80 di Chamonix, prova generale per il mondiale

L’Italia festeggia con i podi di Carlini e Morbelli

E’ stata una prima assoluta, il Club des Sports di Chamonix, ha intrapreso la strada delle ultra distanze con un percorso di 80 km e quasi 6.000 m D+, inedito nella sua seconda parte, quella sulla balconata nord, finora mai solcata da nessuna competizione. Una gara di quelle vere, a detta dei molti partecipanti ascoltati, estremamente dura.

Più di settecento iscritti per un verdetto finale abbastanza eloquente; solo 471 di loro infatti sono riusciti a ritornare a Chamonix concludendo l’intero percorso. Il contesto di riferimento è stato quello della tre giorni di Chamonix che, oltre alla ultra, ha visto come ogni anno la 10, 23, 42 km e il Vertical. Numeri alla mano, con più di 6.500 iscritti, la Mont Blanc Marathon, giunta alla sua dodicesima edizione, è diventato di fatto l’avvenimento di outdoor running più partecipato di Chamonix, UTMB compreso. Sullo stesso percorso, infine, il prossimo anno si disputerà il primo Campionato del Mondo Skyrunning – Ultra. Lo spiegamento di forze in termini di media, televisioni e organizzazione generale, è sembrato quindi essere una prova generale per il grande evento del prossimo anno.

In campo maschile il solo francese Xavier Tevenard ha cercato di contrastare il dominio assoluto dei due compagni di team Francois D’Haene e Michel Lanne. Dal Col du Passet in poi, però, nulla ha più potuto; sulla seconda discesa che portava a Vallorcine, perdeva infatti 8 minuti sulla coppia di testa. Strano ma vero, Michel Lanne ha rinunciato a correre sulla 42 km per una frattura a un dito del piede e ha preferito fare un allenamento sulla distanza più lunga. Un allenamento molto particolare che gli ha fatto portare a casa una vittoria con la complicità di Francois; per loro un vantaggio finale sullo stesso Tevenard di 20 minuti. Dietro i primi tre il vuoto, con il francese Sylvain Couchaud a quasi un’ora. L’italiano Fabrizio Roux, tredicesimo assoluto, ha condotto la prima parte di gara a ridosso delle prime dieci posizioni. Per lui un risultato che arricchisce sicuramente la sua carriera nelle ultra distanze.

In campo femminile, l’Italia festeggia con il secondo posto di Alessandra Carlini e il terzo di Simona Morbelli, rispettivamente con 14 e 43 minuti di distacco dalla vincitrice, la francese Caroline Chaverot. Dopo la vittoria di Francesca Canepa la scorsa settimana alla ronda dels Cims ad Andorra, un segno tangibile che il livello femminile italiano nelle ultra distanze sta crescendo in modo importante.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.