contro alla legge. Un percorso indipendente dal resto del comprensorio sciistico che potrebbe essere dotato di un rilevamento cronometrico collegato a internet per il trasferimento dei dati dei passaggi degli atleti».
Quali sono gli obiettivi che insieme alla Montania Racing e allo Sci Club Valcellinavi siete prefissati per il convegno di sabato pomeriggio?
«Sicuramente vogliamo parlare non solo del polo Piancavallo, ma di tutto il territorio della Valcellina. Non è casuale l’accordo per l’organizzazione dei Campionati Mondiali di scialpinismo dello scorso anno. Queste collaborazioni servono per rafforzare l’obiettivo di unire, non solo territorialmente, ma anche dal punto di vista organizzativo, due realtà che non sono contrastanti, ma che sono complementari. In estrema sintesi, Piancavallo è la realtè più moderna legata allo sport, mentre la Valcellina è una realtà che si è stretta alla storia e alla tradizione del vivere la montagna. La parte agonistica è l’evento promozionale, ma l’obiettivo è offrire un prodotto turistico completo di tutti i suoi elementi. Il binomio sport e territorio, in questo modo, è sicuramente più incisivo».
Tornando allo scialpinismo. Lo standard che si vuol far passare per arrivare nel mondo a cinque cerchi è quello delle gare sprint o staffetta con l’inserimento di una nuova formula che si trova nel mezzo tra queste due. A gennaio si disputeranno i Campionati Italiani, c’è la voglia di riportare un appuntamento internazionale?
«Sicuramente gli Italiani del prossimo gennaio sono solo uno step per arrivare molto velocemente a una prova di Coppa del Mondo anche perché le gare che abbiamo organizzato a febbraio hanno ricevuto l’approvazione sia degli atleti sia dei tecnici federali. A Piancavallo abbiamo applicato un modello legato alla visibilità, al colore, e allo spettacolo che sino allo scorso anno erano utilizzati solo nelle prove dello sci alpino».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.