Corsa in inverno, quando il gioco si fa duro

Su Skialper in edicola tutti i consigli per correre nella stagione fredda

Pioggia, neve, vento gelido, giornate corte e buie. Per correre d’inverno bisogna proprio amare lo sport e la vita all’aria aperta. Eppure le temperature basse sono più favorevoli alla corsa di quelle calde estive, a patto che non siano troppo rigide. Se è vero che l’uomo, a differenza degli animali, sembra essere stato creato apposta per correre perché non ha il pelo e quindi può fare fuoriuscire il sudore e coprire lunghe distanze, è anche vero che le migliori prestazioni gli atleti top le ottengono proprio ‘a freddo’. Basti pensare, per esempio, al record di Urban Zemmer nel vertical di Fully 2014, primo uomo a scendere sotto il muro dei 30 minuti grazie anche a temperature più fresche degli anni precedenti. Senza dimenticare che la corsa, soprattutto nei mesi autunnali di transizione, può essere, in certe situazioni, un buon ponte verso le gite scialpinistiche. Per runner irrinunciabili ma anche skialper, dunque, una corsetta fuori stagione è un must per tenersi in forma e la suggestione del paesaggio alpino autunnale e invernale, unita a quell’aria frizzante e al cielo terso, sono un invito a mettere le scarpe da running. E se piove o nevica? Niente paura, i materiali moderni consentono di mettere il naso fuori di casa e bruciare calorie con qualsiasi tempo. L’importante è seguire alcune regole e soprattutto usare sempre la testa e sapere valutare potenziali situazioni di pericolo. Per intenderci: va bene andare a fare la corsetta nel bosco dietro casa, magari rimandiamo il lungo in quota a giornate più propizie… Su Skialper di ottobre-novembre un ampio servizio dedicato all’argomento, con consigli dei pro, del medico, dell’alimentarista, scarpe e abbigliamento dei migliori marchi… e tanto altro. Il tutto illustrato dalle spelndide foto di Federico Ravassard.

MOTORE ALLENATO – La prima implicazione del correre con temperature più fresche è che un motore con una migliore cilindrata (leggi con una maggiore capacità di consumo di ossigeno) produce subito più calore. Per intenderci: un atleta ben allenato e con buone capacità aerobiche soffrirà meno il freddo e farà dunque meno fatica a gettarsi nel gelo, magari con abbigliamento relativamente leggero. Al contrario, un atleta allenato e con la quantità di massa grassa al minimo, fattore determinante (in positivo) nei mesi estivi, in inverno avrà qualche probabilità in più di ammalarsi, sarà meno protetto dal raffreddori e virus influenzali.

LAYER SYSTEM – Oggi va di moda parlare di layer, ma non è altro che ‘vestirsi a strati’. Per correre in inverno in montagna o in collina la cosa migliore è utilizzare diversi strati in funzione della temperatura e dell’intensità dell’attività. L’abbigliamento è sicuramente la più importante delle variabili. Bisogna inoltre considerare che spesso si tende a coprirsi troppo e dopo pochi minuti di corsa si tenderà comunque a sudare.

SCALDARSI PRIMA DI USCIRE –
Se possibile, sarebbe ideale eseguire alcuni esercizi di mobilizzazione in ambiente ancora mite (nel garage di casa prima di uscire!), alcune andature in modo non troppo veloce o qualche minuto di salto con la corda. Se per qualche motivo ciò non fosse possibile, è necessario prevedere alcuni minuti all’inizio della seduta di corsa, a velocità ridotta, in modo di avere tempo di riscaldare il corpo prima che gli venga chiesto di iniziare la performance».

LA REGOLA DELLE 3 ORE –
Lascia passare sempre almeno tre ore dopo un pasto principale prima di fare allenamento: l’organismo è meno resistente al freddo durante la digestione. Se la pausa pranzo è l’unico momento libero, fai uno spuntino a base di carboidrati complessi prima della corsa (un po’ di pasta, pane…) e mangia proteine, frutta e verdura dopo l’allenamento…

GIA’ DISPONIBILE SU APP – Skialper di ottobre è già disponibile nelle migliori edicole. Per ogni info si può scrivere una mail o chiamare il numero 0124 428051. (Per la pagina abbonamenti cliccare qui). Per chi lo volesse acquistare immediatamente su smartphone o tablet, è già disponibile. È sufficiente scaricare la app per iOS o Android e procedere all’acquisto direttamente in-app!.

A questo link una presentazione completa di Skialper 102 di ottobre-novembre.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.