9 settembre: ecco la Sky Race della Rosetta

Percorso di 21 chilometri e pacco gara ricco

Interamente disegnata all’interno del Parco delle Orobie Valtellinesi, domenica 9 settembre la prestigiosa gara podistica Sky Race della Roetta, in Val Gerola, tornerà a vestirsi di verde, bianco e rosso per assegnare i tricolori 2012 Fisky nella specialità Skyrace. Per l’occasione, grazie al recentissimo accordo siglato con Dynafit a ogni concorrente verrà consegnato uno splendido gilet ultralight in ripstop waterproof dal valore commerciale  di 80 euro versando i 25 euro della quota d’iscrizione.

LA STORIA – Nata inizialmente come gara a coppie, la Sky della Rosetta è cresciuta edizione dopo edizione sino ad assegnare nel 2009 i titoli italiani team. Per scelta, il comitato organizzatore ha poi deciso di trasformarla in prova individuale e di apportare nel contempo alcune migliorie al percorso che le hanno permesso di toccare tutti gli alpeggi della zona. Proposta con il preciso intento di fare conoscere e valorizzare delle zone e dei sentieri che ottimamente si prestano alla corsa in montagna d’alta quota, la SkyRace della Rosetta offre alloggio gratuito ai primi 30 iscritti provenienti da fuori regione nella casa vacanze del paese.

IL PERCORSO – I ventuno chilometri del tracciato di gara sono interamente disegnati all’interno del Parco delle Orobie Valtellinesi. In una lunga cavalcata a fil di cielo, i concorrenti attraversano luoghi incontaminati e ricchi di storia quali gli alpeggi dove si produce il famoso formaggio Bitto; il tutto  affrontando 1550 metri di dislivello positivo e altrettanti di discesa. Partendo dagli 850 m del Polifunzionale di Rasura, si sale passando dalla località Larice, Ciani e si continua raggiungendo gli alpeggi di Combana, Combanina e Stavello. Il percorso scende quindi in direzione Baita del Ven, per poi iniziare nuovamente a salire sfiorando il Lago di Culino e raggiungendo la Cima Rosetta (2140 t). Si perde quota tra i rododendri sino a 1700 m  per poi risalire lievemente verso la pozza dell’Alpe Olano. Ancora discesa, passando dal Rifugio della Corte e dall’abitato di Mellarolo. Rampa finale verso Rasura e arrivo al Polifunzionale. I record sono quelli del 2010: 2h00’13" Gil Pintarelli, 2h33’56" Raffaella Rossi. Nell’ottica di avvicinare le giovani leve alla specialità, nella mattinata del campionato italiano, verrà proposta una mini competizione con oltre cento piccoli concorrenti. www.sportracevaltellina.it
 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.